Alaska: omicidio al Midtown Marriott

| Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima

+ Miei preferiti
Tutto inizia per caso, con un escursionista che sul ciglio di una strada nei dintorni di Anchorage, in Alaska, trova una scheda di memoria “SD”, quelle utilizzate da videocamere e macchine fotografiche. La porta a casa, e quello che vede sul suo computer è raccapricciante: 39 foto e 12 video che mostrano le immagini dell’omicidio di una donna nuda in preda al panico, picchiata, presa a calci e strangolata in quello che sembra un hotel. La donna tenta di difendersi come può graffiando le mani dell’aggressore, con il risultato di scatenare ancora di più la furia dell’uomo. Le ultime immagini mostrano il corpo ormai senza vita, sdraiato a faccia in giù sul cassone di un camion.

Immediatamente, la scheda finisce nelle mani della polizia, che dopo averle visionate le manda ad un laboratorio di analisi: sono state realizzate fra il 4 ed il 6 settembre scorso, e l’ultima risale all’1:12 della notte del 6.

Nella mente degli investigatori, si fa strada l’idea che quella sia la prova della morte di cadavere ancora senza nome ritrovato qualche giorno prima a sud di Anchorage, fra la Seward Highway e la Rainbow Valley Road.

La prima conferma arriva da perquisizioni in diversi hotel della zona, fino a individuare il “Town Place Suites by Marriott Anchorage Midtown”, dove il colore della moquette delle stanze corrisponde perfettamente a quella che si intravede nelle sequenze. Nelle immagini si intravede anche l’assassino: pochi frammenti che bastano alla polizia per identificare Brian Steven Smith, 48 anni, sudafricano residente negli Stati Uniti e sposato con un’ex agente dell’immigrazione: diverse telecamere di sorveglianza lo inquadrano a poca distanza dal luogo di ritrovamento del cadavere e il suo nome risulta anche sui registri dell’hotel nelle stesse date delle immagini racchiuse nella SD card.

“Le forze dell’ordine stanno lavorando con il coroner per confermare l’identità della vittima e le cause della morte. Una volta che questo sarà completato, e i parenti saranno avvisati, renderemo noto il nome della vittima”, ha dichiarato la polizia in un breve comunicato stampa. Poche ore dopo arriva la conferma: si tratta di Kathleen J. Henry, 30 anni, una donna del luogo che - secondo amici e conoscenti - aveva avuto una vita difficile e sfortunata, ma era forte e convinta che un’esistenza migliore potesse esserci.

Brian Steven Smith è stato arrestato con una cauzione fissata in mezzo milione di dollari: è accusato di omicidio, e fra le tante cose che dovrà spiegare, anche il motivo per cui la scheda SD è finita per strada.

Galleria fotografica
Alaska: omicidio al Midtown Marriott - immagine 1
Alaska: omicidio al Midtown Marriott - immagine 2
Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”