Beto O’Rourke si ritira

| L’astro nascente dei Dem annuncia il ritiro perché troppo indietro rispetto agli avversari. Ma promette di appoggiare chiunque vincerà la primarie per sconfiggere Trump

+ Miei preferiti
Era il cavallo di razza dei Dem americani, figlio del profondo Texas dove Trump è quasi un Messia, ma non per lui, che al presidente non ha mai risparmiato commenti al vetriolo, ricevendone altrettanti. Robert Francis O’Rourke, per tutti “Beto”, era uno dei candidati alle primarie Dem, ma con un colpo di reni di onestà, proprio in queste ore ha annunciato il suo ritiro dalla corsa alle presidenziali. Inutile perdere tempo e denaro: il distacco dagli altri competitor nella corsa alla nomination è ormai abissale.

“La nostra campagna è sempre stata impegnata nel vedere chiaramente, parlare onestamente e agire con decisione. In questo spirito sto annunciando che il mio servizio al Paese non sarà come candidato”, ha annunciato lui stesso su Twitter. In compenso, la promessa di sostenere con tutte le forze il candidato che vincerà la corsa alla nomination, “Per sconfiggere Trump”. La risposta presidenziale non si è fatta attendere: “O’Rouke è un tizio patetico che si è ritirato come un cane”.

Beto era uno dei migliori outsider scesi in campo, e l’inizio sembrava promettere bene: accompagnato da una vasta popolarità, aveva ricevuto l’endorsement di Barack Obama, convinto della bontà grazie alla sconfitta inflitta al repubblicano Ted Cruz. Ma era stata una falsa partenza, con i dati che quasi mai si sono discostati dal 2-3%: troppo poco per pensare di avere chances.

Con l’uscita di scena di O’Rourke, la rosa dei candidati Dem scende a 17, e potrebbe calare ancora: voci insistenti danno sul punto di mollare anche la senatrice Kamala Harris, che in questo momento sta tentando un’operazione risparmio tagliando un gran numero di collaboratori.

Nato a El Paso 47 anni fa, figlio di un giudice e di una proprietaria di mobilifici, da adolescente Beto O’Rourke incontra sulla sua strada la musica punk, diventando prima bassista e poi batterista di numerose band, ma nel 2005 incappa in una passione ancora più forte: la politica. Nelle file dei Dem vince un seggio al consiglio comunale di El Paso, e dopo due mandati si candida alla Camera dei Rappresentanti, dove entra nel 2014.

Stati Uniti
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere
L’America si prepara alla guerra
L’America si prepara alla guerra
L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento