Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra

| In un’inchiesta costata anni di lavoro e battaglie legali, il Washington Post svela le approssimazioni che da 18 anni gettano ombre e confusione sulla guerra in Afghanistan

+ Miei preferiti
“La prima vittima di ogni guerra è la verità”. Una frase dello scrittore e politico britannico Arthur Ponsonby che calza perfettamente agli “Afghanistan Papers”, la corposa inchiesta del “Washington Post” che racconta 18 anni di bugie sulla guerra iniziata un mese dopo l’attentato di New York dell’11 settembre 2001, e tutt'ora in corso. Fu George Bush a volerla, per debellare i nemici di Al-Qaeda, rovesciare i talebani ed eliminare Osama Bin Laden, il diavolo in persona.

Ma dietro c’era una verità diversa: dopo un’accesa battaglia legale lunga tre anni per ottenere l’autorizzazione ad accedere a file riservati, i giornalisti del WP hanno passato al setaccio oltre 2.000 pagine fra note, trascrizioni e interviste a vertici militari e statistiche che hanno come fine ultimo nascondere gli errori delle amministrazioni, i dubbi dell'intelligence e le perplessità del Pentagono. Dai documenti appare chiaro che sei mesi dopo l'inizio del conflitto, gli Stati Uniti avevano già raggiunto quasi tutti gli obiettivi chiave, dalla distruzione di Al-Qaeda a gettare nel caos i talebani, ma malgrado questo non mollano e imprimono al conflitto pieghe diverse, con “strategie fatalmente imperfette su ipotesi errate di un paese che non capivano”. L'Afghanistan diventa una guerra che non ha più una strategia, ma è figlia di un’improvvisazione quasi quotidiana che dalle mani di Bush figlio passa in quelle di Obama. Fra la fine del 2001 e l’inizio dell’anno successivo, Bush sposta l’attenzione verso l’Iraq, lasciando all’Afghanistan un ruolo marginale, con il risultato di lasciare campo libero al ritorno dei talebani, considerati nemini ma senza che nessuno sappia esattamente il perché. Dopo Bush ci prova Obama, che riversa nel Paese asiatico tonnellate di aiuti promettendo di riportare a casa le truppe statunitensi nel giro di poco e di instaurare una democrazia duratura. Ma neanche questa finisce per essere una soluzione vincente: completa la vendetta dando il via libera all'uccisione di Bin Laden, ma la fretta di mostrare risultati all’America e gli stretti legami con il governo afghano, corrotto all’ennesima potenza, hanno lo stesso effetto di prima: lasciare spazio ai talebani, con cui Obama almeno tenta di trovare un dialogo.

Nei documenti, decijne di alti ufficiali dell'esercito, della marina e dell'aviazione americana pongono domande semplici e disarmanti a cui nessuno sa rispondere: chi è il nemico? Quali sono i nostri alleati? E i nostri obiettivi? Come sapremo di aver vinto? Non lo sa nessuno, questo è il problema.

Domande che nelle basi in mezzo alla polvere dell'Afghanistan si facevano anche i 775mila militari americani che in 18 anni si sono alternati nel martoriato Paese asiatico: 2.300 sono morti, più di 20mila sono tornati a casa con ferite più o meno gravi e molti di più sono quelli che ancora oggi accusano stress post-traumatici del tutto simili a quelli di chi li aveva preceduti nel conflitto del Vietnam. Un’altra guerra tanto inutile quanto impossibile da vincere.

Stati Uniti
Le preoccupazioni dello staff di Trump: troppa aggressività
Le preoccupazioni dello staff di Trump: troppa aggressività
L’analisi delle ore successive al dibattito mette sotto accusa l’atteggiamento del presidente, per molti ben oltre la maleducazione e l’arroganza. Trump è soddisfatto, i suoi consiglieri molto meno
Trump-Biden: 90 minuti di insulti e accuse
Trump-Biden: 90 minuti di insulti e accuse
I due sfidanti alla presidenza hanno trasformato il primo dei tre dibattiti televisivi previsti in un enorme caos che ha lasciato gli argomenti più scottanti dell’America ai margini della discussione
Come Donald vinse nel 2016
Come Donald vinse nel 2016
Il canale inglese Channel 4 News colpisce Trump: questa volta cinque reporter hanno svelato il gioco sporco messo in pratica sui social, per convincere chi non avrebbe votato per lui a non votare neanche per Hillary
Trump e le tasse, una storia che non esiste
Trump e le tasse, una storia che non esiste
Un’inchiesta scoop del “New York Times” svela che il presidente non ha pagato le imposte sul reddito per almeno 10 anni a partire dal 2000. Dal 2016, si limita a sborsare 750 dollari all’anno
L’ex responsabile della campagna elettorale di Trump tenta il suicidio
L’ex responsabile della campagna elettorale di Trump tenta il suicidio
Brad Parscale, ritenuto il responsabile dell’imbarazzante comizio di Tulsa, con Trump costretto a parlare davanti a pochissima gente, ha dato in escandescenze minacciando di togliersi la vita
Mary Trump fa causa a zio Donald
Mary Trump fa causa a zio Donald
Insieme ad altri due zii, Donald l’avrebbe privata dell’effettiva quota dell’impero immobiliare di famiglia. “Per i Trump, la frode e la truffa sono sempre stati uno stile di vita”
Trump: scordatevi che accetti di perdere
Trump: scordatevi che accetti di perdere
Non ha alcuna intenzione di pensare ad un passaggio dei poteri indolore, convinto che in caso di sconfitta l’ultima parola toccherà alla Corte Suprema, dove vuole nominare un giudice per garantirsi la superiorità numerica
Accusato di negligenza l’agente che uccise Breonna Taylor
Accusato di negligenza l’agente che uccise Breonna Taylor
La decisione del gran giurì scatena le proteste in tutta l’America: la giovane infermiera fu raggiunta da otto colpi mentre dormiva da agenti che avevano fatto irruzione nel suo appartamenti in cerca di droga
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
Si fa con insistenza il nome di Amy Coney Barrett, cattolica fervente, come sostituto dell’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. La protesta dei Dem, che minacciano una nuova procedura d’impeachment per Trump
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi