Aereo scarica il carburante su Los Angeles

| Il velivolo, appena partito dal LAX, è stato costretto a rientrare all’aeroporto, ma prima ha scaricato il carburante, colpendo in pieno un complesso scolastico. Aperta un’inchiesta

+ Miei preferiti
Sessanta persone, soprattutto bambini e ragazzi di cinque scuole elementari e un liceo, hanno dovuto richiedere l’intervento dei paramedici dopo che un grosso aereo di linea ha scaricato il carburante mentre tornava verso l’aeroporto internazionale di Los Angeles.

La scuola più colpita è la “Park Avenue Elementary” di Cudahy, ad una trentina di km dall’aeroporto, dove 20 bambini e 11 adulti hanno riportato ferite lievi. Le altre sono la “San Gabriel Elementary”, la “Graham Elementary”, la “Tweedy Elementary”, la “93rd Street Elementary” e la “Jordan High School”. Dopo le perlustrazioni delle scuole, gli esperti in materiali pericolosi hanno dato il via libera: il carburante è evaporato nel giro di poche ore.

“Alcune delle persone colpite dal carburante dell’aereo sono state trattate con acqua e sapone, ma nessuno è stato portato all’ospedale - ha commentato il sergente della polizia scolastica Rudy Perez - non è stato necessario evacuare le strutture: per qualche ora le strutture scolastiche sono state trasformate in “infermerie” improvvisate per curare i bimbi colpiti dal carburante”.

Justin Guiti, un bambino della quinta elementare di Park Avenue, è una delle vittime del carburante: “Ho notato grosse gocce colorate che cadevano dal cielo: non capendo cosa fossero ho guardato verso l’alto, e sono stato colpito in un occhio”.

Sono bastati dei controlli incrociati sull’ora e la rotta per ricostruire l’accaduto, confermato dalla “Delta Air Lines”: il carburante proveniva dal volo 89, appena decollato dal LAX e diretto a Shanghai, in Cina, quando “ha avuto un problema al motore che ha obbligato i piloti a tornare rapidamente verso l’aeroporto. L’aereo, un Boeing 777-200 con 288 passeggeri a bordo, è atterrato senza problemi, ma prima, per la procedura standard dovuta al peso si è dovuto liberare del grosso carico di carburante”. La Delta ha confermato di essere a stretto contatto con le autorità aeroportuali e il dipartimento dei vigili del fuoco della contea di Los Angeles, e ha espresso preoccupazione e rammarico per coloro che hanno subito lesioni.

L’Amministrazione federale dell’aviazione civile ha aperto un’inchiesta, poiché al netto delle procedure di sicurezza, gli aerei non devono scaricare il carburante su aree popolate.

Secondo David Soucie, esperto di sicurezza aerea, ci sono parametri di peso massimo per le fasi di decollo e di atterraggio: per far scendere un aereo con i serbatoi ancora pieni per un volo a lungo raggio, è necessario scaricare il carburante per evitare un sovrappeso pericoloso nelle fasi di rientro a terra, tuttavia “Ci sono procedure speciali di scarico del carburante per gli aerei che operano da e verso i principali aeroporti degli Stati Uniti: richiedono che il carburante sia scaricato in aree designate e non popolate, tipicamente ad altitudini più elevate, in modo che il carburante si atomizzi e si disperda prima di raggiungere il suolo”.

Stati Uniti
La prima mappa complete delle violenze della polizia
La prima mappa complete delle violenze della polizia
Il sito Bellingcat ha individuato e classificato almeno 1000 atti di violenza delle forze dell’ordine contro manifestanti dall’inizio delle proteste razziali. Un database unico, inedito e sconcertante
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani