Ricordando “Toivo”

| A 34 anni dall’incidente che gli è costata la vita insieme al navigatore Sergio Cresto, il giornalista Marco Cariati ripercorre la carriera e l’esistenza di Henri Toivonen, uno dei più coraggiosi campioni di rally di sempre

+ Miei preferiti
“Quel maledetto giorno del 1986”, inizia così “Toivo”, un libro che il giornalista Marco Cariati, uno dei più autorevoli esperti di rally in Italia, ha voluto dedicare alla leggendaria figura di Henri Toivonen, pilota di rally finlandese la cui esistenza si chiuse per sempre il 2 maggio 1986 - il giorno maledetto - fra le fiamme della Lancia Delta S4 Gruppo B insieme al suo navigatore, l’italiano Sergio Cresto.

Ancora oggi, davanti alla lapide che ricorda quella tragedia, sulla discesa del Col d’Ominanda, dove le montagne corse diventano più dure, non mancano mai fiori, biglietti, candele e sciarpe. Testimonianze di un ricordo che è ancora vivo nella memoria degli appassionati. Esattamente come per Senna e per tutti coloro che al volante hanno saputo dimostrare che non basta metterci mestiere e andare più veloce degli altri: serve coraggio, tanto, e quello il destino lo regala pochi.

Toivo avrebbe compito 30 anni pochi mesi dopo, e i rally erano nel suo Dna: papà Pauli negli Sessanta e suo fratello minore Harri dopo di lui hanno scelto di riempire l’intera esistenza di cronometri e bandiere a scacchi. Era una questione di famiglia, un talento che passava di generazione in generazione: a Henri mancava un mondiale, aveva vinto gare su gare, ed era sempre ad un passo dall’incidere il suo nome nella storia dei rally. L’ha fatto lo stesso, ma pagando il prezzo più alto: solo chi è caro gli dei muore giovane, si dice. Ma accettarlo, per chi resta, è dura.

“Toivo” (Lulu Press edizioni), con 154 pagine suddivise in 11 capitoli, arricchiti da 170 foto di cui molte inedite, ripercorre per intero la breve e intensa vita di Henri Toivonen: dagli inizi sui kart alle tante battaglie vissute in carriera, senza dimenticare le speranze, le delusioni e le amarezze di un campione vero.

Sport
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Maradona, i primi risultati dell’autopsia
Il campione argentino è morto per “insufficienza cardiaca acuta, generata da un edema polmonare acuto”. Davanti alla camera ardente, migliaia di persone in coda da ore. In Argentina proclamato il lutto nazionale per tre giorni
Addio a Diego Armando Maradona
Addio a Diego Armando Maradona
“El Pibe de Oro” si è spento nella sua residenza in Argentina per un attacco cardiaco: la notizia ha fatto il giro del mondo in pochi minuti
I guai travolgono i Washington Redskins
I guai travolgono i Washington Redskins
Costretta a cambiare nome e simbolo dopo le proteste della Nazione Indiana, la squadra di football della capitale americana deve vedersela anche con numerose denunce di molestie presentate da ex dipendenti
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
Atleta paralimpica americana muore durante una traversata
La campionessa di canottaggio Angela Madsen ritrovata senza vita dopo 60 giorni trascorsi in mare nel tentativo di partire in solitaria da Los Angeles per raggiungere le Hawaii
Il razzismo nel campionato Nascar
Il razzismo nel campionato Nascar
Bubba Wallace, l’unico pilota afroamericano del campionato automobilistico americano, minacciato con un cappio in stile Ku Klux Klan ritrovato nel suo box
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Lewis Hamilton: «Il silenzio colpevole della F1»
Il 6 volte campione del mondo accusa il circo dei motori di indifferenza di fronte alle proteste per la morte di George Floyd. “Sono ricchi, se ne stanno da parte: so chi sono, li vedo”
Cancellata la maratona di Boston
Cancellata la maratona di Boston
La più antica maratona del mondo annuncia forfait: in dubbio anche l’edizioni di quelle di Chicago e New York
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Giappone, suicida wrestler di 22 anni
Hana Kimura, wrestler professionista e figlia d'arte, ha annunciato la propria fine con un post su Instagram: da tempo era vittima di cyber-bullismo
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
Sofia Shapatava: «Il tennis potrebbe non sopravvivere alla pandemia»
La tennista georgiana, numero 375 al mondo, lancia l’allarme: “Ci sono professionisti di fascia medio-bassa che non riprenderanno a giocare. La pandemia ha tolto i veli ad un mondo in cui pochi guadagnano e molti faticano”
La depressione di Pelè
La depressione di Pelè
A quasi 80 anni, O’Rey ha grossi problemi di salute e non riesce più a camminare senza il deambulatore. Il figlio Edinho ha raccontato che è sempre più triste e depresso