Alyssa Milano lancia lo sciopero del sesso

| Una proposta ad effetto lanciata per protestare contro la “HearthBeat”, la legge approvata in Georgia che vieta l’aborto oltre la sesta settimana

+ Miei preferiti
Alyssa Milano è stata una delle prime donne a scagliarsi contro la pratica del “sofà dei produttori” portata alla luce del sole dallo scandalo Weinstein. Diventata una paladina del movimento #MeToo, in queste ore è tornata ad alzare la voce per scagliarsi contro la “Heartbeat”, la nuova legge approvata in Georgia, secondo stato americano dopo il Mississippi, che vieta l’aborto dal momento in cui è udibile il battito cardiaco del feto, a sei settimane circa dal concepimento. Anche se statisticamente, sono moltissime le donne che se ne accorgono soltanto dopo la nona settimana, quando in Georgia è ormai troppo tardi per scegliere se tenere o meno il bimbo.

Una legge che ha creato un precedente e diviso in due l’opinione pubblica americana, mettendo da una parte coloro che pensano ad un atto di umanità, e dall’altra quelli che invece la inquadrano come un’idea molto sessista che mira a togliere il piacere alle donne.

Per questo, Alyssa è salita in cattedra lanciando l’hashtag #SexStrike: “I nostri diritti riproduttivi sono stati cancellati. Finché non avremo il controllo sui nostri corpi non possiamo permetterci di rischiare la gravidanza: unitevi a me, non facciamo sesso fin quando non avremo il pieno possesso dei nostri corpi”. Una proposta che ha raccolto nel giro di pochi minuti circa 35mila Like ed è stata condivisa per altre 12mila volte, appoggiata da altre star come Bette Midler, con la minaccia dello star system hollywoodiano di bloccare ogni produzione cinematografica e televisiva in Georgia, con un danno valutabile in 2,7 miliardi di dollari. Si sono dichiarati pronti a non lavorare più nello stato del sud Alec Baldwin, Sean Penn, Amy Schumer e Christina Applegate.

Ma non sono pochi quelli che criticano la proposta, considerata sessista perché per molti racchiude un concetto errato in partenza: che le donne facciano sesso soltanto per dare piacere ai maschi.

Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga