Addio all’eroe di Ground Zero

| L’11 settembre del 2001, l’agente Louis Alvarez era stato fra i primi a intervenire: per tre mesi aveva respirato una nuvola malefica che nel 2016 si è trasformata in un brutto male

+ Miei preferiti
A 53 anni, e soprattutto a 18 dal tragico e devastante attentato delle Torri Gemelle di New York, se n’è andato Louis Alvarez, eroico agente di polizia che l’11 settembre del 2001 era stato fra i primi a sfidare controcorrente la nuvola di polvere e macerie che avvolgeva la gente che fuggiva disperata, per prestare soccorso. E lì era rimasto per tre mesi, a scavare sperando di salvare ancora qualcuno, portando fuori di continuo i resti umani che trovava perché altri gli dessero un nome restituendo qualcosa su cui piangere alle famiglie. Come centinaia di altri colleghi e volontari, aveva respirato quella polvere, un velenoso misto di morte, vetro, cemento, piombo e amianto.

Era grande e grosso, un ragazzone cresciuto ad hamburger e “star and stripes”, innamorato del suo paese e di un mestiere pericoloso, quello del poliziotto, in una città che non scherza mai, come New York. Era nato nell’ottobre del 1965 nel Queens: diplomato alla “McLancy Memorial High School”, si era arruolato nei Marines entrando nel dipartimento di polizia nel 1990. Inizialmente assegnato al 108° distretto di Long Island, nel 1993 viene trasferito alla divisione Narcotici e promosso detective: nel 2004 si era offerto volontario per la “Bomb Squad”, dando le dimissioni nel 2010.

Si è arreso dopo 69 cicli di chemioterapia per combattere il male che l’aveva aggredito nel 2016, comunicando lui stesso qualche giorno fa di essere pronto per un “hospice” a Rockville, Long Island, dopo la l’ultima diagnosi dei medici, che si erano arresi dicendo ‘non c’è altro che possiamo fare’. Stamattina, l’annuncio attraverso i social della moglie Alaine e dei loro tre figli, David, Tyler e Benjamin: “Il nostro guerriero se n’è andato. Ricordatevi sempre le parole a cui teneva di più: ‘prendetevi cura di voi stessi e l’un l’altro’”.

Per quasi vent’anni dalla tragedia dell’11 settembre, Alvarez era diventato un simbolo vivente del senso del dovere, di abnegazione e di attaccamento alla divisa, e fiaccato dalla malattia si era ugualmente battuto come un leone perché sulla tragedia di Ground Zero fosse istituito un fondo che garantisse dignità a chi quel giorno si era ammalato, scoprendolo soltanto anni dopo, e alle loro famiglie, costrette a cure carissime. “Non siamo eroi, abbiamo soltanto fatto la cosa giusta: ora l’America deve fare la cosa giusta per noi”.

L’avevano ascoltato: il fondo era nato nel 2011, con 7,3 miliardi di dollari destinati a risarcire 21mila persone, ma nel 2020, gli avevano detto, si sarebbe esaurito lasciando senza risarcimenti altre 17mila persone, a meno di non avere nuovi fondi. Louis Alvarez era corso a Washington appena qualche settimana fa, presentandosi davanti al Congresso con il volto scavato dalla malattia e la voce stentata: accolto con ogni onore aveva chiesto di autorizzare nuovi stanziamenti, perché le vittime delle Twin Tower non sono solo i nomi incisi sul bronzo delle due vasche della memoria, a Ground Zero, ma le migliaia di persone che da allora continuano ad ammalarsi e morire, coprendo di croci quasi vent’anni di storia americana. Secondo il senatore di New York Chuck Schumer, ormai le morti per malattie legate alla tragedia dell’11 settembre sono molte di più delle vittime stesse di quel giorno bastardo di 18 anni fa.

Galleria fotografica
Addio all’eroe di Ground Zero - immagine 1
Addio all’eroe di Ground Zero - immagine 2
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia