Figlio di vegani muore a 18 mesi di denutrizione

| I genitori obbligavano i tre figli a mangiare solo frutta e verdura cruda, ma il più piccolo non ha retto ed è morto di stenti, come accertato dall’autopsia

+ Miei preferiti
È stata l’autopsia a chiarire che un bimbo di 18 mesi non era morto per percosse o maltrattamenti, ma per qualcosa di ugualmente atroce: denutrizione. Il bimbo era il più piccolo dei tre figli di Ryan e Sheila O’Leary, 30 anni lui, 35 lei, una coppia di Cape Coral, in Florida, da qualche anno ferventi vegani al punto da aver costretto anche i loro piccoli ad una dieta a base di frutta e verdura cruda.

Era stata Sheila O’Leary a chiamare i soccorsi lo scorso settembre, quando aveva trovato il piccolo freddo e quasi ormai privo di respiro: la polizia, intervenuta insieme ai paramedici, che hanno soltanto potuto constatare la morte del bimbo, si è insospettita vedendo gli altri due figli della coppia di 3 e 5 anni magri, pallidi e denutriti. Il bimbo, trasportato in ospedale per gli esami disposti dalla procura, pesava appena sette kg e accusava i sintomi della denutrizione: microsteatosi epatica, disidratazione, gonfiore delle mani e dei piedi. La madre ha raccontato che non mangiava cibo solido da almeno una settimana: era stato nutrito solo con latte materno.

I due genitori sono stati arrestati al termine di tutti gli esami disposti sul corpo del piccolo, e devono rispondere di omicidio colposo e incuria: gli altri due bambini sono statti affidati ai servizi sociali.

Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere