Capodanno con John Dillinger

| Il 31 dicembre prossimo sarà riesumata la salma del “nemico pubblico n. 1”, ucciso dall’FBI 85 anni fa. A richiederlo i suoi nipoti, convinti che quello lì sotto non sia il loro parente

+ Miei preferiti
La data è fissata per il 31 dicembre prossimo: quel giorno, a 85 anni dalla morte, sarà riesumata la salma di John Dillinger, il famigerato “Public Enemy no. 1” d’America.

È la conclusione di un’istanza presentata allo State Department of Healts dell’Indiana da Carol e Michael Thompson, i due nipoti del gangster simbolo dell’epoca del proibizionismo, per risolvere una leggenda che circola dal giorno del suo funerale: secondo qualcuno, sotto la lapide del “Crown Hill Cemetery” di Indianapolis non ci sarebbe Dillinger, ma qualcuno ucciso per sbaglio o per comodo dall’FBI durante l’agguato del 22 luglio 1934 di Chicago.

Ufficialmente, a tradirlo era stato Ana Cumpanas, una prostituta rumena che con l’FBI aveva promesso di far arrestare Dillinger in cambio di un permesso di soggiorno, che per la cronaca non avrà mai. Secondo la versione ufficiale, cinque colpi di pistola freddano il gangster all’esterno del “Biograph Theater”, dove in compagnia di due prostitute, fra cui la Cumpanas, Dillinger aveva appena assistito alla proiezione del poliziesco “Manhattan Melodrama”, con Clark Gable. Quattro giorni dopo, il 26 luglio, John Dillinger viene sepolto nel cimitero della sua città natale.

Per motivare la richiesta di riesumazione, i nipoti affermano di avere in mano numerose prove, comprese delle impronte digitali, che confermerebbero la leggenda: quello sepolto lì sotto non è il corpo di Dillinger. “È nostra convinzione e opinione che, se l’FBI ha ucciso l’uomo sbagliato davanti al Biograph Theater di Chicago, è anche importante identificare l’uomo sepolto nel Crown Hill Cemetery”, scrivono i nipoti del gangster. Dopo la riesumazione, i resti di Dillinger saranno analizzati da un team di medici legali che hanno preparato un programma preciso di misurazioni e valutazioni dello scheletro.

La riesumazione era stata inizialmente fissata per il 16 settembre, anche per via di un accordo con il canale “History Channel”, che avrebbe filmato le operazioni per realizzare un documentario. Ma tutto si è interrotto per una controversia tra la famiglia e il cimitero di Crown Hill Cemetery, che si era opposto alla riesumazione per non “turbare la tranquillità di un luogo di pace”.

Nato nel giugno del 1903, a soli 21 anni John Dillinger mette a segno la sua prima rapina in una drogheria vicino a casa. Rimedia anche il primo arresto ma non ha alcuna intenzione di smettere, alzando ogni volta l’asticella delle sue rapine in luoghi sempre più difficili, spesso considerati inespugnabili. Diventa un eroe nell’America popolare della grande depressione, una sorta di Robin Hood che non regala denaro, ma distrugge i registri contabili dove si annotano debiti e ipoteche dei clienti. Le cronache lo dipingono come un uomo estremamente elegante e curato, con abiti di alta sartoria e per nulla votato alla violenza. A dargli la caccia senza sosta sono i detective dell’FBI di J. Edgar Hoover, che Dillinger spera di ingannare cancellandosi le impronte digitali con dell’acido.

Il passo falso arriva nel 1934, quando Dillinger evade dal penitenziario di Crown Point prendendo in ostaggio alcuni agenti con cui varca i confini dell’Indiana. Era il reato federale che l’FBI aspettava con impazienza: quattro mesi dopo John Dillinger viene freddato a Chicago. O forse no.

Galleria fotografica
Capodanno con John Dillinger - immagine 1
Capodanno con John Dillinger - immagine 2
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti