Aereo scarica il carburante su Los Angeles

| Il velivolo, appena partito dal LAX, è stato costretto a rientrare all’aeroporto, ma prima ha scaricato il carburante, colpendo in pieno un complesso scolastico. Aperta un’inchiesta

+ Miei preferiti
Sessanta persone, soprattutto bambini e ragazzi di cinque scuole elementari e un liceo, hanno dovuto richiedere l’intervento dei paramedici dopo che un grosso aereo di linea ha scaricato il carburante mentre tornava verso l’aeroporto internazionale di Los Angeles.

La scuola più colpita è la “Park Avenue Elementary” di Cudahy, ad una trentina di km dall’aeroporto, dove 20 bambini e 11 adulti hanno riportato ferite lievi. Le altre sono la “San Gabriel Elementary”, la “Graham Elementary”, la “Tweedy Elementary”, la “93rd Street Elementary” e la “Jordan High School”. Dopo le perlustrazioni delle scuole, gli esperti in materiali pericolosi hanno dato il via libera: il carburante è evaporato nel giro di poche ore.

“Alcune delle persone colpite dal carburante dell’aereo sono state trattate con acqua e sapone, ma nessuno è stato portato all’ospedale - ha commentato il sergente della polizia scolastica Rudy Perez - non è stato necessario evacuare le strutture: per qualche ora le strutture scolastiche sono state trasformate in “infermerie” improvvisate per curare i bimbi colpiti dal carburante”.

Justin Guiti, un bambino della quinta elementare di Park Avenue, è una delle vittime del carburante: “Ho notato grosse gocce colorate che cadevano dal cielo: non capendo cosa fossero ho guardato verso l’alto, e sono stato colpito in un occhio”.

Sono bastati dei controlli incrociati sull’ora e la rotta per ricostruire l’accaduto, confermato dalla “Delta Air Lines”: il carburante proveniva dal volo 89, appena decollato dal LAX e diretto a Shanghai, in Cina, quando “ha avuto un problema al motore che ha obbligato i piloti a tornare rapidamente verso l’aeroporto. L’aereo, un Boeing 777-200 con 288 passeggeri a bordo, è atterrato senza problemi, ma prima, per la procedura standard dovuta al peso si è dovuto liberare del grosso carico di carburante”. La Delta ha confermato di essere a stretto contatto con le autorità aeroportuali e il dipartimento dei vigili del fuoco della contea di Los Angeles, e ha espresso preoccupazione e rammarico per coloro che hanno subito lesioni.

L’Amministrazione federale dell’aviazione civile ha aperto un’inchiesta, poiché al netto delle procedure di sicurezza, gli aerei non devono scaricare il carburante su aree popolate.

Secondo David Soucie, esperto di sicurezza aerea, ci sono parametri di peso massimo per le fasi di decollo e di atterraggio: per far scendere un aereo con i serbatoi ancora pieni per un volo a lungo raggio, è necessario scaricare il carburante per evitare un sovrappeso pericoloso nelle fasi di rientro a terra, tuttavia “Ci sono procedure speciali di scarico del carburante per gli aerei che operano da e verso i principali aeroporti degli Stati Uniti: richiedono che il carburante sia scaricato in aree designate e non popolate, tipicamente ad altitudini più elevate, in modo che il carburante si atomizzi e si disperda prima di raggiungere il suolo”.

Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato