Boeing esce di pista in Florida

| Ennesima grana per il colosso americano dell’aviazione: un 737 è finito in un fiume. Panico e qualche ferito non grave: aperta un’inchiesta

+ Miei preferiti
Tragedia sfiorata a Jacksonville, in Florida: alle 21:43 ore locali (le 3:43 di questa notte in Italia), un Boeing 737 è finito fuori pista finendo la sua corsa nel letto del St. Johns, un fiume che scorre di fianco all’aeroporto. Attimi di panico per le 136 persone a bordo, fra passeggeri ed equipaggio, con una ventina di feriti trasportati d’urgenza in ospedale, anche se - a quanto riportano i media americani – si tratterebbe di ferite di lievi entità.

L’aereo era stato noleggiato dal Dipartimento della Difesa americano alla compagnia charter “Miami Air International”, che collega Guantanamo con Jacksonville e Norfolk, in Virginia, tutte sedi di basi militari americane. Una linea spesso utilizzata da militari con le famiglie che si spostano fra le basi.

Dopo aver messo in sicurezza i passeggeri, le autorità sono al lavoro per arginare la perdita carburante che si è riservata nelle acque del fiume. Fra le cause, al momento solo ipotizzate, si pensa al maltempo che imperversava sulla zona, anche se la memoria è corsa ai tragici incidenti aerei che hanno indotto la Boeing a fermare i 7373 Max. Il colosso americano ha dichiarato di essere al lavoro per accertare le cause dell’incidente. Una delle passeggere, intervistate dalla CNN, ha raccontato che le maschere d’ossigeno sono scese di colpo, ma la grande professionalità del personale è riuscita a contenere il terrore dei passeggeri di essere atterrati in mare e non su un fiume.

Stati Uniti
L’era Trump si chiude
con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude<br>con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden