«Più calcio con un canale della Lega A»

| E’ l’obiettivo che si pone la società MediaPro che da oggi farà da intermediaria con le piattaforme che trasmettono le partite del massimo campionato. L’esempio da seguire è quello spagnolo. Sky però diffida la Lega: inammissibile

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

La Lega Serie A ha accettato l'offerta di MediaPro per i diritti della Serie A 2018-21 (l'ooferta ha superato il minimo d’asta di 1 miliardo e 50 milioni). La società spagnola farà dunque da intermediario e rivenderà tutte le partite del massimo campionato. Ma per gli spagnoli il progetto ideale resta, in ogni caso, la realizzazione del canale della Lega.
«Dai prossimi giorni parleremo del futuro con i club e la Lega - ha spiegato il presidente di MediaPro Jaume Roures -. Noi siamo convinti che la nostra proposta del canale crei più valore alla Lega e ai club stessi che la compongono. E, pertanto, crei un prodotto migliore per l'abbonato».

L’intento di MediaPro è quello di diventare non solo distributore ma anche produttore delle partite: «Tenteremo di convincere tutti che sia importante dare la stessa immagine a tutto il torneo - prosegue Roures -, e che noi abbiamo una grande capacità di produzione. Il marchio “calcio” deve essere identificabile, come quando si guarda una partita di Premier League e si capisce subito di che campionato si tratta. E' un lavoro che la Lega, i club e noi dobbiamo fare assieme».

A partire da oggi MediaPro farà approfondimenti con le diverse piattaforme. Non verrà stravolta nessuna abitudine italiana, anche se l’obiettivo è quello di allargare la base. «Il nostro obiettivo - puntulizza ancora il numero uno di MediaPro - è vendere più calcio possibile, alla migliore qualità possibile, al prezzo più giusto, collaborando con le piattaforme e aprendo nuove finestre di distribuzione. Per noi è cruciale l'abbonato, vogliamo che chi si abbona possa vedere tutte le partite. L’obiettivo è fare in modo che la Serie A si veda su ogni piattaforma, su tutti gli schermi possibili».

Al momento, con l'assegnazione dei diritti tv all'intermediario spagnolo non verrà stravolta nessuna abitudine italiana. E la rassicurazione arriva dall’amministratore delegato di Infront, Luigi De Siervo, advisor della Lega Serie A che fa notare come una diversificazione degli orari delle partite consente di avere più calcio per tutti: «Se tutte le partite si giocassero alle 15, come vuole qualche allenatore che ci vuole portare indietro di 20 anni, il nostro calcio sarebbe più povero. In Spagna, al contrario, sono stati capaci di allargare la base, hanno fatto crescere gli abbonati e portato più soldi al calcio. Ora un tifoso vede in media 3 partite e mezza alla settimana. E anche noi dovremo arrivare ad offrire un pacchetto sempre più ricco e  completo».

A Sky però l'idea di dover sottostare alla società spagnola non piace assolutamente ed ha diffidato la Lega serie A dall'assegnare a Mediapro i diritti audiovisivi della Serie A per le stagioni 2018-2021 «visto che il gruppo audiovisivo spagnolo Mediapro - pur avendo presentato un'offerta per lo specifico bando rivolto esclusivamente agli «intermediari indipendenti» - non opererebbe come un intermediario indipendente ma come un vero e proprio operatore della comunicazione», si legge in una nota del gruppo.

 

Sport
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
L’allenatore del Bologna svela di essere affetto da una forma aggressiva ma curabile. La commozione e le reazioni del mondo del calcio
Tragedia alla Pikes Peak: muore Carlin Dunne
Tragedia alla Pikes Peak: muore Carlin Dunne
Il pilota californiano, veterano della celebre cronoscalata in scena in Colorado da 97 anni, era in testa alla gara, in sella al prototipo di una nuova Ducati: l'incidente a pochi metri dal traguardo
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo