Alaska: omicidio al Midtown Marriott

| Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima

+ Miei preferiti
Tutto inizia per caso, con un escursionista che sul ciglio di una strada nei dintorni di Anchorage, in Alaska, trova una scheda di memoria “SD”, quelle utilizzate da videocamere e macchine fotografiche. La porta a casa, e quello che vede sul suo computer è raccapricciante: 39 foto e 12 video che mostrano le immagini dell’omicidio di una donna nuda in preda al panico, picchiata, presa a calci e strangolata in quello che sembra un hotel. La donna tenta di difendersi come può graffiando le mani dell’aggressore, con il risultato di scatenare ancora di più la furia dell’uomo. Le ultime immagini mostrano il corpo ormai senza vita, sdraiato a faccia in giù sul cassone di un camion.

Immediatamente, la scheda finisce nelle mani della polizia, che dopo averle visionate le manda ad un laboratorio di analisi: sono state realizzate fra il 4 ed il 6 settembre scorso, e l’ultima risale all’1:12 della notte del 6.

Nella mente degli investigatori, si fa strada l’idea che quella sia la prova della morte di cadavere ancora senza nome ritrovato qualche giorno prima a sud di Anchorage, fra la Seward Highway e la Rainbow Valley Road.

La prima conferma arriva da perquisizioni in diversi hotel della zona, fino a individuare il “Town Place Suites by Marriott Anchorage Midtown”, dove il colore della moquette delle stanze corrisponde perfettamente a quella che si intravede nelle sequenze. Nelle immagini si intravede anche l’assassino: pochi frammenti che bastano alla polizia per identificare Brian Steven Smith, 48 anni, sudafricano residente negli Stati Uniti e sposato con un’ex agente dell’immigrazione: diverse telecamere di sorveglianza lo inquadrano a poca distanza dal luogo di ritrovamento del cadavere e il suo nome risulta anche sui registri dell’hotel nelle stesse date delle immagini racchiuse nella SD card.

“Le forze dell’ordine stanno lavorando con il coroner per confermare l’identità della vittima e le cause della morte. Una volta che questo sarà completato, e i parenti saranno avvisati, renderemo noto il nome della vittima”, ha dichiarato la polizia in un breve comunicato stampa. Poche ore dopo arriva la conferma: si tratta di Kathleen J. Henry, 30 anni, una donna del luogo che - secondo amici e conoscenti - aveva avuto una vita difficile e sfortunata, ma era forte e convinta che un’esistenza migliore potesse esserci.

Brian Steven Smith è stato arrestato con una cauzione fissata in mezzo milione di dollari: è accusato di omicidio, e fra le tante cose che dovrà spiegare, anche il motivo per cui la scheda SD è finita per strada.

Galleria fotografica
Alaska: omicidio al Midtown Marriott - immagine 1
Alaska: omicidio al Midtown Marriott - immagine 2
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti