Brave ma per ora niente invito alla Casa Bianca. Colpa di Rapinoe?

| Trump twitta le congratulazione al team femminile che ha vinto per la quarta volta il Mondiale di Francia ma ignora una salda tradizione Usa dopo una vittoria importante. E Rapinoe insiste: "Non mi rappresenta"

+ Miei preferiti

Megan Rapinoe e Donald Trump. Lei non andrà alla Casa Bianca per festeggiare il quarto titolo del mondo di calcio femminile, dicendo “tanto non mi inviterà”. E’ un testa a testa che appassiona gli americani dopo il trionfo francese e ora la domanda è: in che modo il Presidente onorerà le vincitrici della Coppa del Mondo?

Rapinoe si batte da tempo contro le politiche di Trump in merito a immigrazione e difesa delle tradizioni più conservatrici. E’ gay e lo afferma con orgoglio. La squadra è un’icona che ha ispirato i giovani ma ha anche creato critiche che hanno irritato i repubblicani, mettendo in discussione il modo su come gli atleti dovrebbero comportarsi. Intanto Rapinoe, ormai popolare in tutto il mondo, non ha ostentatamente cantato l’inno americano e questo non è piaciuto anche ai nemici di Trump.

La Nazionale sta combattendo una causa per essere pagata come i loro omologhi maschi, diventando un emblema del movimento che vuole mettere fine al divario retributivo, visto che almeno in America le ragazze del calcio giocato sono più popolari dei maschi.

"Congratulazioni alla U.S. Women's Soccer Team per aver vinto la Coppa del Mondo! Grande ed emozionante gioco. L'America è orgogliosa di voi tutti!". E' il tweet di Trump, inviato dal suo club di golf nel New Jersey, ma il presidente non ha fatto menzione di un invito alla Casa Bianca o di altri riconoscimenti per le vincitrici della Coppa del Mondo. Nelle file della delegazione americana presenti alla finale in Francia mancavano i Vip USA: l'unica personalità Karen Dunn Kelley, vice segretario al commercio.

 
Stati Uniti
Impeachment, in arrivo
la “bomba” Bolton?
Impeachment, in arrivo<br>la “bomba” Bolton?
L’ex consigliere per la sicurezza nazionale in attesa del via libera dal tribunale per la deposizione al Congresso: ottenesse il via libera, per Trump sarebbe un grosso problema
Joel Francisco, il caso che divide l’America
Joel Francisco, il caso che divide l’America
Scarcerato per un cavillo legale reso possibile dalla riforma della giustizia, è tornato alla vita di prima, uccidendo un uomo di 44 anni
USA 2020, arriva Bloomberg
USA 2020, arriva Bloomberg
L’ex sindaco di New York sarebbe pronto a scendere in campo, mentre il capo dello staff presidenziale dovrà deporre al Congresso e nelle librerie arriva un libro shock
Le ombre scure del massacro di Sonoma
Le ombre scure del massacro di Sonoma
Faide familiari, guerre con i cartelli della droga, vendette trasversali e perfino una setta segreta che riduceva le donne in schiavitù: i misteri intorno alla strage del Messico sono tanti
Juli Briksman e la vittoria del dito medio
Juli Briksman e la vittoria del dito medio
Due anni fa era stata fotografata mentre alzava il dito al passaggio di Trump. Aveva perso il lavoro, e due anni dopo ha deciso di candidarsi nelle file dei Dem, strappando un seggio nei consiglio della sua città
USA: omicida 13enne fugge dal tribunale
USA: omicida 13enne fugge dal tribunale
È affidato ai servizi sociali per omicidio e rapina a mano armata. Ha fatto perdere le proprie tracce: per la polizia è un soggetto pericoloso e violento
La pessima giornata di Trump
La pessima giornata di Trump
Mentre la procedura verso l’impeachment si arricchisce di nuovi capitoli scottanti, il presidente incassa la perdita della Virginia, storica roccaforte Repubblicana
Eseguita una condanna morte in Sud Dakota
Eseguita una condanna morte in Sud Dakota
Charles Rhines, 63 anni, era stato condannato alla pena capitale per un omicidio del 1992 di un giovane sorpreso a rubare ciambelle
USA: sventata una strage in una sinagoga
USA: sventata una strage in una sinagoga
Il lavoro di un agente sotto copertura ha permesso all’FBI di arrestare Richard Holzer, che aveva in mente di avvelenare i condotti dell’acqua di una sinagoga di Pueblo, in Colorado
Trump: “Addio New York”
Trump: “Addio New York”
Il presidente annuncia il cambio di residenza: dalla Trump Tower sulla 5th Avenue al suo resort in Florida. I saluti ironici del governatore Cuomo e del sindaco de Blasio