Chelsea Manning rilasciata

| L’ex fonte di WikiLeaks è uscita dal carcere, ma potrebbe tornarci presto per il rifiuto di testimoniare davanti ad un giudice federale

+ Miei preferiti
Dopo 62 giorni dai carcere, l’ex talpa di “WikiLeaks” Chelesa Manning ha lasciato il carcere “William G. Truesdale” di Alexandria, in Virginia, dove era detenuta dallo scorso 8 marzo per oltraggio alla corte dopo il rifiuto di testimoniare davanti ad un giudice federale dell’Eastern District. Una scarcerazione che però sembra destinata a durare poco: un nuovo mandato di comparizione di un altro gran giurì, fissato per il 16 maggio prossimo, le aprirà facilmente di nuovo le porte delle galere americane, vista l’intenzione già annunciata di non voler deporre.

Gli avvocati della Manning hanno ribadito che “Testimoniare significherebbe tradire ciò in cui crede: è pronta a pagare le conseguenze della sua scelta. Ma useremo ogni mezzo legale per dimostrare che ha il diritto di farlo”.

Ex analista dell’intelligence americana e whistleblower, 31 anni, diventata donna nel 2013 cambiando in Chelsea il nome di battesimo Bradley, nel 2017 era stata graziata dopo 7 anni di reclusione dall’allora presidente Barack Obama per i 35 anni di prigione a cui era stata condannata, ritenuti una pena “sproporzionata”. Sul suo capo pendeva il furto di circa 700mila documenti militari e diplomatici relativi alle guerre in Iraq e Afghanistan, di cui moltissimi top secret, passati al celebre sito di denuncia fondato da Julian Assange. Nei documenti divulgati dalla Manning i retroscena di torture, stupri e di numerose uccisioni, anche di civili, avvenute in Iraq.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti