Ancora sangue in Texas: 5 morti in una sparatoria

| Un uomo su un furgone postale e si è diretto verso un centro commerciale di Odessa, dove ha aperto il fuoco. Si è quindi spostato nel parcheggio di un cinema, dove è stato ucciso dalla polizia

+ Miei preferiti
Non si placa la spirale di violenza negli Stati Uniti: ad un mese dalle stragi di El Paso e Dayton, costate la vita a 31 persone, altre cinque vittime sono il bilancio non ancora definitivo dell’ennesima sparatoria. Ancora una volta, lo scenario è il Texas, più precisamente la città di Odessa, contea di Ector, dove un uomo armato ha rubato un furgone postale uccidendo un agente, per poi puntare verso un centro commerciale dove ha aperto il fuoco a caso sui passanti, uccidendo quattro persone e ferendone altre 21, fra cui tre agenti e un bambino di appena 2 anni. Inseguito dalla polizia, l’uomo è stato ucciso in un conflitto a fuoco nel parcheggio di un cinema. Michael Gerke, il capo della polizia, ha identificato il killer come un maschio bianco suoi 30 anni, senza però rivelare il nome.

L’ennesima giornata di follia è iniziata circa alle 15:30, quando una pattuglia di polizia addetta al controllo stradale ha tentato di fermare un veicolo sulla Interstate 20, a Westbound: poco prima che il veicolo si arrestasse, dall’abitacolo sono partiti diversi colpi di fucile che hanno colpito uno degli agenti. L’autista del mezzo ha poi tentato la fuga dirigendosi in direzione della città di Odessa: giunto nei pressi di un centro commerciale a quell’ora affollato di famiglie, ha continuato a sparare dall’interno del veicolo, che ha abbandonato poco dopo per rubare un furgone delle consegne postali. È stato intercettato dalla polizia nel parcheggio della multisala “Cinergy”, dove è nato un violento conflitto a fuoco che si è concluso con la morte dell’assalitore. Un testimone oculare afferma di aver visto uno degli agenti salire sul furgone postale e sparare attraverso il finestrino.

Immediato il commento via tweet del vice presidente Mike Pence, il quale ha assicurato che lui e il Presidente sono “determinati a lavorare con i leader di entrambe le colazioni politiche per prendere misure che possano debellare il flagello dei mass muder”. Molto più diretto il candidato Dem Beto O’Rourke, texano, che alla notizia della sparatoria ha tuonato: “Dobbiamo mettere la parola fine a questa epidemia di follia”.

Video
Stati Uniti
Le preoccupazioni dello staff di Trump: troppa aggressività
Le preoccupazioni dello staff di Trump: troppa aggressività
L’analisi delle ore successive al dibattito mette sotto accusa l’atteggiamento del presidente, per molti ben oltre la maleducazione e l’arroganza. Trump è soddisfatto, i suoi consiglieri molto meno
Trump-Biden: 90 minuti di insulti e accuse
Trump-Biden: 90 minuti di insulti e accuse
I due sfidanti alla presidenza hanno trasformato il primo dei tre dibattiti televisivi previsti in un enorme caos che ha lasciato gli argomenti più scottanti dell’America ai margini della discussione
Come Donald vinse nel 2016
Come Donald vinse nel 2016
Il canale inglese Channel 4 News colpisce Trump: questa volta cinque reporter hanno svelato il gioco sporco messo in pratica sui social, per convincere chi non avrebbe votato per lui a non votare neanche per Hillary
Trump e le tasse, una storia che non esiste
Trump e le tasse, una storia che non esiste
Un’inchiesta scoop del “New York Times” svela che il presidente non ha pagato le imposte sul reddito per almeno 10 anni a partire dal 2000. Dal 2016, si limita a sborsare 750 dollari all’anno
L’ex responsabile della campagna elettorale di Trump tenta il suicidio
L’ex responsabile della campagna elettorale di Trump tenta il suicidio
Brad Parscale, ritenuto il responsabile dell’imbarazzante comizio di Tulsa, con Trump costretto a parlare davanti a pochissima gente, ha dato in escandescenze minacciando di togliersi la vita
Mary Trump fa causa a zio Donald
Mary Trump fa causa a zio Donald
Insieme ad altri due zii, Donald l’avrebbe privata dell’effettiva quota dell’impero immobiliare di famiglia. “Per i Trump, la frode e la truffa sono sempre stati uno stile di vita”
Trump: scordatevi che accetti di perdere
Trump: scordatevi che accetti di perdere
Non ha alcuna intenzione di pensare ad un passaggio dei poteri indolore, convinto che in caso di sconfitta l’ultima parola toccherà alla Corte Suprema, dove vuole nominare un giudice per garantirsi la superiorità numerica
Accusato di negligenza l’agente che uccise Breonna Taylor
Accusato di negligenza l’agente che uccise Breonna Taylor
La decisione del gran giurì scatena le proteste in tutta l’America: la giovane infermiera fu raggiunta da otto colpi mentre dormiva da agenti che avevano fatto irruzione nel suo appartamenti in cerca di droga
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
Si fa con insistenza il nome di Amy Coney Barrett, cattolica fervente, come sostituto dell’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. La protesta dei Dem, che minacciano una nuova procedura d’impeachment per Trump
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi