Bernie Sanders sotto accusa

| L’ex sfidante di Hillary Clinton alle primarie del 2016 accusato da numerose ex collaboratrici: non avrebbe fatto nulla per impedire molestie e violenze all’interno del suo staff e sottopagato le dipendenti

+ Miei preferiti
E arriva l’ora di Bernie Sanders. Il Grande sfidante di Hillary Clinton nella corsa alla candidatura Democratica per la Casa Bianca del 2016, amato dai giovani americani malgrado i 78 anni portati in modo spavaldo, è al centro di una polemica che si sta consumando sulle pagine dei media statunitensi.

Sul suo conto, anche se non direttamente, sono piovute le accuse di “due dozzine di donne”, ex collaboratrici dello staff elettorale, che furono oggetto di molestie e abusi da parte di componenti dell’entourage proprio mentre si consumava la sfida alle primarie poi vinta dalla Clinton. E se nessuno accusa direttamente Bernie di violenza e abusi, parecchie donne puntano il dito contro di lui, accusato di essere stato avvisato più volte e di non aver fatto nulla per impedire o bloccare la situazione. “Non aveva alcun controllo sullo staff e non ha mai tenuto in considerazione le testimonianze che gli sono state fornite da diverse donne per le molestie subite”.

Ma non basta, perché le ex collaboratrici accusano Sanders anche di aver discriminato le donne del suo staff sul piano economico, pagando stipendi “di gran lunga inferiori a quelli dei colleghi maschi”. Il New York Times ha raccontato la vicenda di una donna che durante una trasferta per un comizio, avrebbe dovuto dividere una stanza d’albergo con tre uomini sconosciuti, e quella di un’altra che si era lamentata per 2.500 dollari di stipendio, quando un collega di pari grado ne aveva in busta 5.000.

Bernie Sanders ha immediatamente convocato una conferenza stampa, dichiarandosi pronto a rispondere a qualsiasi richiesta di chiarimento. Nel discorso iniziale, Bernie ha esordito assicurando di “non essere mai stato a conoscenza di episodi di violenza o discriminazione nel suo staff. I giorni della campagna elettorale erano caotici, e l’organizzazione è passata rapidamente da una manciata di collaboratori a più di un migliaio”.

Malgrado questo, Sanders ha voluto scusarsi pubblicamente con chiunque si sia ritenuto offeso, maltrattato o sottopagato: “Chiedo perdono alle donne che, lavorando all’interno del comitato elettorale, si sono sentite umiliate. Se parteciperò alle primarie democratiche del 2020, giuro di esercitare controlli più rigidi sulla condotta dei miei collaboratori”.

Bernard Sanders, nato a New York nel 1941, esponente indipendente dei Democratici, è attualmente senatore dello stato del Vermont.

Stati Uniti
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Dal 2010 al 2014, secondo uno studio, la polizia ha ucciso 375 persone ed altre 400 dal 2012 a oggi. Ma le denunce dei familiari delle vittime sono finite in archivio, comprese le inchieste promosse dalla polizia contro i suoi agenti
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Il governatore della California le ha sospese ma la procura generale ha chiesto e ottenuto 22 condanne alla pena capitale, più che in ogni altro Stato dell'Unione. Ma nel braccio della morte solo neri, asiatici e latini
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
A Phoenix, Arizona, una pattuglia della polizia ha avuto una reazione spropositata di fronte al furto di un bambolina di una bimba di 4 anni. I genitori non si erano accorti di nulla
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Pamela, 24 anni, è stata colpita al petto ed è spirata qualche ora dopo: il fidanzato Andrew giura si sia trattato di un incidente. Ma la polizia non sembra credere alla sua versione
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Duro editoriale sul Guardian: "S'è prestata a nascondere la misoginia di Trump, chiunque la sostituirà non può fare peggio di lei". "Disprezza i giornalisti, da 90 giorni neanche una conferenza stampa".
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Brandon Webber, un giovane di colore di 20 anni, crivellato di colpi dalla polizia. La folla è scesa in piazza per protestare, ma la situazione è degenerata in scontri con le forze dell’ordine
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia
Esorcismo per via orale
Esorcismo per via orale
Padre Bill, prete di una chiesa presbiteriana in New Jersey, avrebbe praticato sesso orale a tre uomini che gli avevano chiesto aiuto, spacciandolo per un esorcismo
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla
Alabama: la castrazione chimica è legge
Alabama: la castrazione chimica è legge
I condannati per reati sessuali saranno obbligati a sottoporsi al trattamento un mese prima della scarcerazione. Un provvedimento che fa esultare la governatrice Kay Ivey ma divide gli Stati Uniti, come la recente legge sull’aborto