Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra

| In un’inchiesta costata anni di lavoro e battaglie legali, il Washington Post svela le approssimazioni che da 18 anni gettano ombre e confusione sulla guerra in Afghanistan

+ Miei preferiti
“La prima vittima di ogni guerra è la verità”. Una frase dello scrittore e politico britannico Arthur Ponsonby che calza perfettamente agli “Afghanistan Papers”, la corposa inchiesta del “Washington Post” che racconta 18 anni di bugie sulla guerra iniziata un mese dopo l’attentato di New York dell’11 settembre 2001, e tutt'ora in corso. Fu George Bush a volerla, per debellare i nemici di Al-Qaeda, rovesciare i talebani ed eliminare Osama Bin Laden, il diavolo in persona.

Ma dietro c’era una verità diversa: dopo un’accesa battaglia legale lunga tre anni per ottenere l’autorizzazione ad accedere a file riservati, i giornalisti del WP hanno passato al setaccio oltre 2.000 pagine fra note, trascrizioni e interviste a vertici militari e statistiche che hanno come fine ultimo nascondere gli errori delle amministrazioni, i dubbi dell'intelligence e le perplessità del Pentagono. Dai documenti appare chiaro che sei mesi dopo l'inizio del conflitto, gli Stati Uniti avevano già raggiunto quasi tutti gli obiettivi chiave, dalla distruzione di Al-Qaeda a gettare nel caos i talebani, ma malgrado questo non mollano e imprimono al conflitto pieghe diverse, con “strategie fatalmente imperfette su ipotesi errate di un paese che non capivano”. L'Afghanistan diventa una guerra che non ha più una strategia, ma è figlia di un’improvvisazione quasi quotidiana che dalle mani di Bush figlio passa in quelle di Obama. Fra la fine del 2001 e l’inizio dell’anno successivo, Bush sposta l’attenzione verso l’Iraq, lasciando all’Afghanistan un ruolo marginale, con il risultato di lasciare campo libero al ritorno dei talebani, considerati nemini ma senza che nessuno sappia esattamente il perché. Dopo Bush ci prova Obama, che riversa nel Paese asiatico tonnellate di aiuti promettendo di riportare a casa le truppe statunitensi nel giro di poco e di instaurare una democrazia duratura. Ma neanche questa finisce per essere una soluzione vincente: completa la vendetta dando il via libera all'uccisione di Bin Laden, ma la fretta di mostrare risultati all’America e gli stretti legami con il governo afghano, corrotto all’ennesima potenza, hanno lo stesso effetto di prima: lasciare spazio ai talebani, con cui Obama almeno tenta di trovare un dialogo.

Nei documenti, decijne di alti ufficiali dell'esercito, della marina e dell'aviazione americana pongono domande semplici e disarmanti a cui nessuno sa rispondere: chi è il nemico? Quali sono i nostri alleati? E i nostri obiettivi? Come sapremo di aver vinto? Non lo sa nessuno, questo è il problema.

Domande che nelle basi in mezzo alla polvere dell'Afghanistan si facevano anche i 775mila militari americani che in 18 anni si sono alternati nel martoriato Paese asiatico: 2.300 sono morti, più di 20mila sono tornati a casa con ferite più o meno gravi e molti di più sono quelli che ancora oggi accusano stress post-traumatici del tutto simili a quelli di chi li aveva preceduti nel conflitto del Vietnam. Un’altra guerra tanto inutile quanto impossibile da vincere.

Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare