Alyssa Milano lancia lo sciopero del sesso

| Una proposta ad effetto lanciata per protestare contro la “HearthBeat”, la legge approvata in Georgia che vieta l’aborto oltre la sesta settimana

+ Miei preferiti
Alyssa Milano è stata una delle prime donne a scagliarsi contro la pratica del “sofà dei produttori” portata alla luce del sole dallo scandalo Weinstein. Diventata una paladina del movimento #MeToo, in queste ore è tornata ad alzare la voce per scagliarsi contro la “Heartbeat”, la nuova legge approvata in Georgia, secondo stato americano dopo il Mississippi, che vieta l’aborto dal momento in cui è udibile il battito cardiaco del feto, a sei settimane circa dal concepimento. Anche se statisticamente, sono moltissime le donne che se ne accorgono soltanto dopo la nona settimana, quando in Georgia è ormai troppo tardi per scegliere se tenere o meno il bimbo.

Una legge che ha creato un precedente e diviso in due l’opinione pubblica americana, mettendo da una parte coloro che pensano ad un atto di umanità, e dall’altra quelli che invece la inquadrano come un’idea molto sessista che mira a togliere il piacere alle donne.

Per questo, Alyssa è salita in cattedra lanciando l’hashtag #SexStrike: “I nostri diritti riproduttivi sono stati cancellati. Finché non avremo il controllo sui nostri corpi non possiamo permetterci di rischiare la gravidanza: unitevi a me, non facciamo sesso fin quando non avremo il pieno possesso dei nostri corpi”. Una proposta che ha raccolto nel giro di pochi minuti circa 35mila Like ed è stata condivisa per altre 12mila volte, appoggiata da altre star come Bette Midler, con la minaccia dello star system hollywoodiano di bloccare ogni produzione cinematografica e televisiva in Georgia, con un danno valutabile in 2,7 miliardi di dollari. Si sono dichiarati pronti a non lavorare più nello stato del sud Alec Baldwin, Sean Penn, Amy Schumer e Christina Applegate.

Ma non sono pochi quelli che criticano la proposta, considerata sessista perché per molti racchiude un concetto errato in partenza: che le donne facciano sesso soltanto per dare piacere ai maschi.

Stati Uniti
Lo scandalo dei bagni
per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni<br>per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere
L’America si prepara alla guerra
L’America si prepara alla guerra
L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Il 25esimo emendamento sembra difficile che arrivi, al contrario dell’impeachment. Fra i contrario lo stesso Biden, che non vuole passare i primi giorni di presidenza a cercare una condanna per Trump invece di pensare ai problemi del Paese
La resa dei conti di Capitol Hill
La resa dei conti di Capitol Hill
Uno dopo l’altro, i protagonisti della protesta stanno finendo in manette: fra loro emergono numerosi agenti e militari fuori servizio. Contro Trump, sempre più isolato, si compatta il fronte di chi chiede il 25esimo emendamento
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
Gli esperti in sicurezza informatica da giorni notavano sui siti di estrema destra un crescendo di minacce e inviti alla violenza per bloccare i lavori del Campidoglio. E crescono le preoccupazioni per il giorno del giuramento di Biden
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Gli agenti “arrendevoli” di fronte alla folla di bianchi che prendeva d’assalto il Campidoglio, messa a confronto con le proteste della scorsa estate per la morte di George Floyd
L’era Trump si chiude nel peggiore dei modi
L’era Trump si chiude nel peggiore dei modi
Il ricorso al 25esimo emendamento, oppure un impeachment lampo: secondo il “Wall Street Journal” dovrebbe dimettersi e allontanarsi in silenzio. In qualsiasi modo, la sua presidenza si chiuderà molto male