Razzisti contro l'Ajax
SIETE EBREI

| L'antisemitismo ora contamina anche lo sport. Il club di Amsterdam è considerato vicino gli ebrei ed è oggetto di insulti e minacce anti-semite. I tifosi, per reazione, sfilano con la bandiera di Israele. I dirigenti: "Ma è un errore"

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Ormai l’antisemitismo di ritorno in Europa non è più solo un incubo ma una realtà molto diffusa. Ci sono gruppi parlamentari di estrema destra che si rifiutano di ricordare la Shoah, c’è una strisciante guerra ad Israele che non ha nulla di sereno od obiettivo, e recentemente in Italia un ragazzino ha minacciato un compagno di scuola ebreo così: “Riapriremo i forni e vi ci metteremo dentro”. Ma l’odio razziale investe anche lo sport. In Olanda gli insulti all’Ajax, considerata una squadra “ebrea” sono ormai diventati un caso non solo nazionale. La storia dovrebbe insegnare qualcosa (o no). Alla fine della seconda guerra mondiale, circa il 75% della comunità ebraica olandese era stato annientato nei lager nazisti, ma chi ha danneggiato "De Dokwerker”, la statua che commemora lo sciopero contro l'occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale, ricoperta di vernice gialla e verde dai sostenitori di una squadra rivale, è l’emblema di una xenofobia di ritorno alla vigilia delle prossime delicate elezioni europee.

Non solo danni ma anche svastiche verdi sulla strada, tra antisemitismo e odio conto la squadra di calcio della città, l’Ajax, conosciuta come "club ebraico". Il vandalismo, presumibilmente compiuto dai tifosi di una squadra di calcio rivale dell’Ajax, è solo uno degli ultimi episodi. Poco importa che le bancarelle vicino alla Johan Cruyff Arena vendano bandiere israeliane ai sostenitori. Prima dell'invasione nazista dei Paesi Bassi nel 1940, circa 80.000 dei 140.000 ebrei del paese vivevano ad Amsterdam. Molti di quelli che morirono nei lager andavano a guardare l'Ajax, ma fu proprio negli anni '60 e '70 che l'Ajax divenne noto come "club ebraico”. Alcuni dei presidenti che hanno guidato il club durante gli anni '60 e '70 erano ebrei, mentre ci furono anche giocatori ebrei come Bennie Muller e Sjaak Swaart. Una parte di tifosi, presi di mira, decise di reagire, definendosi "Super Ebrei", adottando la bandiera israeliana come simbolo e indossando la Stella di Davide. Come accade, in forme diverse, in Inghilterra con il club inglese Tottenham Hotspur, anch’esso considerato vicino agli ebrei. ”Non mi piace", ha detto alla CNN David Endt, ex direttore generale dell’Ajax che contesta questa caratterizzazione: "Dà all'altra parte un alibi, per gridare cose sbagliate, per ferire persone che non hanno nulla a che fare con il calcio. Non dovrebbero farlo e non credo che sia giusto. Posso capire un po' i tifosi, perché a loro piace camminare dietro la bandiera e avere un simbolo. Ma questo è il simbolo sbagliato. E’ fuorviante dire: 'Noi siamo gli ebrei’". Endt, che è ebreo, dice anche che il club stesso deve fare di più per affrontare il problema, facendo dell'educazione una parte fondamentale della soluzione. “Forse con i bambini più piccoli, insegnare loro il significato della bandiera ebraica, che non ha nulla a che fare con l’Ajax” Il calcio è sport, e adesso si rischia di trasformarlo in qualcos’altro, in un’occasione per far riemergere dal passato ombre che si pensava cancellate. Con la falsa maschera del tifo.

 
Sport
Becco dell'Aquila, muore base jumper
Becco dell
E' la 25a vittima dal 2000 a oggi nel comune di Dro in Trentino. Il sindaco: "impossibile fermarli". Josefin Sando, 26 anni, si era lanciata alle 7 del mattino di Ferragosto con il marito, illeso
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
Ozil e Kolasinac dell’Arsenal sotto scorta
I due giocatori della squadra londinese sono finiti nell’obiettivo di una gang dell’est europeo che dopo un tentativo di rapina ha iniziato a perseguitarli
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Il trucco antidoping di Mike Tyson
Per eludere i controlli, l’ex campione dei massimi utilizzava un pene finto riempito con l’urina dei suoi figli. La confessione durante un'intervista
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Moto GP in lutto: muore Luca Semprini
Aveva 35, da quest’anno era uno degli addetti stampa del Team Ducati nel MotoGP: è stato ritrovato senza vita nella sua camera d’albergo
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Campioni sull’orlo di una crisi di nervi
Una ricerca della federazione che riunisce i calciatori professionisti, ha calcolato che i più grandi campioni sono sottoposti a stagioni al limite della sopportazione fisica e mentale
Jean Todt: Schumacher migliora
Jean Todt: Schumacher migliora
Assistito 24 ore su 24 da un’equipe medica, il sette volte campione del mondo ha compiuto dei progressi. Lo afferma i un'intervista il presidente FIA, uno dei pochi amici ad avere accesso alla villa di Schumi
Muore un altro pugile
Muore un altro pugile
Hugo Santillan, 23 anni, si è accasciato al suolo durante la premiazione: ancora una volta sono stati fatali i colpi ricevuti durante un incontro. Tre giorni fa la morte del russo Dadashev
Sai che c'è? Scendo dalla bici e me ne vado"
Sai che c
Il bizzarro e misterioso ritiro del ciclista Rohan Dennis dal Tour de France dopo una lite con un dirigente del team. Si attende la versione ufficiale
Muore campionessa di immersione giapponese
Muore campionessa di immersione giapponese
Sayuri Kinoshita, record woman di immersione in apnea senza pinne è stata ritrovata nel parecchio dello stabile in cui viveva. Ancora da chiarire le cause del gesto
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
Mihajlovic shock: “Ho la leucemia”
L’allenatore del Bologna svela di essere affetto da una forma aggressiva ma curabile. La commozione e le reazioni del mondo del calcio