Addio all’eroe di Ground Zero

| L’11 settembre del 2001, l’agente Louis Alvarez era stato fra i primi a intervenire: per tre mesi aveva respirato una nuvola malefica che nel 2016 si è trasformata in un brutto male

+ Miei preferiti
A 53 anni, e soprattutto a 18 dal tragico e devastante attentato delle Torri Gemelle di New York, se n’è andato Louis Alvarez, eroico agente di polizia che l’11 settembre del 2001 era stato fra i primi a sfidare controcorrente la nuvola di polvere e macerie che avvolgeva la gente che fuggiva disperata, per prestare soccorso. E lì era rimasto per tre mesi, a scavare sperando di salvare ancora qualcuno, portando fuori di continuo i resti umani che trovava perché altri gli dessero un nome restituendo qualcosa su cui piangere alle famiglie. Come centinaia di altri colleghi e volontari, aveva respirato quella polvere, un velenoso misto di morte, vetro, cemento, piombo e amianto.

Era grande e grosso, un ragazzone cresciuto ad hamburger e “star and stripes”, innamorato del suo paese e di un mestiere pericoloso, quello del poliziotto, in una città che non scherza mai, come New York. Era nato nell’ottobre del 1965 nel Queens: diplomato alla “McLancy Memorial High School”, si era arruolato nei Marines entrando nel dipartimento di polizia nel 1990. Inizialmente assegnato al 108° distretto di Long Island, nel 1993 viene trasferito alla divisione Narcotici e promosso detective: nel 2004 si era offerto volontario per la “Bomb Squad”, dando le dimissioni nel 2010.

Si è arreso dopo 69 cicli di chemioterapia per combattere il male che l’aveva aggredito nel 2016, comunicando lui stesso qualche giorno fa di essere pronto per un “hospice” a Rockville, Long Island, dopo la l’ultima diagnosi dei medici, che si erano arresi dicendo ‘non c’è altro che possiamo fare’. Stamattina, l’annuncio attraverso i social della moglie Alaine e dei loro tre figli, David, Tyler e Benjamin: “Il nostro guerriero se n’è andato. Ricordatevi sempre le parole a cui teneva di più: ‘prendetevi cura di voi stessi e l’un l’altro’”.

Per quasi vent’anni dalla tragedia dell’11 settembre, Alvarez era diventato un simbolo vivente del senso del dovere, di abnegazione e di attaccamento alla divisa, e fiaccato dalla malattia si era ugualmente battuto come un leone perché sulla tragedia di Ground Zero fosse istituito un fondo che garantisse dignità a chi quel giorno si era ammalato, scoprendolo soltanto anni dopo, e alle loro famiglie, costrette a cure carissime. “Non siamo eroi, abbiamo soltanto fatto la cosa giusta: ora l’America deve fare la cosa giusta per noi”.

L’avevano ascoltato: il fondo era nato nel 2011, con 7,3 miliardi di dollari destinati a risarcire 21mila persone, ma nel 2020, gli avevano detto, si sarebbe esaurito lasciando senza risarcimenti altre 17mila persone, a meno di non avere nuovi fondi. Louis Alvarez era corso a Washington appena qualche settimana fa, presentandosi davanti al Congresso con il volto scavato dalla malattia e la voce stentata: accolto con ogni onore aveva chiesto di autorizzare nuovi stanziamenti, perché le vittime delle Twin Tower non sono solo i nomi incisi sul bronzo delle due vasche della memoria, a Ground Zero, ma le migliaia di persone che da allora continuano ad ammalarsi e morire, coprendo di croci quasi vent’anni di storia americana. Secondo il senatore di New York Chuck Schumer, ormai le morti per malattie legate alla tragedia dell’11 settembre sono molte di più delle vittime stesse di quel giorno bastardo di 18 anni fa.

Galleria fotografica
Addio all’eroe di Ground Zero - immagine 1
Addio all’eroe di Ground Zero - immagine 2
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti