Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie

| Definiti “senza senso” dalla polizia, i tre episodi sono scoppiati nell'arco di 90 minuti in parti diverse della città. Non è ancora chiaro se ci siano collegamenti

+ Miei preferiti
Il bilancio delle vittime di Albuquerque si aggrava di ora in ora: secondo quanto riferito dalla polizia ci sarebbero 6 morti più almeno 5 feriti, ma le parole della polizia gettano nello sconcerto la città del New Mexico, perché non si tratterebbe di un caso isolato ma di una serie di sparatorie che hanno messo a ferro e fuoco l’intera zona.

“Siamo a conoscenza di tre scontri a fuoco, e in due ci sono state delle vittime - ha spiegato ai giornalisti Harold Medina, vice capo aggiunto della polizia di Albuquerque durante una conferenza stampa – ma al momento non sappiamo se si tratta di episodi collegati fra loro”.

Le sparatorie sono esplose nell’arco di circa 90 minuti: poco prima delle 19:30 di sera ora locale, un uomo è stato colpito al collo all’interno di un complesso residenziale nella zona a nord-est di Albuquerque, ma è sopravvissuto. Alle 8:45 circa, altre quattro persone sono state vittime di colpi d’arma da fuoco in un altro condominio: trasportati in ospedale locale, due di loro sono morti. Il terzo episodio ha avuto luogo al Lura Place SW, una zona di case mobili vicino a Bridge and Goff, nel sud-ovest di Albuquerque, ed è stato segnalato poco dopo le 21:00: la polizia ha trovato i corpi di quattro persone e due feriti.

Il detective Medina ha definito gli episodi “atti insensati” e ha esortato chiunque sia in possesso di informazioni che possano essere di aiuto alle indagini a rivolgersi alla polizia.

In una dichiarazione, il sindaco Tim Keller ha ammonito: “Le sparatorie sono un terribile promemoria: c’è molto da fare per affrontare il crimine di Albuquerque. Siamo stanchi della violenza, delle gang e dei problemi di droga che attanagliano intere zone della nostra città, e sono determinato a continuare a lottare contro la violenza a nome delle famiglie che hanno perso i propri cari”.

Delle sparatorie, quella nella zona adibita alle case mobili sembra sia il risultato di una rissa esplosa fra i residenti di due appartamenti che dalle mani sono passati alle pistole.

Los contro a fuoco della zona a nord-ovest ha invece interessato degli appartamenti di un residence, il “Rio Volcan”: a terra sono rimasti due morti e altrettanti feriti. I vicini hanno riferito di aver sentito distintamente almeno quattro colpi di pistola, che pensavano fossero petardi.

Il primo episodio è stato segnalato presso il complesso residenziale “Casa Bonita” di Carlisle, nel nord-est di Albuquerque: la vittima è stata trasportata in ospedale e sarebbe in condizioni gravi ma stabili. Un testimone ha riferito agli agenti di aver visto un uomo e una donna fare irruzione nell’appartamento di un suo vicino per rubare qualcosa: la vittima ha tentato di intervenire ed è stata colpita al collo.

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”