Accusato di vigliaccheria

| Mentre Nikolas Cruz massacrava 17 compagni di scuola del liceo di Parkland, in Florida, l’unico agente di polizia presente si nascondeva al sicuro. Una vicenda emersa solo adesso, dopo 15 mesi di indagini: rischia fino a 96 anni di galera

+ Miei preferiti
Capita spesso, per fortuna del genere umano, che alla fine di ogni evento tragico venga fuori un nome o un volto di qualcuno che non ha esitato a mettere a repentaglio la propria vita, pur di salvarne altre. Eroi, li chiamano sempre, anche se del genere migliore, quelli “per caso”: gente senza nessun superpotere e a mani nude, che risponde a un richiamo inspiegabilmente coraggioso. Ma non sempre va così.

Il 14 febbraio dello scorso anno, il massacro alla “Majority Stoneman Douglas High School” di Parkland, in Florida, costa la vita a 17 persone, trucidate dal mitragliatore “AR-15” di Nikolas Jacob Cruz, un 19enne totalmente fuori di testa che se l’è pure cavata.

Ma nei giorni successivi, quando finita l’emergenza le forze dell’ordine si sono messe a ricostruire la sequenza del massacro, è emersa una verità tutt’altro che eroica. Il protagonista di questa vicenda al contrario, in questi giorni spernacchiato dagli Stati Uniti per intero, si chiama Scott Peterson, 56 anni, agente di polizia con 32 anni di carriera sulle spalle, di cui 28 passati come supporto di sicurezza nelle scuole della Florida. Eppure, le telecamere di quel giorno parlano chiaro: quando all’interno della scuola si scatena l’inferno e tutto diventa grida, urla e spari, si vede Scott Peterson trovare un luogo sicuro, ad una ventina di metri dall’edificio principale della Majority Stoneman, dove si sistema tranquillo per circa 45 minuti. Tempo utile a Nikolas Cruz per macellare i suoi 17 compagni di scuola esplodendo, dati alla mano, ben 75 colpi. E quando sul posto sono arrivate le pattuglie e le forze speciali, Peterson ha raccontato la sua supercazzola: ho sentito solo un paio di spari, e pensato fosse meglio aspettare i rinforzi. Proprio lui, che oltre al ragazzino folle era l’unico armato all’interno del complesso scolastico, e soprattutto l’unico che avrebbe potuto fermarlo.

Parte immediatamente l’inchiesta interna: 15 mesi di ricostruzioni e testimonianze che alla fine inchiodano Scott Peterson alle sue responsabilità, anche se dopo il massacro, sconvolto, aveva chiesto il prepensionamento. L’inchiesta è stata resa pubblica proprio in questi giorni, con il capo della polizia di Parkland, Rick Swearingen, che si è affrettato a scaricare Scott Peterson bollandolo come una presenza perfettamente inutile, perché “incapace di fare qualcosa per tentare di fermare il massacro”. Ma non basta, perché l’ex agente è stato arrestato, rinchiuso in una cella del carcere della contea di Broward e con una cauzione fissata in 102mila dollari. Sarà processato a breve, e dovrà rispondere di abbandono di minori, negligenza colposa e falsa testimonianza. Rischia fino a 96 anni di galera, e quasi certamente la revoca della pensione, come previsto dalle leggi federali della Florida.

Il suo avvocato, Joseph A. DiRuzzo III, è convinto che le accuse a carico del suo assistito siano del tutto infondate, e sia solo il tentativo di trovare un capro espiatorio al massacro. Secondo il legale, contro Peterson è stata messa in piedi una “grossolana semplificazione” di quello che lui fece quel giorno, architettata in modo da farlo apparire come un vigliacco, ma in realtà il suo assistito aveva preferito restare all’esterno dell’edificio perché convinto che gli spari provenissero da lì, ed era pronto ad intervenire.

I commenti peggiori sono quelli dei parenti delle vittime, convinti che Scott Peterson dovrebbe “marcire in galera”. Ryan Petty, padre di Alaina, una delle ragazze vittime di quel giorno, non è andato per il sottile: “Non ha fatto il suo dovere: proteggere le vite di quei ragazzi. È rimasto in piedi dietro ad una colonna di cemento per 48 minuti mentre studenti e insegnanti venivano massacrati. Ma sono felice che l’inchiesta sia finita e che Peterson paghi per quel che non ha fatto”. Altrettanto schietto Kai Koerber, un sopravvissuto alla sparatoria che qualche giorno fa si è laureato: “Dobbiamo essere certi che chi è deputato a farlo non esisti a rischiare la propria vita pur di salvarne altre. Il lavoro della polizia è di proteggere e servire, ma se gli agenti non ci riescono, non servono a niente e nessuno”.

Ancora da valutare la posizione di Brian Miller, uno dei primi agenti ad arrivare sul luogo della strage, a cui Peterson ha raccomandato di restare al coperto, perché qualcuno stava sparando.

Galleria fotografica
Accusato di vigliaccheria - immagine 1
Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo