"Sic", per sempre campione

| Nell'autunno del 2011 sulla pista di Sepang, in Malesia, il destino attendeva Marco Simoncelli: aveva 24 anni e il talento dei grandi

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta

Dovrebbe esserci una legge, da qualche parte, che vieti di morire quando sei ancora un ragazzo: anche se fai un mestiere che con la morte ci va a braccetto, anche se l'idea di non tornare più a casa la pieghi in valigia ogni volta che devi partire per andare a correre. Marco Simoncelli, il "Sic", come lo chiamavano mutuando l'abbreviazione dei cartelli che i meccanici espongono durante le gare, se n'è andato 6 anni fa esatti, il 23 ottobre del 2011 a Sepang, in Malesia, ad un grappolo di ore di volo dalla sua Coriano, piccolo centro immerso nella campagna romagnola, ad una decina di km da Rimini, un posto dove il bagliori del circo colorato dei Gran Premi non riuscivano ad arrivare.

Era nato a Cattolica nel 1987: a sette anni sale sulla sua prima moto, a dodici è già Campione Italiano. Nel 2002 si laurea campione europeo classe 125, la 250 lo accoglie quattro anni dopo, ma è nel 2010 che la storia del "Sic" arriva al giro di boa: sbarca in MotoGP, la massima divisione, il punto d'arrivo di ogni pilota. Ma la gioia dura poco: quel 23 ottobre, un anno dopo appena il suo debutto, la sua Honda RC212V lo sbalza di sella, costringendo il Sic a tagliare la pista: Colin Edwards e Valentino Rossi non possono fare nulla per evitarlo. Il "Sic" muore all'istante, colpito alla testa. Alla famiglia, e alle migliaia di fans che non riescono a darsi pace, non resta che la consolazione di ricordarlo, tenendo alta la memoria di un ragazzo dalla testa piena di capelli che, semplicemente, amava andare in moto più di ogni altra cosa.

Ai suoi funerali, il 27 ottobre, la piccola e sperduta Coriano si riempie di tifosi, trasformandosi da quel momento in un luogo di pellegrinaggio continuo. Quasi immediatamente la famiglia di Marco, il cui dolore straziante rimarrà sempre composto e riservato, fa nascere una Fondazione Onlus che da allora si occupa di chi è meno fortunato, come amava fare il "Sic". Dalla nevosa mattina dell'8 dicembre del 2012, il Palazzo della Cultura di Coriano ospita "La Storia del Sic", un museo allestito da Aldo Drudi, disegnatore delle grafiche dei caschi e soprattutto amico fraterno di Marco Simoncelli, proprio mentre nei giardinetti di fronte veniva inaugurato un piccolo monumento al "Sic": una lastra in vetro sormontata dal numero "58", e una delle sue frasi più belle incisa sopra: "Mi piacerebbe essere ricordato come uno che in gara sapeva emozionare".

Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo