"Sic", per sempre campione

| Nell'autunno del 2011 sulla pista di Sepang, in Malesia, il destino attendeva Marco Simoncelli: aveva 24 anni e il talento dei grandi

+ Miei preferiti

Dovrebbe esserci una legge, da qualche parte, che vieti di morire quando sei ancora un ragazzo: anche se fai un mestiere che con la morte ci va a braccetto, anche se l'idea di non tornare più a casa la pieghi in valigia ogni volta che devi partire per andare a correre. Marco Simoncelli, il "Sic", come lo chiamavano mutuando l'abbreviazione dei cartelli che i meccanici espongono durante le gare, se n'è andato 6 anni fa esatti, il 23 ottobre del 2011 a Sepang, in Malesia, ad un grappolo di ore di volo dalla sua Coriano, piccolo centro immerso nella campagna romagnola, ad una decina di km da Rimini, un posto dove il bagliori del circo colorato dei Gran Premi non riuscivano ad arrivare.

Era nato a Cattolica nel 1987: a sette anni sale sulla sua prima moto, a dodici è già Campione Italiano. Nel 2002 si laurea campione europeo classe 125, la 250 lo accoglie quattro anni dopo, ma è nel 2010 che la storia del "Sic" arriva al giro di boa: sbarca in MotoGP, la massima divisione, il punto d'arrivo di ogni pilota. Ma la gioia dura poco: quel 23 ottobre, un anno dopo appena il suo debutto, la sua Honda RC212V lo sbalza di sella, costringendo il Sic a tagliare la pista: Colin Edwards e Valentino Rossi non possono fare nulla per evitarlo. Il "Sic" muore all'istante, colpito alla testa. Alla famiglia, e alle migliaia di fans che non riescono a darsi pace, non resta che la consolazione di ricordarlo, tenendo alta la memoria di un ragazzo dalla testa piena di capelli che, semplicemente, amava andare in moto più di ogni altra cosa.

Ai suoi funerali, il 27 ottobre, la piccola e sperduta Coriano si riempie di tifosi, trasformandosi da quel momento in un luogo di pellegrinaggio continuo. Quasi immediatamente la famiglia di Marco, il cui dolore straziante rimarrà sempre composto e riservato, fa nascere una Fondazione Onlus che da allora si occupa di chi è meno fortunato, come amava fare il "Sic". Dalla nevosa mattina dell'8 dicembre del 2012, il Palazzo della Cultura di Coriano ospita "La Storia del Sic", un museo allestito da Aldo Drudi, disegnatore delle grafiche dei caschi e soprattutto amico fraterno di Marco Simoncelli, proprio mentre nei giardinetti di fronte veniva inaugurato un piccolo monumento al "Sic": una lastra in vetro sormontata dal numero "58", e una delle sue frasi più belle incisa sopra: "Mi piacerebbe essere ricordato come uno che in gara sapeva emozionare".

Sport
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato