Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta

| I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli

+ Miei preferiti
Due dei migliori giocatori dell’Arsenal, il centrocampista tedesco di origini turche Mesut Ozil e il difensore bosniaco Sead Kolasinac sono sotto scorta dopo essere finiti nel bel mezzo di una guerra tra gang londinesi. Lo scorso 25 luglio, all’uscita di un ristorante, i due sono stati aggrediti da alcuni teppisti armati di coltello che hanno tentato di rubare loro gli orologi. L’episodio non ha avuto conseguenze grazie soprattutto al coraggio di Sead Kolasinac, che ha affrontato la gang nell’attesa dell’arrivo della polizia. Ma da allora, intorno ai due giocatori dell’Arsenal è salito il livello di preoccupazioni: con un comunicato officiale, la società della formazione londinese ha deciso di far saltare ai due il primo impegno in Premier League: “La salute e il benessere dei nostri giocatori e delle loro famiglie è una delle priorità del club. La decisione è stata presa dopo aver parlato con i due atleti e con chi li rappresenta. Daremo ai nostri calciatori e alla polizia tutto il supporto possibile”.

Secondo alcune ipotesi, sarebbero circolate voci secondo cui la gang, composta da personaggi provenienti dall’Est europeo, avrebbero giurato vendetta contro i due calciatori: una minaccia che avrebbe fatto alzare il livello di protezione intorno ai due. Dal poco che trapela, la moglie di Kolasinac – parecchio scossa dall’episodio - avrebbe già scelto di lasciare l’Inghilterra per tornare in Germania. “All’inizio, i rapinatori pretendevano gli orologi dei due calciatori, poi quando hanno capito di chi si trattava, hanno alzato la posta dicendo ‘vogliamo tutto’ quello che avete”.

Due uomini sono stati arrestati dopo essersi presentati davanti alla lussuosa residenza di Ozil, in zona Hampstead Heat.

Sport
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Per eludere i controlli, l’ex campione dei massimi utilizzava un pene finto riempito con l’urina dei suoi figli. La confessione durante un'intervista