Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston

| La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso

+ Miei preferiti
Con una decisione che sta facendo molto rumore, la corte d’appello federale ha annullato la condanna a morte di Dzhokhar Tsarnaev, uno dei due attentatori della maratona di Boston del 2013, costata la vita a tre persone più centinaia di feriti. Il tribunale ha anche deciso di annullare tre delle 30 condanne che pesavano sul capo del giovane, ma ha confermato l’ergastolo a vita. Zarnaev, ora 27enne, sconterà la pena nel carcere federale di Florence, in Colorado, il più sicuro d’America.

Secondo il giudice Ojetta Rogeriee Thompson, l’attentatore dovrebbe essere processato nuovamente per la fase penale, lasciando la decisione sulla pena capitale ad una nuova giuria. La corte d’appello ha stabilito che il giudice della corte distrettuale George O’Toole, che ha supervisionato il processo, “non ha mantenuto l’obbligo di interrogare i giurati in modo sufficientemente approfondito, fornendo un terreno sufficiente per annullare le condanne a morte”.

Parte della sentenza annulla tre condanne legate alla pentola a pressione utilizzata nell’attentato, erroneamente considerata come “detenzione d’arma da fuoco”. La sentenza ordina alla corte distrettuale di presiedere un nuovo processo che si concentri rigorosamente su quale pena Tsarnaev dovrebbe ricevere per i capi d’accusa che sono ammissibili alla pena di morte. 

In più, il team legale di Zarnaev si è battuto per cambiare la sede del processo, visto che il tribunale era troppo vicino al luogo dell'attentato, una tesi in parte appoggiata dai giudici, che non ritengono Boston “un luogo non appropriato”.

Tsarnaev è stato condannato nel 2015 per la morte di Krystle Campbell, Martin Richard e Lingzi Lu alla maratona e dell’agente di polizia Sean Collier, ucciso poche ore dopo. Aveva 19 anni quando lui e suo fratello Tamerlan, di 26 anni, arrivano a Boylston Street nel prime ore del pomeriggio del 15 aprile 2013. Le immagini delle telecamere di sorveglianza, che hanno fatto il giro del mondo, mostrano i fratelli che si aggirano fra la folla che assiste alla maratona. Intorno alle 15, Tamerlan fa esplodere la prima bomba, una pentola a pressione riempita di polvere da sparo, chiodi e biglie metalliche: 12 secondi dopo la seconda esplosione.

L’attentato ha scatenato una caccia all’uomo durata giorni che ha costretto la polizia a chiudere ogni accesso alla città. Mentre erano in fuga, i due fratelli di origine cecena hanno ucciso Sean Collier, agente del Massachusetts Institute of Technology. Tamerlan Anzorovič Carnaev muore in uno scontro con la polizia nella vicina Watertown: suo fratello Dzhokhar è stato arrestato il giorno successivo.

La decisione di ordinare un nuovo processo sarà difficile da digerire per le famiglie delle vittime, ha commentato il sindaco di Boston Marty Walsh: “Penso che la preoccupazione che alcune famiglie hanno avuto fin dall’inizio era che questo giorno sarebbe arrivato. L’unica cosa positiva è che l’attentatore non rivedrà mai più la luce del giorno: avrà comunque avuto esattamente quello che si meritava”.

Poco dopo la sentenza di colpevolezza per Zarnaev, i genitori di Martin Richard, 8 anni, la vittima più giovane dell’attentato, hanno chiesto ai pubblici ministeri di non applicare la condanna a morte. “Speriamo che i nostri due figli rimasti non debbano crescere con il ricordo persistente e doloroso di ciò che l’imputato ha preso loro. Finché quel giovane sarà sotto i riflettori, non avremo altra scelta che vivere la storia raccontata alle sue condizioni, non alle nostre. Nel momento in cui svanirà dai giornali e dalle televisioni, potremo iniziare il processo di ricostruzione della nostra vita e della nostra famiglia”.

Galleria fotografica
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston - immagine 1
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston - immagine 2
Stati Uniti
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
Steve Adler, primo cittadino della città texana, ha esortato i suoi concittadini a non uscire di casa mentre volava a Cabo San Lucas con un jet privato. E non è il solo….
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024