Chelsea Manning rilasciata

| L’ex fonte di WikiLeaks è uscita dal carcere, ma potrebbe tornarci presto per il rifiuto di testimoniare davanti ad un giudice federale

+ Miei preferiti
Dopo 62 giorni dai carcere, l’ex talpa di “WikiLeaks” Chelesa Manning ha lasciato il carcere “William G. Truesdale” di Alexandria, in Virginia, dove era detenuta dallo scorso 8 marzo per oltraggio alla corte dopo il rifiuto di testimoniare davanti ad un giudice federale dell’Eastern District. Una scarcerazione che però sembra destinata a durare poco: un nuovo mandato di comparizione di un altro gran giurì, fissato per il 16 maggio prossimo, le aprirà facilmente di nuovo le porte delle galere americane, vista l’intenzione già annunciata di non voler deporre.

Gli avvocati della Manning hanno ribadito che “Testimoniare significherebbe tradire ciò in cui crede: è pronta a pagare le conseguenze della sua scelta. Ma useremo ogni mezzo legale per dimostrare che ha il diritto di farlo”.

Ex analista dell’intelligence americana e whistleblower, 31 anni, diventata donna nel 2013 cambiando in Chelsea il nome di battesimo Bradley, nel 2017 era stata graziata dopo 7 anni di reclusione dall’allora presidente Barack Obama per i 35 anni di prigione a cui era stata condannata, ritenuti una pena “sproporzionata”. Sul suo capo pendeva il furto di circa 700mila documenti militari e diplomatici relativi alle guerre in Iraq e Afghanistan, di cui moltissimi top secret, passati al celebre sito di denuncia fondato da Julian Assange. Nei documenti divulgati dalla Manning i retroscena di torture, stupri e di numerose uccisioni, anche di civili, avvenute in Iraq.

Stati Uniti
Trump chiude la campagna
tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna<br>tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”
Fauci contesta l’uso delle sue parole in uno spot elettorale
Fauci contesta l’uso delle sue parole in uno spot elettorale
Estrapolata da una vecchia intervista, la frase “Non posso immaginare qualcuno che possa fare meglio” non era riferita a Trump, ma alla risposta delle autorità sanitare federali. “Non ho mai appoggiato nessun presidente”