Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa

| Gli agenti “arrendevoli” di fronte alla folla di bianchi che prendeva d’assalto il Campidoglio, messa a confronto con le proteste della scorsa estate per la morte di George Floyd

+ Miei preferiti
Con il passare dei giorni, l’assedio al Campidoglio di Washington sta prendendo una piega strana e del tutto inattesa. In molti, sono ormai convinti che la reazione della polizia di fronte ad una folla composta da bianchi sia stata timida, impacciata e quasi compiacente. Ma se, al contrario, la folla fosse stata di afroamericani, le vittime sarebbero molte di più delle cinque vite spezzate.

Come termine di paragone val la pena ricordare che l’estate scorsa, i manifestanti del “Black Lives Matter” di Washington si sono trovati di fronte ad una massiccia dimostrazione di forza: elicotteri in volo sopra la città, truppe della Guardia Nazionale a pattugliare le strade e quantità immani di gas lacrimogeni a riempire l’aria. Invece, quando le “truppe di Trump” hanno fatto irruzione all’interno del Campidoglio, si sono trovati di fronte una presenza di polizia molto più esigua, e a fine giornata, gli arresti erano di gran lunga inferiori, mentre quelli nei giorni delle proteste del Black Lives Matter risultano cinque volte maggiori. E per di più, molti dei bianchi arrestati devono rispondere di accuse molto meno gravi.

La polizia ha effettuato 61 arresti “relativi ai disordini”, rispetto ai 316 del 1° giugno, quando i manifestanti e i rivoltosi hanno riempito le strade della città una settimana dopo la morte di George Floyd. Era il giorno della celebre foto di Trump con in mano la Bibbia: un’uscita che aveva costretto le forze dell’ordine a disperdere i manifestanti, per lo più pacifici, con gas lacrimogeni.

“È offensivo verso chi si batte per la giustizia razziale - commenta Anthony Lorenzo Green, uno dei capi del gruppo Black Lives Matter DC - il modo in cui hanno scelto di mettere al sicuro il Campidoglio è stato lasciar passare tutti. Se noi avessimo tentato di entrare in Campidoglio saremmo stati uccisi, arrestati e picchiati a sangue”.

Le disparità negli arresti sono particolarmente marcate considerando che questa settimana il numero di feriti nelle file della polizia sono stati maggiori. Secondo il dipartimento, 56 ufficiali sono stati costretti a ricorrere alle cure ospedaliere mentre tentavano di contenere l’insurrezione, mentre 21 agenti sono rimasti feriti nei 10 giorni tra il 29 maggio e il 7 giugno.

Monica Hopkins, direttore esecutivo dell’ACLU di Washington, non accetta le scuse del dipartimento, che parla di attacco non preventivabile: “Siamo la capitale degli Stati Uniti, una città occupata in continuazione da manifestazioni di massa. Dire che sono stati presi di sorpresa o che non sapevano cosa stesse per succedere è falso”.

L’ufficio del sindaco Muriel Bowser non ha risposto alle richieste di commenti sulla disparità degli arresti, anche se nelle ore successive non è mancata una critica aperta: “abbiamo assistito ad un atteggiamento diverso dei funzionari federali rispetto alla risposta militarizzata alle proteste estive”.

Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi