Agente HP Robocop

| È un androide dall’aria simpatica che al momento sta pattugliando senza sosta alcune zone di Los Angeles. Non è il primo ad essere entrato in servizio negli States

+ Miei preferiti
Non ha esattamente l’aria minacciosa di un androide come quelli a cui ci hanno abituato il film e non brandisce armi, ma attenzione a come lo si guarda, perché si tratta tutti gli effetti di un agente di polizia in servizio. Si chiama “HP Robocop”, è stato creato dalla “Knightscope”, un’azienda della Silicon Valley, ed è un robottino che rappresenta una fase di test della polizia di Los Angeles. HP, al momento, si limita a pattugliare l’Huntington Park e il suo compito è quello di essere un deterrente e un avamposto contro la criminalità organizzata e le gang giovanili. Il piccolo robot è dotato di telecamere a 360° che trasmettono in diretta le immagini sugli schermi della centrale di polizia.

Secondo quanto riporta il sito web dell’azienda, i robot di sicurezza sono già utilizzati in alcuni centri commerciali, ospedali, stadi e magazzini in tutti gli Stati Uniti: a New York uno pattuglia l’aeroporto JFK, mentre un altro si aggira nelle maggiori vie dello shopping di Los Angeles. “Siamo molto contenti di poter contare sulla collaborazione di HP RoboCop per dare aiuto alle nostre forze di polizia nel pattugliare la città - ha affermato il sindaco Karina Macias - le capacità di HP RoboCop sono impressionanti, in particolare la possibilità di utilizzare il microfono interno per scoraggiare le attività criminali e la sua estrema mobilità che ci permette di pattugliare grandi spazi aperti”.

Galleria fotografica
Agente HP Robocop - immagine 1
Stati Uniti
Trump pretende pugno duro
contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro<br>contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti