34 militari con problemi cerebrali dopo l’attacco missilistico

| Sono i postumi del pesante attacco lanciato dagli iraniani come risposta alla morte di Soleimani. Per Trump “un po’ di mal di testa, nulla di grave”

+ Miei preferiti
È Jonathan Hoffman, portavoce del Pentagono, a rivelare che le conseguenze dell’attacco missilistico iraniano dello scorso 8 gennaio alle due basi che ospitano militari americani, non è stato esattamente “innocuo” come dichiarato da più parti, a cominciare dal presidente Trump.

A ben 34 uomini di stanza in Iraq sono state diagnosticate lesioni cerebrali traumatiche: di questi, 17 feriti sono tornati in servizio e 16 sono stati curati sul posto, mentre 9 si trovano ancora in Germania e 8 hanno fatto ritorno degli Stati Uniti per ulteriori cure. Gli otto militari, sbarcati in America venerdì mattina, saranno curati al “Walter Reed National Military Medical Center”.

Anche se non sempre le lesioni cerebrali traumatiche sono evidenti nell’immediatezza, la conferma del Pentagono conferma che l’impatto dell’attacco è stato più grave di quanto ammesso inizialmente. Il Pentagono e Trump avevano dichiarato che nessun militare era rimasto ferito o ucciso nell’attacco missilistico, lanciato come rappresaglia all’uccisione del generale Soleimani.

“L’obiettivo del Pentagono è di essere trasparenti, accurati e di fornire al popolo americano le informazioni sugli enormi sacrifici che i nostri combattenti fanno”, ha concluso Hoffman.

A commento della notizia è arrivato il pensiero di Trump, che rispondendo ad una domanda dal Forum di Davos, ha voluto minimizzare: “Ho sentito che hanno avuto mal di testa e un paio di altre cose, ma direi che non è per nulla grave”.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa