California: spari al festival food, 4 morti

| Durante l’ultimo giorno dell’affollato Gilroy Garlic Festival, un uomo sui 30 anni ha aperto il fuoco sulla folla: il bilancio è ancora provvisorio. L’attentatore è stato ucciso

+ Miei preferiti
Il bilancio è grave, ma poteva essere ben peggiore: quattro morti fra cui l’attentatore, e almeno 15 persone ferite. Ma la polizia avverte: sono numeri provvisori. È accaduto durante la notte italiana a San Josè, dov’era in corso il “Gilroy Garlic Festival”, uno dei più conosciuti eventi food della California, in scena nell’ultimo week end di luglio di ogni anno.

Scott Smithee, capo della polizia di Gilroy, ha aggiunto che le forze dell’ordine stanno ancora tentando di capire se l’attentatore, indicato da diversi testimoni come un uomo bianco sui 30 anni, armato di un fucile semiautomatico e in abbigliamento militare, avesse un complice.

Si calcola che al momento della sparatoria fossero presenti circa 60mial persone, soprattutto famiglie, attirate dalla bella giornata e dall’ultimo giorno del festival, appuntamento tradizionale dell’estate californiana, quando si sono sentiti i primi spari, che qualcuno ha inizialmente scambiato per fuochi d’artificio. Quando a tutti è stato chiaro che qualcuno sparava all’impazzata fra la folla si è scatenato il panico.

“Ci stavamo dirigendo verso l’uscita quando abbiamo visto un uomo con una bandana avvolta intorno alla gamba – ha raccontato un testimone – c’era un bambino ferito per terra e la gente tagliava a forza le recinzioni per uscire”.

Fondato nel 1979, il Gilroy Garlic Festival propone gare di cibo, bevande e musica dal vivo e cucina: secondo gli organizzatori è il più grande festival gastronomico estivo del mondo. Si svolge all’aperto, al Christmas Hill Park, e per assicurare un’atmosfera tranquilla e familiare, l’ingresso è stato vietato a chiunque indossasse abiti o oggetti che potessero indicare l’appartenenza a una banda o club motociclistico.

Galleria fotografica
California: spari al festival food, 4 morti - immagine 1
California: spari al festival food, 4 morti - immagine 2
California: spari al festival food, 4 morti - immagine 3
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”