Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra

| In un’inchiesta costata anni di lavoro e battaglie legali, il Washington Post svela le approssimazioni che da 18 anni gettano ombre e confusione sulla guerra in Afghanistan

+ Miei preferiti
“La prima vittima di ogni guerra è la verità”. Una frase dello scrittore e politico britannico Arthur Ponsonby che calza perfettamente agli “Afghanistan Papers”, la corposa inchiesta del “Washington Post” che racconta 18 anni di bugie sulla guerra iniziata un mese dopo l’attentato di New York dell’11 settembre 2001, e tutt'ora in corso. Fu George Bush a volerla, per debellare i nemici di Al-Qaeda, rovesciare i talebani ed eliminare Osama Bin Laden, il diavolo in persona.

Ma dietro c’era una verità diversa: dopo un’accesa battaglia legale lunga tre anni per ottenere l’autorizzazione ad accedere a file riservati, i giornalisti del WP hanno passato al setaccio oltre 2.000 pagine fra note, trascrizioni e interviste a vertici militari e statistiche che hanno come fine ultimo nascondere gli errori delle amministrazioni, i dubbi dell'intelligence e le perplessità del Pentagono. Dai documenti appare chiaro che sei mesi dopo l'inizio del conflitto, gli Stati Uniti avevano già raggiunto quasi tutti gli obiettivi chiave, dalla distruzione di Al-Qaeda a gettare nel caos i talebani, ma malgrado questo non mollano e imprimono al conflitto pieghe diverse, con “strategie fatalmente imperfette su ipotesi errate di un paese che non capivano”. L'Afghanistan diventa una guerra che non ha più una strategia, ma è figlia di un’improvvisazione quasi quotidiana che dalle mani di Bush figlio passa in quelle di Obama. Fra la fine del 2001 e l’inizio dell’anno successivo, Bush sposta l’attenzione verso l’Iraq, lasciando all’Afghanistan un ruolo marginale, con il risultato di lasciare campo libero al ritorno dei talebani, considerati nemini ma senza che nessuno sappia esattamente il perché. Dopo Bush ci prova Obama, che riversa nel Paese asiatico tonnellate di aiuti promettendo di riportare a casa le truppe statunitensi nel giro di poco e di instaurare una democrazia duratura. Ma neanche questa finisce per essere una soluzione vincente: completa la vendetta dando il via libera all'uccisione di Bin Laden, ma la fretta di mostrare risultati all’America e gli stretti legami con il governo afghano, corrotto all’ennesima potenza, hanno lo stesso effetto di prima: lasciare spazio ai talebani, con cui Obama almeno tenta di trovare un dialogo.

Nei documenti, decijne di alti ufficiali dell'esercito, della marina e dell'aviazione americana pongono domande semplici e disarmanti a cui nessuno sa rispondere: chi è il nemico? Quali sono i nostri alleati? E i nostri obiettivi? Come sapremo di aver vinto? Non lo sa nessuno, questo è il problema.

Domande che nelle basi in mezzo alla polvere dell'Afghanistan si facevano anche i 775mila militari americani che in 18 anni si sono alternati nel martoriato Paese asiatico: 2.300 sono morti, più di 20mila sono tornati a casa con ferite più o meno gravi e molti di più sono quelli che ancora oggi accusano stress post-traumatici del tutto simili a quelli di chi li aveva preceduti nel conflitto del Vietnam. Un’altra guerra tanto inutile quanto impossibile da vincere.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa