Un esercito di “provette” maratonete

| I dati forniti dalla rivista “Correre” relativi al 2017 evidenziano la crescita in Italia delle donne che hanno concluso almeno una maratona: +5 per cento. La gara più frequentata è quella di Roma e all'estero, piace quella di New York

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

Hanno sfiorato quota 40 mila i podisti italiani che nel 2017 sono riusciti a completare almeno una maratona, sulla classica distanza di 42 chilometri e 195 metri. Per essere precisi: 39.460 secondo la classifica che puntualmente ogni anno pubblica rivista specializzata “Correre”. Il dato riferito all’anno passato è un record assoluto per il nostro Paese. Ma non solo. E’ anche il quarto primato fatto registrare negli ultimi 4 anni dopo i 38.254  del 2014, i 38.676  del 2015  e i 39.098  della stagione agonistica successiva. L’incremento fatto registrare tra gli uomini è poco significativo: si è passati dai 32.704 del 2016 ai 32.755 del 2017. Ben più consistente è quello invece fatto registrare dalle donne con una cresciuta del 4,9%, passando da 6.394 a  6.705 . Un dato che la rivista considera “prevedibile” visto che il movimento podistico femminile in Italia ha raggiunto il 45 per cento delle presenze totali. Sempre a livello statistico, l’anno passato i podisti italiani sono stati presenti in 201 maratone. Così suddivise : 127 gare estere e 74 gare sul suolo italiano.

La maratona più frequentata rimane quella di Roma (in foto) con 13.318 concorrenti che hanno tagliato la linea del traguardo. Molto bene anche Firenze, nonostante lo scorso anno la gara sia stata guastata da una giornata climaticamente negativa: hanno concluso comunque 8.438 eroici runner. Tiene Venezia bene che sfiora quota seimila con 5.908 presenze, mentre è Milano la gara che fa segnalare il migliore balzo in avanti come numero di partecipanti stabilendo addirittura un nuovo record con 5.303 arrivati. Una bella sorpresa a distanza di ben 16 anni dall’edizione del 2001 quando arrivarono al traguardo 4693 atleti.
A livello internazionale,  fra le gare estere, ma non ci poteva essere alcun dubbio, New York continua ampiamente ad essere la più amata dagli italiani con 2762 presenze. Continua a crescere in forma esponenziale la maratona di Valencia. Bel clima, percorso veloce, ambiente fantastico ed elettrizzante. Anche così si spiegano le 1.559 presenze italiane. Presenze che probabilmente cresceranno ancora nel 2018. Berlino la città dei tanti record mondiali ha catturato invece 953 presenze finendo davanti ad Atene che ha il fascino di un percorso storico, ma anche molto impegnativo sul piano muscolare con i suoi lunghi tratti in salita. Una mezza novità è Barcellona per ora ferma a 634 presenze. La città catalana ha comunque sempre un fascino particolare e potrebbe essere la sorpresa del 2018 in fatto di partecipazione dei nostri connazionali.
 

 

Sport
L’autogol di Van Basten
L’autogol di Van Basten
In diretta televisiva, pensando che il suo microfono fosse chiuso. Si lascia sfuggire il saluto nazista “Sieg Heil” e finisce in una bufera che potrebbe avere ripercussioni sulla sua attività di commentatore
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Non ce l’ha fatta la ginnasta americana Melania Coleman
Ricoverata in terapia intensiva, è spirata a causa delle lesioni al midollo spinale. L’incidente durante un allenamento, il cordoglio di tutto il Paese
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato