A San Francisco la app per segnalare le feci

| È un enorme problema di igiene pubblica, quello che da tempo si trova a combattere la splendida città californiana. La soluzione sembra averla trovata un giovane residente

+ Miei preferiti
Steinbeck, Kerouac, Ginsberg, Ferlinghetti, la Beat Generation, la West Coast americana dove i sogni profuma d’oceano e libertà. O meglio, profumava. Perché da qualche tempo, “Frisco” si trova a combattere un fenomeno tanto singolare quanto sconcertante. Partendo dall’inizio, la quarta città della California è da sempre meta di alternativi che ai resort preferiscono la strada: fa parte del fascino. Ma ai personaggi maledetti e affascinanti che ancora sono disposti a raccontare gli anni delle proteste contro la guerra del Vietnam, si sono aggiunti i senzatetto di sponda, quelli travolti dalla crisi e per lo più sbattuti fuori casa dallo sbarco in massa di cervelloni della Silicon Valley. Per chi ha casa da affittare una generazione molto più interessante e redditizia a cui affidare un immobile. Ma quando la gente vive per strada, per strada fa anche altro, dal dormire al mangiare a tutto quello che fisiologicamente è comunque inevitabile. Risultato: marciapiedi sommersi di escrementi e lamentele di residenti e turisti, costretti a slalom speciali con le infradito.

A forza di metterci una toppa, all’ombra del leggendario “Golden Gate” un’idea è nata, figlia di una delle tecnologie più attuali. Si chiama “SnapCrap”, termine che mutua il social “Snapchat” e il termine “crap”, forma gergale delle feci. Disponibile per adesso solanto su dispositivi iOS, SnapCrap è stata ideata da Sean Miller, giovane emigrato dal Vermont che pensava di arrivare in California per mettere dei fiori nei cannoni e non deodoranti sui marciapiedi. La app consente di fotografare l’area in cui si trova il prodotto intestinale - ma anche siringhe abbandonate, tombini divelti o cartelli stradali abbattuti - e inviare l’immagine al 331, numero che fa capo alla hotline di San Francisco, che a quel punto si mette immediatamente in moto inviando una squadra.

Galleria fotografica
A San Francisco la app per segnalare le feci - immagine 1
A San Francisco la app per segnalare le feci - immagine 2
Stati Uniti
Kim Kardashian contro una condanna a morte
Kim Kardashian contro una condanna a morte
La celebre socialite americana collabora da anni con studi legali per individuare errori giudiziari. Come molti altri, si è convinta dell’innocenza di Rodney Reed, che il prossimo 20 novembre sarà giustiziato
USA: un fight club in una casa di riposo
USA: un fight club in una casa di riposo
Tre infermiere costringevano i degenti a picchiarsi, scommettendo sul possibile vincitore. Una segnalazione ha fatto scattare un’inchiesta interna e subito dopo l’arresto da parte della polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Kevin Donovan, 40enne di Syracuse, diffondeva l’uso del “Narcan”, un farmaco che usato per tempo salva dalla morte. Aveva un passato da tossicodipendente da cui sembrava esserne uscito per sempre
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
È un vero colpo di scena nel caso di Amber Guyer, la poliziotta di Dallas che aveva ucciso un uomo credendo che fosse nel suo appartamento. Uno dei testimoni dell’accusa, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco
Impeachment: senza esclusione di colpi
Impeachment: senza esclusione di colpi
In meno di due settimane dalla richiesta di avviare la procedura contro Trump, una serie infinita di colpi di scena, accuse, insulti e sondaggi stanno avvelenando la politica americana
New York, la strage dei senzatetto
New York, la strage dei senzatetto
Quattro vittime, tutte uccise con una sbarra di metallo mentre dormivano per strada. Arrestato un 24enne, sarebbe uno di loro
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
Capitanati da Logan, 10 anni, un gruppo di ragazzini di Roseville, in California, ha rintracciato un’anziana donna scomparsa da casa che la polizia stava cercando. Sono diventati gli eroi d’America
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Un accordo epocale pari a 800 milioni di dollari, raggiunto dai legali delle vittime e dei feriti con la MGM: quasi tutta la somma sarà in realtà pagata dalle assicurazioni