Arrestata la figlia di El Mencho

| Dopo “El Menchito”, anche “La Negra” finisce nelle mani della giustizia americana. Sono i due figli del più potente narcos messicano, alla guida del letale e organizzatissimo cartello di Jalisco Nueva Generación

+ Miei preferiti
Sul capo di “El Mencho”, nome d’arte di Rubémn Oseguera Cervantes, il nuovo signore della droga messicana, c’è una taglia da 10milioni di dollari: ex agente di polizia finito in carcere per spaccio, è l’uomo che guida il cartello di Jalisco Nueva Generación, il più letale, ricco e organizzato di sempre.

Ma nel mirino degli agenti americani della DEA ci sono anche diversi suoi familiari, che avrebbero ruoli di spicco nell’organizzazione. Nelle scorse ore, nelle mani della polizia statunitense è finita Jessica Johanna Oseguera, della “La Negra”, una delle figlie di El Mencho. La donna, 33 anni, sarebbe stata arrestata a Washington per il suo presunto coinvolgimento in operazioni di riciclaggio del denaro del cartello di Jalisco. Era da tempo nel mirino della Drug Enforcement Agency di Los Angeles, e fra tre giorni comparirà all’udienza di convalida del fermo davanti al giudice Robin M. Merieweather del Distretto di Columbia.

L’arresto è avvenuto mercoledì: la Oseguera, che risiede a Guadalajara, in Messico, ma ha cittadinanza statunitense, era a Washington perché stava cercando di incontrare suo fratello, Ruben Oseguera, alias El Menchito, estradato negli Stati Uniti la settimana scorsa per presunti reati di droga. Lo stesso giorno in cui El Menchito si dichiarava non colpevole davanti a un giudice federale, ai polsi di sua sorella scattavano le manette.

L’arresto di La Negra è avvenuto in risposta a un ordine emesso il 13 febbraio per il suo coinvolgimento in cinque entità commerciali identificate nel 2017 dall’OFAC (Office of Foreign Assets Control) che si ritiene siano controllate dal cartello di Jalisco: J&P Advertising, JJGON S.P.R., Las Flores Cabanas, Mizu Sushi Lounge, Operadora Los Famosas e Onze Black.

Il cartello di El Mencho, nato come costola di quello di Sinaloa, oggi è diventato il più potente in tutto il Messico, con presenze radicate negli Stati Uniti, in Africa, in Europa e in Asia. Oseguera è uno dei tre “capos” più ricercati dalla giustizia statunitense insieme a Ismael “El Mayo” Zambada (presunto braccio destro di El Chapo Guzmán) e Rafael Caro Quintero, accusato di aver ucciso l’agente americano sotto copertura Enrique Kiki Camarena nel 1985.

Galleria fotografica
Arrestata la figlia di El Mencho - immagine 1
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti