Bernie Madoff chiede la grazia

| Il banchiere più potente e ricco di New York, autore di una frode entrata nei libri di storia, sarebbe allo stadio terminale di una malattia, e chiede di poter uscire di galera

+ Miei preferiti
La favolosa esistenza di Bernie Madoff, detto “Jewish Bond”, si è fermata l’11 dicembre del 2008, quando gli agenti dell’FBI hanno fatto irruzione nei suoi uffici con un mandato di arresto in una mano e le manette nell’altra. Era la fine del suo impero, la “Bernard Madoff Investment Securities”, una delle più grandi e antiche società di brokeraggio attive a New York, nata negli anni Sessanta, quando Bernie – bagnino a Long Island – inizia investendo i soldi del suo stipendio. Nel tempo, riuscirà a convincere migliaia di persone, istituti finanziari e prestigiosi investitori ad affidargli il proprio denaro con la promessa di riaverne molti di più dopo la “cura Madoff”. Nel corso del processo, l’impero messo in piedi dal potente banchiere di origini ebree è definito “una delle più grandi frodi finanziare di tutti i tempi”: quanto basta per una condanna a 150 anni di galera.

Nel 2009, il “New York Post” rivela che Bernie Madoff avrebbe sviluppato un cancro alla gola e gli restano pochi giorni di vita: pochi giorni dopo, il “Wall Street Journal” smentisce tutto.

Più di 10 anni dopo, a 81 anni, Bernie è tornato all’attacco: i suoi avvocati hanno annunciato di aver presentato al tribunale federale di New York una richiesta di scarcerazione per motivi di salute: Madoff avrebbe una malattia renale terminale e diverse “altre gravi patologie”. Rinchiuso in un penitenziario in North Carolina, gli rimarrebbero meno di 18 mesi di vita: “Sono malato terminale, e non esiste una cura per la mia malattia. Ho pagato la mia pena davanti alla giustizia scontando 11 anni in galera, ma adesso vorrei in cambio un minimo di compassione”.

Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi