Alyssa Milano lancia lo sciopero del sesso

| Una proposta ad effetto lanciata per protestare contro la “HearthBeat”, la legge approvata in Georgia che vieta l’aborto oltre la sesta settimana

+ Miei preferiti
Alyssa Milano è stata una delle prime donne a scagliarsi contro la pratica del “sofà dei produttori” portata alla luce del sole dallo scandalo Weinstein. Diventata una paladina del movimento #MeToo, in queste ore è tornata ad alzare la voce per scagliarsi contro la “Heartbeat”, la nuova legge approvata in Georgia, secondo stato americano dopo il Mississippi, che vieta l’aborto dal momento in cui è udibile il battito cardiaco del feto, a sei settimane circa dal concepimento. Anche se statisticamente, sono moltissime le donne che se ne accorgono soltanto dopo la nona settimana, quando in Georgia è ormai troppo tardi per scegliere se tenere o meno il bimbo.

Una legge che ha creato un precedente e diviso in due l’opinione pubblica americana, mettendo da una parte coloro che pensano ad un atto di umanità, e dall’altra quelli che invece la inquadrano come un’idea molto sessista che mira a togliere il piacere alle donne.

Per questo, Alyssa è salita in cattedra lanciando l’hashtag #SexStrike: “I nostri diritti riproduttivi sono stati cancellati. Finché non avremo il controllo sui nostri corpi non possiamo permetterci di rischiare la gravidanza: unitevi a me, non facciamo sesso fin quando non avremo il pieno possesso dei nostri corpi”. Una proposta che ha raccolto nel giro di pochi minuti circa 35mila Like ed è stata condivisa per altre 12mila volte, appoggiata da altre star come Bette Midler, con la minaccia dello star system hollywoodiano di bloccare ogni produzione cinematografica e televisiva in Georgia, con un danno valutabile in 2,7 miliardi di dollari. Si sono dichiarati pronti a non lavorare più nello stato del sud Alec Baldwin, Sean Penn, Amy Schumer e Christina Applegate.

Ma non sono pochi quelli che criticano la proposta, considerata sessista perché per molti racchiude un concetto errato in partenza: che le donne facciano sesso soltanto per dare piacere ai maschi.

Stati Uniti
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo