Ancora sangue in Texas: 5 morti in una sparatoria

| Un uomo su un furgone postale e si è diretto verso un centro commerciale di Odessa, dove ha aperto il fuoco. Si è quindi spostato nel parcheggio di un cinema, dove è stato ucciso dalla polizia

+ Miei preferiti
Non si placa la spirale di violenza negli Stati Uniti: ad un mese dalle stragi di El Paso e Dayton, costate la vita a 31 persone, altre cinque vittime sono il bilancio non ancora definitivo dell’ennesima sparatoria. Ancora una volta, lo scenario è il Texas, più precisamente la città di Odessa, contea di Ector, dove un uomo armato ha rubato un furgone postale uccidendo un agente, per poi puntare verso un centro commerciale dove ha aperto il fuoco a caso sui passanti, uccidendo quattro persone e ferendone altre 21, fra cui tre agenti e un bambino di appena 2 anni. Inseguito dalla polizia, l’uomo è stato ucciso in un conflitto a fuoco nel parcheggio di un cinema. Michael Gerke, il capo della polizia, ha identificato il killer come un maschio bianco suoi 30 anni, senza però rivelare il nome.

L’ennesima giornata di follia è iniziata circa alle 15:30, quando una pattuglia di polizia addetta al controllo stradale ha tentato di fermare un veicolo sulla Interstate 20, a Westbound: poco prima che il veicolo si arrestasse, dall’abitacolo sono partiti diversi colpi di fucile che hanno colpito uno degli agenti. L’autista del mezzo ha poi tentato la fuga dirigendosi in direzione della città di Odessa: giunto nei pressi di un centro commerciale a quell’ora affollato di famiglie, ha continuato a sparare dall’interno del veicolo, che ha abbandonato poco dopo per rubare un furgone delle consegne postali. È stato intercettato dalla polizia nel parcheggio della multisala “Cinergy”, dove è nato un violento conflitto a fuoco che si è concluso con la morte dell’assalitore. Un testimone oculare afferma di aver visto uno degli agenti salire sul furgone postale e sparare attraverso il finestrino.

Immediato il commento via tweet del vice presidente Mike Pence, il quale ha assicurato che lui e il Presidente sono “determinati a lavorare con i leader di entrambe le colazioni politiche per prendere misure che possano debellare il flagello dei mass muder”. Molto più diretto il candidato Dem Beto O’Rourke, texano, che alla notizia della sparatoria ha tuonato: “Dobbiamo mettere la parola fine a questa epidemia di follia”.

Video
Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia