Razzisti contro l'Ajax
SIETE EBREI

| L'antisemitismo ora contamina anche lo sport. Il club di Amsterdam è considerato vicino gli ebrei ed è oggetto di insulti e minacce anti-semite. I tifosi, per reazione, sfilano con la bandiera di Israele. I dirigenti: "Ma è un errore"

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Ormai l’antisemitismo di ritorno in Europa non è più solo un incubo ma una realtà molto diffusa. Ci sono gruppi parlamentari di estrema destra che si rifiutano di ricordare la Shoah, c’è una strisciante guerra ad Israele che non ha nulla di sereno od obiettivo, e recentemente in Italia un ragazzino ha minacciato un compagno di scuola ebreo così: “Riapriremo i forni e vi ci metteremo dentro”. Ma l’odio razziale investe anche lo sport. In Olanda gli insulti all’Ajax, considerata una squadra “ebrea” sono ormai diventati un caso non solo nazionale. La storia dovrebbe insegnare qualcosa (o no). Alla fine della seconda guerra mondiale, circa il 75% della comunità ebraica olandese era stato annientato nei lager nazisti, ma chi ha danneggiato "De Dokwerker”, la statua che commemora lo sciopero contro l'occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale, ricoperta di vernice gialla e verde dai sostenitori di una squadra rivale, è l’emblema di una xenofobia di ritorno alla vigilia delle prossime delicate elezioni europee.

Non solo danni ma anche svastiche verdi sulla strada, tra antisemitismo e odio conto la squadra di calcio della città, l’Ajax, conosciuta come "club ebraico". Il vandalismo, presumibilmente compiuto dai tifosi di una squadra di calcio rivale dell’Ajax, è solo uno degli ultimi episodi. Poco importa che le bancarelle vicino alla Johan Cruyff Arena vendano bandiere israeliane ai sostenitori. Prima dell'invasione nazista dei Paesi Bassi nel 1940, circa 80.000 dei 140.000 ebrei del paese vivevano ad Amsterdam. Molti di quelli che morirono nei lager andavano a guardare l'Ajax, ma fu proprio negli anni '60 e '70 che l'Ajax divenne noto come "club ebraico”. Alcuni dei presidenti che hanno guidato il club durante gli anni '60 e '70 erano ebrei, mentre ci furono anche giocatori ebrei come Bennie Muller e Sjaak Swaart. Una parte di tifosi, presi di mira, decise di reagire, definendosi "Super Ebrei", adottando la bandiera israeliana come simbolo e indossando la Stella di Davide. Come accade, in forme diverse, in Inghilterra con il club inglese Tottenham Hotspur, anch’esso considerato vicino agli ebrei. ”Non mi piace", ha detto alla CNN David Endt, ex direttore generale dell’Ajax che contesta questa caratterizzazione: "Dà all'altra parte un alibi, per gridare cose sbagliate, per ferire persone che non hanno nulla a che fare con il calcio. Non dovrebbero farlo e non credo che sia giusto. Posso capire un po' i tifosi, perché a loro piace camminare dietro la bandiera e avere un simbolo. Ma questo è il simbolo sbagliato. E’ fuorviante dire: 'Noi siamo gli ebrei’". Endt, che è ebreo, dice anche che il club stesso deve fare di più per affrontare il problema, facendo dell'educazione una parte fondamentale della soluzione. “Forse con i bambini più piccoli, insegnare loro il significato della bandiera ebraica, che non ha nulla a che fare con l’Ajax” Il calcio è sport, e adesso si rischia di trasformarlo in qualcos’altro, in un’occasione per far riemergere dal passato ombre che si pensava cancellate. Con la falsa maschera del tifo.

 
Sport
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Esplode lo scandalo delle pattinatrici francesi
Tre ex atlete di punta del pattinaggio di figura svelano a 30 anni di distanza di essere state vittime delle violenze dei loro allenatori. E la Francia trema
È morto Kobe Bryant
È morto Kobe Bryant
La leggenda della NBA, stella dei Los Angeles Lakers per vent’anni, sarebbe precipitato con il suo elicottero nei dintorni di Los Angeles. Si era ritirato nel 2015