"Sic", per sempre campione

| Nell'autunno del 2011 sulla pista di Sepang, in Malesia, il destino attendeva Marco Simoncelli: aveva 24 anni e il talento dei grandi

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Dovrebbe esserci una legge, da qualche parte, che vieti di morire quando sei ancora un ragazzo: anche se fai un mestiere che con la morte ci va a braccetto, anche se l'idea di non tornare più a casa la pieghi in valigia ogni volta che devi partire per andare a correre. Marco Simoncelli, il "Sic", come lo chiamavano mutuando l'abbreviazione dei cartelli che i meccanici espongono durante le gare, se n'è andato 6 anni fa esatti, il 23 ottobre del 2011 a Sepang, in Malesia, ad un grappolo di ore di volo dalla sua Coriano, piccolo centro immerso nella campagna romagnola, ad una decina di km da Rimini, un posto dove il bagliori del circo colorato dei Gran Premi non riuscivano ad arrivare.

Era nato a Cattolica nel 1987: a sette anni sale sulla sua prima moto, a dodici è già Campione Italiano. Nel 2002 si laurea campione europeo classe 125, la 250 lo accoglie quattro anni dopo, ma è nel 2010 che la storia del "Sic" arriva al giro di boa: sbarca in MotoGP, la massima divisione, il punto d'arrivo di ogni pilota. Ma la gioia dura poco: quel 23 ottobre, un anno dopo appena il suo debutto, la sua Honda RC212V lo sbalza di sella, costringendo il Sic a tagliare la pista: Colin Edwards e Valentino Rossi non possono fare nulla per evitarlo. Il "Sic" muore all'istante, colpito alla testa. Alla famiglia, e alle migliaia di fans che non riescono a darsi pace, non resta che la consolazione di ricordarlo, tenendo alta la memoria di un ragazzo dalla testa piena di capelli che, semplicemente, amava andare in moto più di ogni altra cosa.

Ai suoi funerali, il 27 ottobre, la piccola e sperduta Coriano si riempie di tifosi, trasformandosi da quel momento in un luogo di pellegrinaggio continuo. Quasi immediatamente la famiglia di Marco, il cui dolore straziante rimarrà sempre composto e riservato, fa nascere una Fondazione Onlus che da allora si occupa di chi è meno fortunato, come amava fare il "Sic". Dalla nevosa mattina dell'8 dicembre del 2012, il Palazzo della Cultura di Coriano ospita "La Storia del Sic", un museo allestito da Aldo Drudi, disegnatore delle grafiche dei caschi e soprattutto amico fraterno di Marco Simoncelli, proprio mentre nei giardinetti di fronte veniva inaugurato un piccolo monumento al "Sic": una lastra in vetro sormontata dal numero "58", e una delle sue frasi più belle incisa sopra: "Mi piacerebbe essere ricordato come uno che in gara sapeva emozionare".

Sport
SIETE EBREI'>Razzisti contro l'Ajax
SIETE EBREI
Razzisti contro lSIETE EBREI' class='article_img2'>
L'antisemitismo ora contamina anche lo sport. Il club di Amsterdam è considerato vicino gli ebrei ed è oggetto di insulti e minacce anti-semite. I tifosi, per reazione, sfilano con la bandiera di Israele. I dirigenti: "Ma è un errore"
Chapecoense: muore d’infarto un sopravvissuto
Chapecoense: muore d’infarto un sopravvissuto
Cronista sportivo, era uno dei sei passeggeri miracolati del volo che nel 2016 ha decimato la squadra brasiliana. E da allora si era battuto per la rinascita
Morde avversaria, sospesa idolo rugby
Morde avversaria, sospesa idolo rugby
Liz Patu, capitano della nazionale australiana, per sei mesi non potrà più giovare. "Ho sbagliato, chiedo scusa a tutti". I precedenti di Tyson e del calciatore Luis Suarez che diede un morso anche a Chiellini
Il Nantes dichiara guerra al Cardiff
Il Nantes dichiara guerra al Cardiff
La squadra di calcio francese, che aveva ceduto lo sfortunato Emiliano Sala (morto in un incidente aereo) al club gallese, insiste nel voler essere pagata con i 17 milioni di euro concordati per il passaggio dell’attaccante
Nike nei guai per una scarpa
Nike nei guai per una scarpa
La “PG2.5” di Zion Williamson si è aperta in due causandogli un infortunio. Sotto accusa finiscono i contratti con gli sponsor che obbligano i campioni a indossare modelli economici. Il titolo Nike brucia milioni di dollari
Rob, 25 kg di energia e intelligenza
Rob, 25 kg di energia e intelligenza
Rob Mendez, privo di gambe e braccia per una malattia genetica, studia sino da bambino per diventare coach di Football Usa. Ha vinto un trofeo con una squadra junior. Straordinario
Cuneo-Pro Piacenza, il calcio nella vergogna
Cuneo-Pro Piacenza, il calcio nella vergogna
La società emiliana, in grave crisi, schiera 7 ragazzini contro i prof avversari: il risultato 20 a 0, è lo specchio del divario di cui si nutre il mondo del calcio
Wanda, Wanda...ma cosa combini all'Inter?
Wanda, Wanda...ma cosa combini all
La bella e irrequieta moglie dell'ex capitano degradato della squadra, Mauro Icardi, sta creando un terremoto con i suoi continui post sui social in cui critica società e compagni. Intanto lui salta l'Europa League
Il Superbowl vinto dai super-nonni
Il Superbowl vinto dai super-nonni
Vincono i Patriots del 41enne Tom Bradley, allenati dal coach Belichick, 66 anni, il più vecchio di sempre. La star LA Rams Goff "imbambolato e inconcludente". Squadre in difesa e poche emozioni. Half-time sotto tono
Ancora fiori per Davide Astori
Ancora fiori per Davide Astori
Continua la processione dei tifosi al Franchi per ricordare il 32 compleanno del capitano stroncato da un malore il 4 marzo