Capodanno con John Dillinger

| Il 31 dicembre prossimo sarà riesumata la salma del “nemico pubblico n. 1”, ucciso dall’FBI 85 anni fa. A richiederlo i suoi nipoti, convinti che quello lì sotto non sia il loro parente

+ Miei preferiti
La data è fissata per il 31 dicembre prossimo: quel giorno, a 85 anni dalla morte, sarà riesumata la salma di John Dillinger, il famigerato “Public Enemy no. 1” d’America.

È la conclusione di un’istanza presentata allo State Department of Healts dell’Indiana da Carol e Michael Thompson, i due nipoti del gangster simbolo dell’epoca del proibizionismo, per risolvere una leggenda che circola dal giorno del suo funerale: secondo qualcuno, sotto la lapide del “Crown Hill Cemetery” di Indianapolis non ci sarebbe Dillinger, ma qualcuno ucciso per sbaglio o per comodo dall’FBI durante l’agguato del 22 luglio 1934 di Chicago.

Ufficialmente, a tradirlo era stato Ana Cumpanas, una prostituta rumena che con l’FBI aveva promesso di far arrestare Dillinger in cambio di un permesso di soggiorno, che per la cronaca non avrà mai. Secondo la versione ufficiale, cinque colpi di pistola freddano il gangster all’esterno del “Biograph Theater”, dove in compagnia di due prostitute, fra cui la Cumpanas, Dillinger aveva appena assistito alla proiezione del poliziesco “Manhattan Melodrama”, con Clark Gable. Quattro giorni dopo, il 26 luglio, John Dillinger viene sepolto nel cimitero della sua città natale.

Per motivare la richiesta di riesumazione, i nipoti affermano di avere in mano numerose prove, comprese delle impronte digitali, che confermerebbero la leggenda: quello sepolto lì sotto non è il corpo di Dillinger. “È nostra convinzione e opinione che, se l’FBI ha ucciso l’uomo sbagliato davanti al Biograph Theater di Chicago, è anche importante identificare l’uomo sepolto nel Crown Hill Cemetery”, scrivono i nipoti del gangster. Dopo la riesumazione, i resti di Dillinger saranno analizzati da un team di medici legali che hanno preparato un programma preciso di misurazioni e valutazioni dello scheletro.

La riesumazione era stata inizialmente fissata per il 16 settembre, anche per via di un accordo con il canale “History Channel”, che avrebbe filmato le operazioni per realizzare un documentario. Ma tutto si è interrotto per una controversia tra la famiglia e il cimitero di Crown Hill Cemetery, che si era opposto alla riesumazione per non “turbare la tranquillità di un luogo di pace”.

Nato nel giugno del 1903, a soli 21 anni John Dillinger mette a segno la sua prima rapina in una drogheria vicino a casa. Rimedia anche il primo arresto ma non ha alcuna intenzione di smettere, alzando ogni volta l’asticella delle sue rapine in luoghi sempre più difficili, spesso considerati inespugnabili. Diventa un eroe nell’America popolare della grande depressione, una sorta di Robin Hood che non regala denaro, ma distrugge i registri contabili dove si annotano debiti e ipoteche dei clienti. Le cronache lo dipingono come un uomo estremamente elegante e curato, con abiti di alta sartoria e per nulla votato alla violenza. A dargli la caccia senza sosta sono i detective dell’FBI di J. Edgar Hoover, che Dillinger spera di ingannare cancellandosi le impronte digitali con dell’acido.

Il passo falso arriva nel 1934, quando Dillinger evade dal penitenziario di Crown Point prendendo in ostaggio alcuni agenti con cui varca i confini dell’Indiana. Era il reato federale che l’FBI aspettava con impazienza: quattro mesi dopo John Dillinger viene freddato a Chicago. O forse no.

Galleria fotografica
Capodanno con John Dillinger - immagine 1
Capodanno con John Dillinger - immagine 2
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia