Beto O’Rourke si ritira

| L’astro nascente dei Dem annuncia il ritiro perché troppo indietro rispetto agli avversari. Ma promette di appoggiare chiunque vincerà la primarie per sconfiggere Trump

+ Miei preferiti
Era il cavallo di razza dei Dem americani, figlio del profondo Texas dove Trump è quasi un Messia, ma non per lui, che al presidente non ha mai risparmiato commenti al vetriolo, ricevendone altrettanti. Robert Francis O’Rourke, per tutti “Beto”, era uno dei candidati alle primarie Dem, ma con un colpo di reni di onestà, proprio in queste ore ha annunciato il suo ritiro dalla corsa alle presidenziali. Inutile perdere tempo e denaro: il distacco dagli altri competitor nella corsa alla nomination è ormai abissale.

“La nostra campagna è sempre stata impegnata nel vedere chiaramente, parlare onestamente e agire con decisione. In questo spirito sto annunciando che il mio servizio al Paese non sarà come candidato”, ha annunciato lui stesso su Twitter. In compenso, la promessa di sostenere con tutte le forze il candidato che vincerà la corsa alla nomination, “Per sconfiggere Trump”. La risposta presidenziale non si è fatta attendere: “O’Rouke è un tizio patetico che si è ritirato come un cane”.

Beto era uno dei migliori outsider scesi in campo, e l’inizio sembrava promettere bene: accompagnato da una vasta popolarità, aveva ricevuto l’endorsement di Barack Obama, convinto della bontà grazie alla sconfitta inflitta al repubblicano Ted Cruz. Ma era stata una falsa partenza, con i dati che quasi mai si sono discostati dal 2-3%: troppo poco per pensare di avere chances.

Con l’uscita di scena di O’Rourke, la rosa dei candidati Dem scende a 17, e potrebbe calare ancora: voci insistenti danno sul punto di mollare anche la senatrice Kamala Harris, che in questo momento sta tentando un’operazione risparmio tagliando un gran numero di collaboratori.

Nato a El Paso 47 anni fa, figlio di un giudice e di una proprietaria di mobilifici, da adolescente Beto O’Rourke incontra sulla sua strada la musica punk, diventando prima bassista e poi batterista di numerose band, ma nel 2005 incappa in una passione ancora più forte: la politica. Nelle file dei Dem vince un seggio al consiglio comunale di El Paso, e dopo due mandati si candida alla Camera dei Rappresentanti, dove entra nel 2014.

Stati Uniti
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
Si tratta di un’installazione artistica creata dal regista Eugene Jarecki: mostra in tempo reale quante vite umane si sarebbero potute salvare con una risposta più tempestiva
Saturday Night Virus
Saturday Night Virus
L’ultima follia americana sono i “Covid-party” delle feste in cui persone sane si mescolano ad altre infette, nella speranza di essere contagiate e sviluppare volontariamente l’immunità di gregge