Arrestata la figlia di El Mencho

| Dopo “El Menchito”, anche “La Negra” finisce nelle mani della giustizia americana. Sono i due figli del più potente narcos messicano, alla guida del letale e organizzatissimo cartello di Jalisco Nueva Generación

+ Miei preferiti
Sul capo di “El Mencho”, nome d’arte di Rubémn Oseguera Cervantes, il nuovo signore della droga messicana, c’è una taglia da 10milioni di dollari: ex agente di polizia finito in carcere per spaccio, è l’uomo che guida il cartello di Jalisco Nueva Generación, il più letale, ricco e organizzato di sempre.

Ma nel mirino degli agenti americani della DEA ci sono anche diversi suoi familiari, che avrebbero ruoli di spicco nell’organizzazione. Nelle scorse ore, nelle mani della polizia statunitense è finita Jessica Johanna Oseguera, della “La Negra”, una delle figlie di El Mencho. La donna, 33 anni, sarebbe stata arrestata a Washington per il suo presunto coinvolgimento in operazioni di riciclaggio del denaro del cartello di Jalisco. Era da tempo nel mirino della Drug Enforcement Agency di Los Angeles, e fra tre giorni comparirà all’udienza di convalida del fermo davanti al giudice Robin M. Merieweather del Distretto di Columbia.

L’arresto è avvenuto mercoledì: la Oseguera, che risiede a Guadalajara, in Messico, ma ha cittadinanza statunitense, era a Washington perché stava cercando di incontrare suo fratello, Ruben Oseguera, alias El Menchito, estradato negli Stati Uniti la settimana scorsa per presunti reati di droga. Lo stesso giorno in cui El Menchito si dichiarava non colpevole davanti a un giudice federale, ai polsi di sua sorella scattavano le manette.

L’arresto di La Negra è avvenuto in risposta a un ordine emesso il 13 febbraio per il suo coinvolgimento in cinque entità commerciali identificate nel 2017 dall’OFAC (Office of Foreign Assets Control) che si ritiene siano controllate dal cartello di Jalisco: J&P Advertising, JJGON S.P.R., Las Flores Cabanas, Mizu Sushi Lounge, Operadora Los Famosas e Onze Black.

Il cartello di El Mencho, nato come costola di quello di Sinaloa, oggi è diventato il più potente in tutto il Messico, con presenze radicate negli Stati Uniti, in Africa, in Europa e in Asia. Oseguera è uno dei tre “capos” più ricercati dalla giustizia statunitense insieme a Ismael “El Mayo” Zambada (presunto braccio destro di El Chapo Guzmán) e Rafael Caro Quintero, accusato di aver ucciso l’agente americano sotto copertura Enrique Kiki Camarena nel 1985.

Galleria fotografica
Arrestata la figlia di El Mencho - immagine 1
Stati Uniti
Una vittoria di Trump:
Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump:<br>Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito