California: fa strage della sua famiglia e si suicida

| Il padre di tre bambini ha ucciso l’ex moglie i loro tre figli prima di togliersi la vita. Uno solo dei tre bimbi lotta ancora fra la vita e la morte

+ Miei preferiti
Cinque persone, tra cui tre bambini, sono morte per quello che la polizia ritiene un caso di omicidio-suicidio nel quartiere di Paradise Hills, a San Diego, in California.

Una delle vittime, la madre di 29 anni, venerdì scorso aveva ricevuto un ordine restrittivo del tribunale che la assegnava l’affidamento dei figli: questo avrebbe fatto scattare la rabbia del padre, l’omicida: “Crediamo che si sia presentato a sorpresa davanti all’abitazione: fra gli ex coniugi c’era un forte disaccordo. L’uomo ha ucciso la sua famiglia, poi ha girato la pistola verso se stesso”, ha commentato un portavoce della polizia.

La prima chiamata alle forze dell’ordine è arrivata alle 6:49 del mattino, quando uno spedizioniere ha sentito qualcuno che litigava animatamente. Mentre la polizia si dirigeva verso la scena, una nuova telefonata avvisava che qualcosa non andava in un appartamento da cui provenivano urla e rumori molto forti. Quando gli agenti sono arrivati, hanno bussato alla porta senza avere alcuna risposta: hanno guardato attraverso i vetri di una finestra vedendo il corpo di un bambino a terra coperto di sangue. Hanno sfondato la finestra e trovato una scena agghiacciante, con 5 corpi senza vita.

La donna, un uomo di 31 anni e un bambino di 3 erano privi di vita, altri tre bimbi di 5, 9 e 11 anni sono stati portati in ospedale: due sono morti poco dopo, e un altro si trova in condizioni critiche: ha subito un intervento chirurgico e le sue condizioni restano molto gravi.

L’uomo e la donna morti erano i genitori dei tre bambini: la madre viveva con loro in un appartamento di proprietà della nonna. “Questo è il genere di casi più difficili, che hanno un forte impatto emotivo sui nostri agenti, molti dei quali sono genitori”.

Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato