Brave ma per ora niente invito alla Casa Bianca. Colpa di Rapinoe?

| Trump twitta le congratulazione al team femminile che ha vinto per la quarta volta il Mondiale di Francia ma ignora una salda tradizione Usa dopo una vittoria importante. E Rapinoe insiste: "Non mi rappresenta"

+ Miei preferiti

Megan Rapinoe e Donald Trump. Lei non andrà alla Casa Bianca per festeggiare il quarto titolo del mondo di calcio femminile, dicendo “tanto non mi inviterà”. E’ un testa a testa che appassiona gli americani dopo il trionfo francese e ora la domanda è: in che modo il Presidente onorerà le vincitrici della Coppa del Mondo?

Rapinoe si batte da tempo contro le politiche di Trump in merito a immigrazione e difesa delle tradizioni più conservatrici. E’ gay e lo afferma con orgoglio. La squadra è un’icona che ha ispirato i giovani ma ha anche creato critiche che hanno irritato i repubblicani, mettendo in discussione il modo su come gli atleti dovrebbero comportarsi. Intanto Rapinoe, ormai popolare in tutto il mondo, non ha ostentatamente cantato l’inno americano e questo non è piaciuto anche ai nemici di Trump.

La Nazionale sta combattendo una causa per essere pagata come i loro omologhi maschi, diventando un emblema del movimento che vuole mettere fine al divario retributivo, visto che almeno in America le ragazze del calcio giocato sono più popolari dei maschi.

"Congratulazioni alla U.S. Women's Soccer Team per aver vinto la Coppa del Mondo! Grande ed emozionante gioco. L'America è orgogliosa di voi tutti!". E' il tweet di Trump, inviato dal suo club di golf nel New Jersey, ma il presidente non ha fatto menzione di un invito alla Casa Bianca o di altri riconoscimenti per le vincitrici della Coppa del Mondo. Nelle file della delegazione americana presenti alla finale in Francia mancavano i Vip USA: l'unica personalità Karen Dunn Kelley, vice segretario al commercio.

 
Stati Uniti
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia