34 militari con problemi cerebrali dopo l’attacco missilistico

| Sono i postumi del pesante attacco lanciato dagli iraniani come risposta alla morte di Soleimani. Per Trump “un po’ di mal di testa, nulla di grave”

+ Miei preferiti
È Jonathan Hoffman, portavoce del Pentagono, a rivelare che le conseguenze dell’attacco missilistico iraniano dello scorso 8 gennaio alle due basi che ospitano militari americani, non è stato esattamente “innocuo” come dichiarato da più parti, a cominciare dal presidente Trump.

A ben 34 uomini di stanza in Iraq sono state diagnosticate lesioni cerebrali traumatiche: di questi, 17 feriti sono tornati in servizio e 16 sono stati curati sul posto, mentre 9 si trovano ancora in Germania e 8 hanno fatto ritorno degli Stati Uniti per ulteriori cure. Gli otto militari, sbarcati in America venerdì mattina, saranno curati al “Walter Reed National Military Medical Center”.

Anche se non sempre le lesioni cerebrali traumatiche sono evidenti nell’immediatezza, la conferma del Pentagono conferma che l’impatto dell’attacco è stato più grave di quanto ammesso inizialmente. Il Pentagono e Trump avevano dichiarato che nessun militare era rimasto ferito o ucciso nell’attacco missilistico, lanciato come rappresaglia all’uccisione del generale Soleimani.

“L’obiettivo del Pentagono è di essere trasparenti, accurati e di fornire al popolo americano le informazioni sugli enormi sacrifici che i nostri combattenti fanno”, ha concluso Hoffman.

A commento della notizia è arrivato il pensiero di Trump, che rispondendo ad una domanda dal Forum di Davos, ha voluto minimizzare: “Ho sentito che hanno avuto mal di testa e un paio di altre cose, ma direi che non è per nulla grave”.

Stati Uniti
Afroamericano ucciso dalla polizia,
torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia,<br>torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi