Uno squadrone azzurro
alla conquista della Corea

| Il presidente del Coni Malagò ha annunciato che la rappresentativa italiana sarà composta da 121 atleti. Ufficializzati i primi 84 nomi. Grande attesa per Goggia, Brignone, Fanchini protagoniste di una tripletta in Austria

+ Miei preferiti
di Piero Abrate

E’ scattato il conto alla rovescia per le Olimpiadi invernali che si terranno a Pyeong Chang, in Corea del Sud, dal 9 al 25 febbraio. È la seconda Olimpiade ospitata nel Paese asiatico dopo l’edizione estiva 1988, disputatasi nella capitale Seul. Stamane la giunta nazionale del Coni, riunita a Firenze, ha ufficializzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli sport invernali (Fisi).

"Portiamo in Corea la più alta spedizione con la fiducia e la convinzione di poter arrivare alla doppia cifra di medaglie - ha precisato il presidente del Coni Giovanni Malagò -. Ci sono molte gare in cui potremo farcela e sono convinto che ci riusciremo. Da quale disciplina mi aspetto qualcosa di importante? Sarei molto contento per ovvii motivi che negli sport invernali arrivasse una medaglia da Nadia Fanchini (nella foto, ndr), mentre nelle discipline di ghiaccio sarebbe bellissimo veder far bene una nostra squadra".

A proposito di Nadia Fanchini, l’atleta delle Fiamme Gialle, nonostante gli infortuni, le operazioni alle ginocchia e i gravi problemi familiari che ha dovuto affrontare in questi ultimi mesi, la settimana scorsa, alla “veneranda” età di 32 anni, ha messo a segno un colpo incredibile nella discesa libera di Bad Kleinkirchheim, gara valida per la Coppa del Mondo: è giunta infatti terza alle spalle delle altre azzurre Sofia Goggia e Federica Brignone. Una prestazione inaspettata e che fa ben sperare il presidente Malagò che si è anche soffermato sull'entità economica dei premi per i medagliati, che sarà la stessa come per le Olimpiadi estive: 150 mila euro per la medaglia d'oro, 75 mila per l'argento, 50 mila per il bronzo. "Per quanto riguarda le competizioni multiple - ha spiegato - in caso di vittorie i premi saranno moltiplicati secondo il numero dei partecipanti della squadra".

Era dai tempi di Torino 2006 che gli azzurri non contavano su un collettivo così nutrito, peraltro impegnato in 14 discipline sulle 15 in programma. Di fatto l’Italia è assente soltanto nell’hockey ghiaccio. Complessivamente verranno assegnate 102 medaglie di cui 50 maschili, 44 femminili e  8 miste ossia assegnate ai bambo i sessi.  La disciplina che assegnerà il maggior numero di titoli sarà lo sci di fondo con 12 seguito da sci alpino e biathlon con 11, freestyle e snowboard con 10.

Di seguito tutti gli azzurri convocati e i posti ancora da assegnare.

CURLING (5). Maschile: Daniele Ferrazza, Simone Gonin, Amos Mosaner, Andrea Pilzer, Joel Retornaz.

PATTINAGGIO ARTISTICO (11).  Uomini: Marco Fabbri, Matteo Guarise, Ondrej Hotarek, Luca Lanotte, Matteo Rizzo. Donne: Anna Cappellini, Nicole Della Monica, Charlene Guignard, Carolina Kostner, Valentina Marchei, Giada Russo.

SPEED SKATING (9). Uomini: Riccardo Bugari, Davide Ghiotto, Andrea Giovannini, Michele Malfatti, Mirko Nenzi, Nicola Tumolero. Donne: Francesca Bettrone, Yvonne Daldossi, Francesca Lollobrigida.

SHORT TRACK (7). Uomini: Yuri Confortola, Tommaso Dotti. Donne: Arianna Fontana, Cecilia Maffei, Cynthia Mascitto, Lucia Peretti, Martina Valcepina.

BIATHLON (10). Uomini: Thomas Bormolini, Thierry Chenal, Lukas Hofer, Giuseppe Montello, Dominik Windisch Donne: Nicole Gontier, Alexia Runggaldier, Federica Sanfilippo, Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer.

BOB (5). Uomini: Simone Bertazzo, Lorenzo Bilotti, Francesco Costa, Simone Fontana, Mattia Variola

COMBINATA NORDICA (5). Alessandro Pittin. I rimanenti quattro posti devono ancora essere assegnati.

SCI FREESTYLE (4). I posti devono ancora essere assegnati.

SALTO CON GLI SCI (6). I posti devono ancora essere assegnati.

SCI ALPINO (20). Uomini: Luca De Aliprandini, Peter Fill, Stefano Gross, Christof Innerhofer, Manfred Moelgg, Dominik Paris, Riccardo Tonetti. Donne: Marta Bassino, Federica Brignone, Chiara Costazza, Irene Curtoni, Nadia Fanchini, Sofia Goggia, Manuela Moelgg, Johanna Schnarf. I cinque posti rimanenti devono ancora essere assegnati.

SCI DI FONDO (15). Uomini: Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino. I dodici posti rimanenti devono ancora essere assegnati.

SKELETON (1). Uomini: Joseph Luke Cecchini

SLITTINO (9). Uomini: Dominik Fischnaller, Kevin Fischnaller, Emanuel Rider, Fabian Malleier, Ivan Nagler, Patrick Rastner, Ludwig Rieder. Donne: Sandra Robatscher, Andrea Voetter

SNOWBOARD (14). Uomini: Michele Godino, Lorenzo Sommariva, Emanuel Perathoner, Omar Visintin. Donne: Sofia Belingheri, Raffaella Brutto, Francesca Gallina, Michela Moioli. Gli altri sei posti rimanenti devono ancora essere assegnati.

Sport
Il dramma in diretta di André Gomes
Il dramma in diretta di André Gomes
Il centrocampista dell’Everton colpito involontariamente da Son del Tottenham, è rimasto vittima di un brutto infortuno che ha mandato sotto shock un Paese intero
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
L’ultima corsa di Marieke Vervoort
La campionessa belga paralimpica, 40 anni, ha chiesto l’eutanasia, dopo aver con vissuto per decenni con il dolore
Boxe, è morto Patrick Day
Boxe, è morto Patrick Day
Da quattro giorni lottava fra la vita e la morte dopo un ko subito sul ring della Wintrust Arena di Chicago. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
Morto il calciatore argentino Ezequeil Esperon
È precipitato dal sesto piano di una palazzina dove si trovava per una festa: la ringhiera della terrazza ha ceduto facendolo cadere nel vuoto per 20 metri
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Nuova tragedia nel mondo delle arti marziali
Le conseguenze di un aneurisma sono state fatali per Katy Collins, tra tre anni entrata nel circuito professionistico delle MMA
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Lo sport sotto la lente della giustizia americana
Il timore che il caso del medico Larry Nassar possa ripetersi, il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’indagine per fare luce sugli abusi sessuali
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
"Se non mi sparano prima il complotto sarà chiaro a tutti"
Caso Schwazer, il tecnico Donati, uno dei precursori della lotta al doping attacca la Wada per le provette che hanno distrutto l'ex maratoneta azzurro. E il Ris ha seri dubbi sui risultati delle analisi. Ma il mistero resta
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
Charles Leclerc, il “ragazzino” che si è preso la Ferrari
A 21 anni, nella stagione di debutto in F1, si è tolto il lusso di lasciarsi per due volte dietro le spalle Hamilton e il suo compagno di scuderia Vettel. La storia di un predestinato
Stramaccioni dichiara guerra all'Iran
Stramaccioni dichiara guerra all
Subito la replica: visto sul passaporto scaduto, niente ritorno in Italia. La società che allena nega: "Mai chiesto ferie. A noi non risulta". Interviene la Farnesina con gli ayatollah
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
Addio a Jessi Combs, la donna più veloce del mondo
A 39 anni, si è schiantata con una jet-car in un deserto dell’Oregon su cui stava tentando di conquistare un record di velocità a cui teneva moltissimo