Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra

| In un’inchiesta costata anni di lavoro e battaglie legali, il Washington Post svela le approssimazioni che da 18 anni gettano ombre e confusione sulla guerra in Afghanistan

+ Miei preferiti
“La prima vittima di ogni guerra è la verità”. Una frase dello scrittore e politico britannico Arthur Ponsonby che calza perfettamente agli “Afghanistan Papers”, la corposa inchiesta del “Washington Post” che racconta 18 anni di bugie sulla guerra iniziata un mese dopo l’attentato di New York dell’11 settembre 2001, e tutt'ora in corso. Fu George Bush a volerla, per debellare i nemici di Al-Qaeda, rovesciare i talebani ed eliminare Osama Bin Laden, il diavolo in persona.

Ma dietro c’era una verità diversa: dopo un’accesa battaglia legale lunga tre anni per ottenere l’autorizzazione ad accedere a file riservati, i giornalisti del WP hanno passato al setaccio oltre 2.000 pagine fra note, trascrizioni e interviste a vertici militari e statistiche che hanno come fine ultimo nascondere gli errori delle amministrazioni, i dubbi dell'intelligence e le perplessità del Pentagono. Dai documenti appare chiaro che sei mesi dopo l'inizio del conflitto, gli Stati Uniti avevano già raggiunto quasi tutti gli obiettivi chiave, dalla distruzione di Al-Qaeda a gettare nel caos i talebani, ma malgrado questo non mollano e imprimono al conflitto pieghe diverse, con “strategie fatalmente imperfette su ipotesi errate di un paese che non capivano”. L'Afghanistan diventa una guerra che non ha più una strategia, ma è figlia di un’improvvisazione quasi quotidiana che dalle mani di Bush figlio passa in quelle di Obama. Fra la fine del 2001 e l’inizio dell’anno successivo, Bush sposta l’attenzione verso l’Iraq, lasciando all’Afghanistan un ruolo marginale, con il risultato di lasciare campo libero al ritorno dei talebani, considerati nemini ma senza che nessuno sappia esattamente il perché. Dopo Bush ci prova Obama, che riversa nel Paese asiatico tonnellate di aiuti promettendo di riportare a casa le truppe statunitensi nel giro di poco e di instaurare una democrazia duratura. Ma neanche questa finisce per essere una soluzione vincente: completa la vendetta dando il via libera all'uccisione di Bin Laden, ma la fretta di mostrare risultati all’America e gli stretti legami con il governo afghano, corrotto all’ennesima potenza, hanno lo stesso effetto di prima: lasciare spazio ai talebani, con cui Obama almeno tenta di trovare un dialogo.

Nei documenti, decijne di alti ufficiali dell'esercito, della marina e dell'aviazione americana pongono domande semplici e disarmanti a cui nessuno sa rispondere: chi è il nemico? Quali sono i nostri alleati? E i nostri obiettivi? Come sapremo di aver vinto? Non lo sa nessuno, questo è il problema.

Domande che nelle basi in mezzo alla polvere dell'Afghanistan si facevano anche i 775mila militari americani che in 18 anni si sono alternati nel martoriato Paese asiatico: 2.300 sono morti, più di 20mila sono tornati a casa con ferite più o meno gravi e molti di più sono quelli che ancora oggi accusano stress post-traumatici del tutto simili a quelli di chi li aveva preceduti nel conflitto del Vietnam. Un’altra guerra tanto inutile quanto impossibile da vincere.

Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare