Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa

| In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Ancora morti in montagna. Un alpinista irlandese è morto sull'Everest mentre cercava di scalare la vetta più alta del mondo dalla parte tibetana, secondo gli organizzatori della spedizione. "E' con grande tristezza che dobbiamo confermare che Kevin Hynes di Galway, Irlanda, uno dei membri del nostro team dell'Everest, è deceduto", hanno dichiarato in un comunicato i responsabili della spedizione di cui faceva parte. La notizia, l’ennesima, la riporta il Katmandu Times. "Kevin è stato uno degli scalatori più forti ed esperti del nostro team e in precedenza aveva scalato l'Everest South e il Lhotse", ha aggiunto. Molto spesso recuperare i corpi degli alpinisti morti è molto difficile e vengono lasciati dove hanno esalato l'ultimo respiro.

Kevin aveva raggiunto il Campo III a 8.300 m mercoledì scorso. "Ieri, mentre i nostri scalatori in vetta si stavano dirigendo verso l'alto, Kevin ha iniziato la sua discesa. Era accompagnato da una guida esperta, Dawa Sangee, che ha scalato l'Everest South due volte, l'Everest North e il Makalu due volte", ha detto. Kevin è morto nella sua tenda al Colle Nord a 7.000 m nelle prime ore (ora nepalese) questa mattina, ha aggiunto. "La sua meravigliosa moglie, Bernadette e i due figli, Erin e James, sono confortati da tutte le comunicazioni che Kevin ha inviato dalla sua spedizione, facendo loro sapere che l’ascesa è stata probabilmente la più bella che avesse mai vissuto durante le sue spedizioni. Si sta cercando di riportare il suo corpo al campo base, hanno detto gli ufficiali.

Altri due alpinisti morti, un uomo e una donna, sull’Everest forse perché costretti a lunghe attese per le code di aspiranti conquistatori della vetta costringendo centinaia di alpinisti a passare ore fermi in attesa al gelo prima di poter proseguire. Donald Lynn Cash, cittadino USA di 54 anni, e Anjali Kulkarni, 53 anni, sono morti durante la discesa, dopo aver passato ore in fila a più di ottomila metri, appena entrato“zona della morte”, dove ogni sforzo richiede un enorme dispendio di energie. Segue Kalpana Das, morto durante la discesa.

L’Everest, la montagna più alta del mondo (8848 mt), è invasa ogni ogni anno da centinaia di alpinisti, che - attraverso costosi tour operator - vogliono tentare la scalata con l’aiuto degli sherpa locali. Questo è un periodo considerato favorevole alle ascensioni ma l’imprevisto, i repentini cambi di tempo, è sempre in agguato.lÈ quello che ha causato la morte di Cash e Kulkarni. Mercoledì c’è stata una finestra di bel tempo quasi senza precedenti, e per giunta quasi al termine della stagione delle scalate. In 250 hanno provato a scalare l’Everest: sono arrivati in cima in 200, stabilendo il nuovo record di ascensioni in un giorno. Kulkarni aveva passato ore in coda è morta stremata nelle prima parte della discesa.. Cash è morto un collasso appena raggiunto ala cima. collassato non appena arrivato in cima. Morti anche due noti alpinisti indiani, Biplab Baidya e Kuntal Karar, i in discesa dalla vetta del Kanchenjunga (8538) , uccisi dalla mancanza di ossigeno. Njrmal Purja con gli sherpa Mingma David e Gesman Tamang avevano dato le loro bombole d’ossigeno  ai due indiani, sopra campo 4, per poi aiutarli a scendere di quota ma erano troppo provati per il maldi montagna, l’ipotermia e cecità da neve. Morto pochi giorni fa anche un altro esperto climber, l’alpinista cileno Rodrigo Vivanco, in discesa anche lui dalla vetta del Kanchenjunga, che aveva raggiunto in tempi al limite del possibile, nel tardo pomeriggio. Un ritardo che gli è stato fatale. Una squadra di sherpa si è già attivata da campo 4 per tentare di recuperare il corpo, impresa spesso impossibile. Il tragico bollettino - per ora - si chiude con altri due alpinisti indiani e un alpinista tedesco in gravi condizioni colpiti da ipotermia e congelamenti. Si sta cercando di recuperarli con due squadre Diu soccorso.

Sport
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Calcio scommesse Spagna, spuntano gli italiani
Indagini della polizia spagnola dopo le intercettazioni in cui un ex giocatore prende contatto con un allibratore italiano per "taroccare" le partite. Immobile tra i clienti delle agenzie? Smentita e diffida degli avvocati
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey, 2 milioni di followers
Kinsey Wolansky in mini-costume aveva invaso il campo durante la finale di Champions. In poche ore è diventata una stella del web. Dedica a Winks: "Ti ho distratto troppo?"
The blonde invasion
The blonde invasion
Kinsey Wolanski, modella russa di 23 anni, ha interrotto la finale di Champions League entrando in campo con un costume molto succinto. L’idea: pubblicizzare il sito per adulti del fidanzato
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto