Accusato di vigliaccheria

| Mentre Nikolas Cruz massacrava 17 compagni di scuola del liceo di Parkland, in Florida, l’unico agente di polizia presente si nascondeva al sicuro. Una vicenda emersa solo adesso, dopo 15 mesi di indagini: rischia fino a 96 anni di galera

+ Miei preferiti
Capita spesso, per fortuna del genere umano, che alla fine di ogni evento tragico venga fuori un nome o un volto di qualcuno che non ha esitato a mettere a repentaglio la propria vita, pur di salvarne altre. Eroi, li chiamano sempre, anche se del genere migliore, quelli “per caso”: gente senza nessun superpotere e a mani nude, che risponde a un richiamo inspiegabilmente coraggioso. Ma non sempre va così.

Il 14 febbraio dello scorso anno, il massacro alla “Majority Stoneman Douglas High School” di Parkland, in Florida, costa la vita a 17 persone, trucidate dal mitragliatore “AR-15” di Nikolas Jacob Cruz, un 19enne totalmente fuori di testa che se l’è pure cavata.

Ma nei giorni successivi, quando finita l’emergenza le forze dell’ordine si sono messe a ricostruire la sequenza del massacro, è emersa una verità tutt’altro che eroica. Il protagonista di questa vicenda al contrario, in questi giorni spernacchiato dagli Stati Uniti per intero, si chiama Scott Peterson, 56 anni, agente di polizia con 32 anni di carriera sulle spalle, di cui 28 passati come supporto di sicurezza nelle scuole della Florida. Eppure, le telecamere di quel giorno parlano chiaro: quando all’interno della scuola si scatena l’inferno e tutto diventa grida, urla e spari, si vede Scott Peterson trovare un luogo sicuro, ad una ventina di metri dall’edificio principale della Majority Stoneman, dove si sistema tranquillo per circa 45 minuti. Tempo utile a Nikolas Cruz per macellare i suoi 17 compagni di scuola esplodendo, dati alla mano, ben 75 colpi. E quando sul posto sono arrivate le pattuglie e le forze speciali, Peterson ha raccontato la sua supercazzola: ho sentito solo un paio di spari, e pensato fosse meglio aspettare i rinforzi. Proprio lui, che oltre al ragazzino folle era l’unico armato all’interno del complesso scolastico, e soprattutto l’unico che avrebbe potuto fermarlo.

Parte immediatamente l’inchiesta interna: 15 mesi di ricostruzioni e testimonianze che alla fine inchiodano Scott Peterson alle sue responsabilità, anche se dopo il massacro, sconvolto, aveva chiesto il prepensionamento. L’inchiesta è stata resa pubblica proprio in questi giorni, con il capo della polizia di Parkland, Rick Swearingen, che si è affrettato a scaricare Scott Peterson bollandolo come una presenza perfettamente inutile, perché “incapace di fare qualcosa per tentare di fermare il massacro”. Ma non basta, perché l’ex agente è stato arrestato, rinchiuso in una cella del carcere della contea di Broward e con una cauzione fissata in 102mila dollari. Sarà processato a breve, e dovrà rispondere di abbandono di minori, negligenza colposa e falsa testimonianza. Rischia fino a 96 anni di galera, e quasi certamente la revoca della pensione, come previsto dalle leggi federali della Florida.

Il suo avvocato, Joseph A. DiRuzzo III, è convinto che le accuse a carico del suo assistito siano del tutto infondate, e sia solo il tentativo di trovare un capro espiatorio al massacro. Secondo il legale, contro Peterson è stata messa in piedi una “grossolana semplificazione” di quello che lui fece quel giorno, architettata in modo da farlo apparire come un vigliacco, ma in realtà il suo assistito aveva preferito restare all’esterno dell’edificio perché convinto che gli spari provenissero da lì, ed era pronto ad intervenire.

I commenti peggiori sono quelli dei parenti delle vittime, convinti che Scott Peterson dovrebbe “marcire in galera”. Ryan Petty, padre di Alaina, una delle ragazze vittime di quel giorno, non è andato per il sottile: “Non ha fatto il suo dovere: proteggere le vite di quei ragazzi. È rimasto in piedi dietro ad una colonna di cemento per 48 minuti mentre studenti e insegnanti venivano massacrati. Ma sono felice che l’inchiesta sia finita e che Peterson paghi per quel che non ha fatto”. Altrettanto schietto Kai Koerber, un sopravvissuto alla sparatoria che qualche giorno fa si è laureato: “Dobbiamo essere certi che chi è deputato a farlo non esisti a rischiare la propria vita pur di salvarne altre. Il lavoro della polizia è di proteggere e servire, ma se gli agenti non ci riescono, non servono a niente e nessuno”.

Ancora da valutare la posizione di Brian Miller, uno dei primi agenti ad arrivare sul luogo della strage, a cui Peterson ha raccomandato di restare al coperto, perché qualcuno stava sparando.

Galleria fotografica
Accusato di vigliaccheria - immagine 1
Stati Uniti
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi