Analisi ragionata della camminata incerta di Trump

| Scendendo una rampa da West Point è apparso insicuro e timoroso. La reazione alle critiche ha in realtà scatenato supposizioni sul suo misterioso stato di salute

+ Miei preferiti
Tutta l’America, la poca che non è in strada a protestare per gli afroamericani morti o la mancanza di lavoro, non ha potuto non notare la discesa con passo incerto da una rampa di Donald Trump al termine del discorso pronunciato davanti ai cadetti di West Point.

In rete, come sempre accade in questi casi, è partita una ridda di ipotesi e illazioni sul suo stato di salute, a cui lo stesso Trump ha risposto con l’immancabile tweet: “La rampa era molto lunga e ripida, non aveva corrimano ed era molto scivolosa. L’ultima cosa che avrei voluto fare era cadere per divertire i media a caccia di Fake News”.

Ma rispondendo, Trump ha trasformato quella che poteva essere una vicenda da “meme” in una storia molto più ampia, cavalcata a piene mani dalla maggior parte dei media. Ad esempio Phil Ruckner, inviato del Washington Post presente a West Ponti, che ha commentato: “L’affermazione di Trump sulla rampa scivolosa non era per nulla coerente con il clima, che sabato era caldo, soleggiato e limpido”. Ma non è che l’inizio, tutti gli altri hanno analizzato, valutato e sminuzzato la vicenda secondo punti di vista diversi.

Per cominciare, Donald Trump ha 74 anni, li ha compiuti domenica, e il compleanno ne fa il presidente più anziano mai eletto al primo mandato. All’inizio di questo mese, la Casa Bianca ha pubblicato un report sui risultati degli esami fisici annuali di Trump che ha descritto molto sommariamente il quadro generale di salute, senza menzionare un ricovero non programmato all’ospedale Walter Reed nel novembre 2019, che la stessa Casa Bianca aveva poi definito semplicemente parte della visita medica.

In realtà, il passato medico di Trump è un mistero totale: è in assoluto il presidente di cui si sa meno. Le uniche notizie prima dell’elezione del 2016 si limitano ad una dichiarazione del suo medico personale che recitava: “Se sarà eletto, posso affermare inequivocabilmente che mister Trump sarà l’individuo più sano mai arrivato alla Casa Bianca. La sua forza fisica e la sua resistenza sono straordinarie”.

Messo alle strette in un’intervista, il medico ammise che Trump gli aveva dettato la lettera parola per parola, e che due collaboratori avevano sequestrato la cartella clinica dopo la notizia riportata dal “New York Times” in cui si affermava che Trump prendesse abitualmente farmaci per favorire la ricrescita dei capelli.

Tuttavia, senza alcun riguardo sulla sfera personale, Trump fa della salute dei suoi avversari un’arma importante: nelle scorse ore ha indirizzato un tweet al veleno in cui attacca Joe Biden, 77 anni, definito una persona assai cagionevole. Un attacco che fa parte di una strategia deliberata in cui Trump ripete che Biden stia perdendo la lucidità mentale: “Sleepy Joe non sa dove si trova, o cosa stia facendo. Onestamente, non credo che sappia nemmeno per quale incarico è stato candidato”.

Esattamente la stessa strategia adottata durante la campagna del 2016 contro Hillary Clinton, in particolare dopo che un malore improvviso durante una cerimonia commemorativa dell’11 settembre. “Potrebbe essere pazza – aveva commentato - per sconfiggere la criminalità e il terrorismo islamico, e per rilanciare il commercio è necessaria una grande forza fisica e mentale e una formidabile resistenza: cose che Hillary Clinton non ha”.

Quindi, sottolineano diversi analisti politici in queste ore, se Trump può mettere apertamente in discussione la forma fisica e mentale dei suoi avversari politici, allora quando arriva il momento di apparire fragile, è lecito farsi domande sul suo stato fisico. E dovrebbe tacere.

Galleria fotografica
Analisi ragionata della camminata incerta di Trump - immagine 1
Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore