Alabama, abolito l'aborto legale

| Solo un'eccezione: se la gravidanza mette in pericolo la vita della madre. Proibito anche in caso di stupro o incesto. I medici abortisti rischiano pene da 10 a 99 anni di carcere. Vittoria schiacciante dei repubblicani. Dem contrari

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Il Senato dell' Alabama, dopo la Camera, ha approvato la legge più severa d'America sull'aborto, vietandolo con una sola eccezione (nella foto di Al.Com manifestanti contro il Senato) quando si tratta di salvaguardare la salute della madre. Il provvedimento deve ora essere firmato dalla governatrice repubblicana Kay Ivey, una forte oppositrice dell’aborto, uno dei cardini della sua recente e vincente campagna elettorale.  I legislatori dell'Alabama che mirano a contestare i diritti di aborto a livello nazionale sono ora un passo dal loro obiettivo di promuovere un divieto quasi totale . Il Senato ha votato sì con 25 voti contro 6 per approvare il disegno di legge che prevede un reato per i medici che praticano l'aborto. Il disegno di legge era una priorità per la maggioranza repubblicana della legislatura.

Il provvedimento è passato esattamente come era stata introdotto dal parlamentare Terri Collins sei settimane fa. Comprende soltanto un'eccezione per permettere gli aborti nei casi di un serio rischio per la salute della donna. "Direi che siamo tutti molto contenti di averlo fatto", ha detto Collins in una conferenza stampa dopo il voto. "Siamo entusiasti delle possibilità che potrebbe significare. E 'stato difficile a volte. Mi sono sentito molto bene su di esso per tutto il percorso".

Secondo il disegno di legge, una donna che pratica l’aborto non sarebbe penalmente responsabile ma il medico sarebbe accusato di un reato di classe A, punibile da 10 a 99 anni di carcere.

Il disegno di legge passa al Senato dopo quattro ore e mezza di dibattito, con tutti i repubblicani presenti. Nessun democratico ha votato a favore della legge.

Con i repubblicani con 27 seggi al Senato su 35, l'approvazione del disegno di legge non era in dubbio. Una domanda chiave era se il senato aggiungerebbe un emendamento per permettere gli aborti per le gravidanze causate dallo stupro o dall’incesto. Il senatore Clyde Chambliss, R-Prattville, che ha trattato il disegno di legge al Senato, ha esortato i suoi colleghi a respingere l'emendamento, dicendo che tutti i bambini non ancora nati meritano protezione.

Quattro repubblicani si sono schierati con i democratici nel votare per l'eccezione di stupro e incesto ( 21 contro11). Il capogruppo della minoranza del senato Bobby Singleton, che aveva proposto lo stupro e l'emendamento di incesto come eccezione, ha detto che era vergognoso lasciare fuori l’eccezione. "Hai appena stuprato ogni donna che è stata stuprata da un uomo", ha detto Singleton, la sua voce che si alza con emozione. "L'hai appena stuprata di nuovo”. Collins ha detto che gli stati potrebbero poi decidere quali eccezioni consentire se la Corte Suprema degli Stati Uniti fosse intervenuta. Ha detto che sosterrebbe un'eccezione di stupro e incesto in caso di bocciatura. Il senatore Linda Coleman-Madiso ha proposto un emendamento che avrebbe richiesto allo stato di fornire cure prenatali e cure mediche per la madre e il bambino nei casi in cui a una donna viene negato l'aborto a causa della legge. I Democratici hanno detto che la mancanza di sostegno da parte dei Repubblicani su questioni che possono aiutare le famiglie a basso reddito, come l'espansione di Medicaid, mina la loro discussione sulla protezione dei bambini non ancora nati. "Il peccato per me è portare un bambino in questo mondo e non prendersi cura di loro", ha detto Coleman-Madison. "Il peccato per me è che questo stato non fornisce cure adeguate. Noi non forniamo istruzione. E poi, quando il bambino nasce e sappiamo che la madre è indigente e non può prendersi cura di quel bambino, non forniamo alcun sistema di sostegno per quella madre".

 
Stati Uniti
USA: 130 morti al giorno per overdose
USA: 130 morti al giorno per overdose
Una strage quotidiana dovuta agli oppioidi, la nuova frontiera della tossicodipendenza, che sta iniziando a mietere vittime anche in Europa. Alla Scozia il primato peggiore dell’UE
USA: influencer decapitata dal fidanzato
USA: influencer decapitata dal fidanzato
Bianca Devins, 17 anni, è stata uccisa in modo orribile da Brandon Clark, il suo fidanzato 21nne, a sua volta fermato poco prima di togliersi la vita
Trovata morta un’attivista nera
Trovata morta un’attivista nera
Il cadavere di una donna, nota per le sue battaglie civili, ritrovato nel bagagliaio di un’auto. La polizia indaga per omicidio
Vogliono espugnare l’Area 51
Vogliono espugnare l’Area 51
Per scherzo, un runner australiano ha dato appuntamento il 20 settembre prossimo davanti ai cancelli dell’area segreta nel deserto del Nevada
New York: 2000 autovelox in città
New York: 2000 autovelox in città
Il numero record non soddisfa ancora le autorità, che pensando installarne ancora. Inevitabili le polemiche
Uccisa e smembrata da una coppia diabolica
Uccisa e smembrata da una coppia diabolica
Sidney Loofe, 24 anni, è stata attirata attraverso Tinder ad un appuntamento fatale: una coppia di squilibrati l’ha violentata, uccisa e fatta e pezzi
Brave ma per ora niente invito alla Casa Bianca. Colpa di Rapinoe?
Brave ma per ora niente invito alla Casa Bianca. Colpa di Rapinoe?
Trump twitta le congratulazione al team femminile che ha vinto per la quarta volta il Mondiale di Francia ma ignora una salda tradizione Usa dopo una vittoria importante. E Rapinoe insiste: "Non mi rappresenta"
El Chapo: gli Usa chiedono 12,6 mld di dollari
El Chapo: gli Usa chiedono 12,6 mld di dollari
La richiesta risarcitoria per il traffico di stupefacenti che per anni ha invaso le strade delle città americane. Secondo i legali dell’ex boss una richiesta assurda
California: la terra trema ancora
California: la terra trema ancora
Nella serata di ieri, una nuova scossa di terremoto ancora più intensa della prima ha scosso nuovamente la zona di Ridgecrest, nel sud della California. Gli esperti avvisano: non è finita
Muore in un incidente il re del carbone
Muore in un incidente il re del carbone
Chris Cline, imprenditore e filantropo, uno degli uomini più ricchi d’America, è precipitato con il suo elicottero alle Bahamas