Wayne Rooney arrestato per ubriachezza

| L’ex stella del Manchester United, in forze al D.C. United, sarebbe stato fermato dagli agenti all’aeroporto di Washington. La notizia diffusa solo in queste ore

+ Miei preferiti
Inizia male l’anno di Wayne Rooney, attaccante del DC United e leggenda del calcio inglese: il 16 dicembre è stato arrestato dagli agenti della “Washington Airports Autority Police” per ubriachezza molesta. La notizia, battuta dalle agenzie solo in queste ore, riferisce che “Hummer Rooney”, com’è chiamato dai tifosi inglesi per via della potenza fisica, sarebbe stato fermato all’aeroporto “Dulles” di Washington mentre dava in escandescenze: poco prima di essere bloccato dagli agenti, Rooney si sarebbe tolto la maglietta. Arrestato, è stato condotto in presso il “Loudoun County Adult Detention Center” di Leesburg, in Virginia, e rilasciato in attesa dell’udienza di conferma del fermo, fissata per il 24 gennaio. Udienza che non ci sarà, perché Rooney se la sarebbe cavata con una semplice multa da 114 dollari. Decisione che sta scatenando polemiche furiose per quello che è considerato un trattamento di favore.

L’ex stella del Manchester United è tranquillamente rientrata in Inghilterra, dove ha trascorso le feste con la famiglia”.

Wayne Rooney, 33 anni, è il giocatore che vanta il maggior numero di reti con la maglia della nazionale inglese, con cui ha disputato tre Mondiali (2006, 2010 e 2014) e tre Europei (2004, 2012, 2016). Primato che ha conquistato anche con il Manchester United, dove guida la classifica del miglior marcatore della storia, vincendo 5 campionati, 3 Coppe di Lega, 6 Community Shield, una FA Cup, una UEFA Champions League, una UEFA Europa League e una Coppa del Mondo per club FIFA. Secondo “France Football”, nel 2015 era al 7° posto fra i calciatori più ricchi dell’anno, con 22,5 milioni guadagnati fra ingaggio e sponsor. Dal giugno del 2018 si è trasferito negli Stati Uniti, per indossare la maglia del “D.C. United”, società con sede a Washington che milita nella “Major League Soccer”.

Sport
Caos Everest, sherpa in rivolta
Caos Everest, sherpa in rivolta
Assemblea sindacale con centinaia di sherpa al campo base della vetta. Sono gli alpinisti che hanno raggiunto più volte gli 8 mila e hanno bisogno dei certificati per lavorare nelle spedizioni. Il governo promette: "Li aiuteremo"
In coda sull'Everest altri tre morti
In coda sull
Ormai è un surreale stato di emergenza. Gli scalatori in coda anche per 12 ore arrivano stremati sulla vetta e musoni esausti durante la discesa. Morti uun irlandese e altri due indiani
Ottomila, l'inutile strage: centinaia in coda sull'Everest, si muore nell'attesa
Ottomila, l
In poche ore morti un irlandese, un cittadino Usa, cinque indiani e un cileno. Timori per due indiani e un alpinista tedesco, nella morsa del gelo. Lunghe code per salire per il sovraffollamento. Il problema dei cadaveri da recuperare
Lance Armstrong: rifarei tutto
Lance Armstrong: rifarei tutto
Nel corso di un’intervista, l’ex campione di ciclismo americano ripercorre con poche battute gli errori che l’hanno portato a vedersi ritirare i titoli e bandire a vita dallo sport che amava
Pep Guardiola alla Juventus
Pep Guardiola alla Juventus
Il sogno bianconero di ingaggiare l’allenatore più premiato, quotato e pagato del calcio mondiale pare sia diventato realtà: la firma il 4 giugno, la presentazione ufficiale 10 giorni dopo
Quel gelido "computer"
che controllava anche l'ultima vite
Quel gelido "computer"<br>che controllava anche l
Addio a un grandissimo pilota che vinse tre titoli mondiali in F1, considerato un freddo calcolatore dalla guida poco spettacolare. Invece era un talento inarrivabile. Fu un team manager di primo piano e imprenditore
Kami Rita, 23 volte sull'Everest
Kami Rita, 23 volte sull
Lo sherpa nepalese ha battuto un record forse ineguagliabile. Ha scalato anche il k2 e altri ottomila. Ha battuto due guide connazionali. Nota entusiasta del governo
Muore il padre di Emiliano Sala
Muore il padre di Emiliano Sala
A tre mesi dalla scomparsa del figlio, il cuore di Horacio Sala ha ceduto
Il baseball americano si avvia allo sciopero
Il baseball americano si avvia allo sciopero
È già successo altre volte, l’ultima 25 anni fa: di mezzo questioni economiche e rivendicazioni salariali. A essere strapagate sono le stelle, gli altri vivono con ingaggi al di sotto del salario minimo previsto per legge
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Fabio Fognini, il nuovo principe di Montecarlo
Dopo aver mandato a casa Rafa Nadal, il tennista ligure batte in finale il serbo Lajovic, riportando l’Italia a conquistare il torneo del Principato