Ancora sangue in Texas: 5 morti in una sparatoria

| Un uomo su un furgone postale e si è diretto verso un centro commerciale di Odessa, dove ha aperto il fuoco. Si è quindi spostato nel parcheggio di un cinema, dove è stato ucciso dalla polizia

+ Miei preferiti
Non si placa la spirale di violenza negli Stati Uniti: ad un mese dalle stragi di El Paso e Dayton, costate la vita a 31 persone, altre cinque vittime sono il bilancio non ancora definitivo dell’ennesima sparatoria. Ancora una volta, lo scenario è il Texas, più precisamente la città di Odessa, contea di Ector, dove un uomo armato ha rubato un furgone postale uccidendo un agente, per poi puntare verso un centro commerciale dove ha aperto il fuoco a caso sui passanti, uccidendo quattro persone e ferendone altre 21, fra cui tre agenti e un bambino di appena 2 anni. Inseguito dalla polizia, l’uomo è stato ucciso in un conflitto a fuoco nel parcheggio di un cinema. Michael Gerke, il capo della polizia, ha identificato il killer come un maschio bianco suoi 30 anni, senza però rivelare il nome.

L’ennesima giornata di follia è iniziata circa alle 15:30, quando una pattuglia di polizia addetta al controllo stradale ha tentato di fermare un veicolo sulla Interstate 20, a Westbound: poco prima che il veicolo si arrestasse, dall’abitacolo sono partiti diversi colpi di fucile che hanno colpito uno degli agenti. L’autista del mezzo ha poi tentato la fuga dirigendosi in direzione della città di Odessa: giunto nei pressi di un centro commerciale a quell’ora affollato di famiglie, ha continuato a sparare dall’interno del veicolo, che ha abbandonato poco dopo per rubare un furgone delle consegne postali. È stato intercettato dalla polizia nel parcheggio della multisala “Cinergy”, dove è nato un violento conflitto a fuoco che si è concluso con la morte dell’assalitore. Un testimone oculare afferma di aver visto uno degli agenti salire sul furgone postale e sparare attraverso il finestrino.

Immediato il commento via tweet del vice presidente Mike Pence, il quale ha assicurato che lui e il Presidente sono “determinati a lavorare con i leader di entrambe le colazioni politiche per prendere misure che possano debellare il flagello dei mass muder”. Molto più diretto il candidato Dem Beto O’Rourke, texano, che alla notizia della sparatoria ha tuonato: “Dobbiamo mettere la parola fine a questa epidemia di follia”.

Video
Stati Uniti
Rimosso il comandante della Roosevelt
Rimosso il comandante della Roosevelt
Brett Crozier, al comando della portaerei il cui equipaggio era minacciato dalla pandemia, punito per aver lanciato l’allarme in modo che i media lo sapessero prima del Pentagono
Minacciato di morte il dottor Fauci
Minacciato di morte il dottor Fauci
Il massimo esperto americano a capo della task force contro la pandemia sarebbe finito sotto protezione perché minacciato da ambienti dell’estrema destra
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano
New York, il terzo mondo degli ospedali
New York, il terzo mondo degli ospedali
Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto
USA, record di richieste di disoccupazione
USA, record di richieste di disoccupazione
3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione
USA, in aumento la vendita delle armi
USA, in aumento la vendita delle armi
File ovunque, richieste di permessi raddoppiate nel giro di poche settimane, corsa ad accaparrarsi munizioni, fucili e pistole. Il ventre dell’America si arma temendo disordini sociali dovuti al coronavirus
Trump chiude l’America
Trump chiude l’America
Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Per 17 anni, Ashley e Latoya hanno condiviso tutta la loro vita, poi una foto ha fatto scattare i dubbi, confermati qualche mese dopo dall’esame del Dna
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"