Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta

| I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli

+ Miei preferiti
Due dei migliori giocatori dell’Arsenal, il centrocampista tedesco di origini turche Mesut Ozil e il difensore bosniaco Sead Kolasinac sono sotto scorta dopo essere finiti nel bel mezzo di una guerra tra gang londinesi. Lo scorso 25 luglio, all’uscita di un ristorante, i due sono stati aggrediti da alcuni teppisti armati di coltello che hanno tentato di rubare loro gli orologi. L’episodio non ha avuto conseguenze grazie soprattutto al coraggio di Sead Kolasinac, che ha affrontato la gang nell’attesa dell’arrivo della polizia. Ma da allora, intorno ai due giocatori dell’Arsenal è salito il livello di preoccupazioni: con un comunicato officiale, la società della formazione londinese ha deciso di far saltare ai due il primo impegno in Premier League: “La salute e il benessere dei nostri giocatori e delle loro famiglie è una delle priorità del club. La decisione è stata presa dopo aver parlato con i due atleti e con chi li rappresenta. Daremo ai nostri calciatori e alla polizia tutto il supporto possibile”.

Secondo alcune ipotesi, sarebbero circolate voci secondo cui la gang, composta da personaggi provenienti dall’Est europeo, avrebbero giurato vendetta contro i due calciatori: una minaccia che avrebbe fatto alzare il livello di protezione intorno ai due. Dal poco che trapela, la moglie di Kolasinac – parecchio scossa dall’episodio - avrebbe già scelto di lasciare l’Inghilterra per tornare in Germania. “All’inizio, i rapinatori pretendevano gli orologi dei due calciatori, poi quando hanno capito di chi si trattava, hanno alzato la posta dicendo ‘vogliamo tutto’ quello che avete”.

Due uomini sono stati arrestati dopo essersi presentati davanti alla lussuosa residenza di Ozil, in zona Hampstead Heat.

Sport
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi