21 anni: 22 morti, 24 feriti

| Si chiama Patrick Crusius, il folle attentatore che ha scelto di mettere in atto la peggior strage del 2019 negli Stati Uniti. Voleva ammazzare quanti più messicani possibili, per fermare l’invasione del suo Texas

+ Miei preferiti
Patrick Crusius, 21 anni: è il nuovo nome che si aggiunge al lungo elenco dei “muss murder”, l’infinito elenco di americani armati fino ai denti che nel loro giorno di ordinaria follia hanno imbracciato fucili mitragliatori per regolare i conti con i propri demoni. Crusius ce l’aveva con i messicani: ne ha uccisi 22 e mandati all’ospedale altri 24, sparando all’impazzata per un’ora, fra le 11 e mezzogiorno, all’interno di un “Walmart”, il più popolare e diffuso dei supermercati, dove trovi dalla frutta fresca all’abbigliamento, ma soprattutto dove spesso ci sono offerte che attirano la middle class americana. Era sabato, con 3000 clienti e 300 dipendenti a riempire ogni corsia: il solito pieno di famiglie che facevano la spesa anche al centro commerciale “Cielo Vista”, come accade in qualsiasi angolo del mondo.

Le immagini delle telecamere di sorveglianza lo mostrano con WASR-10 fra le braccia e le cuffie in testa, per evitare grida e il rumore forte della versione civile del mitra più amato dal terrorismo. Nel 2017, si scopre adesso, Crusius aveva pubblicato “The inconvenient truth” (la scomoda verità), il suo manifesto, una sorta di miccia accesa che nessuno ha pensato fosse il caso di spegnere. “Sono un sostenitore della strage di Chrischurch e del suo manifesto. Questo attacco è una risposta all’invasione ispanica del Texas. Sono stati loro a istigarmi, io sto solo difendendo il mio paese dagli invasori. L’America è in decomposizione dall’interno. La scomoda verità è che democratici e repubblicani hanno fallito per anni e sono entrambi coinvolti in uno dei più grandi tradimenti della storia americana”.

Poi tenta di spiegare la follia, scendendo nel dettaglio: gli ispanici rubano il lavoro agli americani, ma il peggio non sono gli immigrati di prima generazione, ma i loro figli, i “dreamers” che vogliono il sogno americano e cercano di laurearsi aspirando a lavori meglio retribuiti, mentre gli americani sono costretti a svolgere lavori sempre più sottopagati. Gli ispanici contribuiscono a esaurire nostre risorse naturali degli Stati Uniti. “Non ho passato molto tempo a preparare questo attacco: forse un mese. Ma ho pensato che un attacco preparato male e un manifesto impreciso fossero comunque meglio di niente. Ho passato tutta la vita a prepararmi per un futuro che non esiste: presto gli ispanici prenderanno il controllo del mio Texas”.

Per diversi testimoni oculari, gente che era all’interno del Walmart, Crusius era calmo, rilassato e tranquillo: ha smesso di sparare solo quando ha finito i colpi. Poi ha gettato a terra l’arma e si è arreso alla polizia. Le notizie ancora confuse che arrivano dagli Stati Uniti descrivono Patrick Crusius come un giovane problematico e grande fan di Donald Trump, abituato a ciondolare per tutto il giorno sul suo computer. Viveva con i genitori, una sorella gemella ed un fratello ad Allen, a mezzora di macchina da El Paso.

Con un conteggio ufficiale che parla di 32mila episodi di violenza costati la vita a 8.438 persone, quella di El Paso è la decima strage dell’anno negli Stati Uniti, la più sanguinosa: l’ultima, quella del 29 luglio al Garlic Festival di Gilroy, in California.

Video
Video
Galleria fotografica
21 anni: 22 morti, 24 feriti - immagine 1
21 anni: 22 morti, 24 feriti - immagine 2
21 anni: 22 morti, 24 feriti - immagine 3
Stati Uniti
Amy Dorris, l’ex modella
che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella<br>che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo
Trump contro il Pentagono
Trump contro il Pentagono
“Non mi amano, perché pensano solo a fare la guerra”: durissimo affondo del Presidente contro il Dipartimento della Difesa. L’ultimo atto di una guerra di nervi che va avanti da tempo
Michael Cohen: tutti gli inganni di Donald Trump
Michael Cohen: tutti gli inganni di Donald Trump
L’ex avvocato personale del presidente ha dato alle stampe un volume, l’ennesimo, dedicato all’ingombrante figura del presidente. Il ritratto impietoso di un “corrotto, imbroglione, razzista, truffatore, predatore e bugiardo”
La spia della CIA che si è uccisa nel giardino di casa
La spia della CIA che si è uccisa nel giardino di casa
Anthony Schinella, alto ufficiale dei servizi segreti, si è tolto la vita a poche settimane dalla pensione. Per la moglie, che ha trovato attrezzature da bondage, viveva con tormento la sua omosessualità e le responsabilità del suo lavoro