Chiuse le indagini
sulla strage di Las Vegas

| Stephen Paddock agì da solo, pianificando il massacro in ogni dettaglio. Ma la parte peggiore è che non è stato possibile trovare uno straccio di movente

+ Miei preferiti
Punto e a capo. A 16 mesi di distanza dal massacro di Las Vegas, l’FBI ha chiuso l’inchiesta sulla folle sparatoria di Stephen Paddock, l’uomo di 64 anni che dalla sua camera, al 32esimo piano dell’hotel “Mandalay Bay Resort”, la sera del 1° ottobre 2017 ha falciato la vita di 58 persone, ferendone altre 851, prima di spararsi alla tempia senza lasciare neanche una riga o un frammento video che spiegasse il perché.

E la conclusione delle indagini, se possibile, è altrettanto agghiacciante: “Non si trattava di colpire un albergo, un casinò o un evento in un luogo preciso: l’intento era di fare il massimo dei danni possibili per avere in cambio una forma di infamia e arrivare alla morte”. Le parole di Aaron Rouse, l’agente speciale dell’FBI che da 16 mesi scandaglia l’esistenza di Stephen Paddock, sono una sorta di resa: “Non c’è alcun movente: banalmente e tristemente, è tutto qua”. Follia pura, innescata non si saprà forse mai da cosa, il corto circuito della mente di un ex uomo d’affari benestante, assiduo frequentatore dei casinò di Las Vegas, astemio, nessun contatto con gruppi terroristici e nessun fanatismo, ma in compenso una lucidità che dimostra lo studio e la premeditazione di un solo, possibile obiettivo: lasciare questo mondo portandosi dietro quanti più innocenti possibili. Le vittime erano fra i 22mila spettatori che stavano assistendo ad un concerto di musica country di Jason Aldean: qualcuno scambia i primi colpi per fuochi d’artificio, poi il sangue inizia a bagnare il prato di fronte al grattacielo del Mandalay Bay, e si scatena il panico. Per sette lunghissimi minuti, Paddock scarica verso il prato oltre 1.000 proiettili sparando a casaccio.

“Ha agito da solo in tutto, dalla pianificazione all’esecuzione dell’attacco”, aggiunge l’agente Rouse. Gli unici buchi neri emersi dalle indagini sono la figura del padre di Paddock, rapinatore di banche e nella lista dei “Most Wanted” dell’FBI, e le parole del fratello – Eric – che lo definisce narcisista, annoiato e con una gran voglia di diventare celebre per qualcosa. C’è anche il racconto di un venditore d’auto di Reno, a cui Paddock aveva confidato una forma di depressione che stava tentando di curare con dei farmaci. Nei due anni precedenti al massacro, Paddock arriva a spendere 1,5 milioni di dollari togliendosi ogni sfizio e capriccio, compreso l’acquisto di un vero arsenale, fra cui le 23 fra pistole e fucili che quella sera si porta nella stanza del Mandalay Bay per uccidere senza motivo. Forse, voleva esattamente quello che ha ottenuto: essere ricordato per la più grave e sanguinosa sparatoria nella storia degli Stati Uniti.

Galleria fotografica
Chiuse le indagini<br>sulla strage di Las Vegas - immagine 1
Stati Uniti
L’ultimo weekend di Trump,
mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump,<br>mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere
L’America si prepara alla guerra
L’America si prepara alla guerra
L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Il 25esimo emendamento sembra difficile che arrivi, al contrario dell’impeachment. Fra i contrario lo stesso Biden, che non vuole passare i primi giorni di presidenza a cercare una condanna per Trump invece di pensare ai problemi del Paese
La resa dei conti di Capitol Hill
La resa dei conti di Capitol Hill
Uno dopo l’altro, i protagonisti della protesta stanno finendo in manette: fra loro emergono numerosi agenti e militari fuori servizio. Contro Trump, sempre più isolato, si compatta il fronte di chi chiede il 25esimo emendamento
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
Gli esperti in sicurezza informatica da giorni notavano sui siti di estrema destra un crescendo di minacce e inviti alla violenza per bloccare i lavori del Campidoglio. E crescono le preoccupazioni per il giorno del giuramento di Biden
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Gli agenti “arrendevoli” di fronte alla folla di bianchi che prendeva d’assalto il Campidoglio, messa a confronto con le proteste della scorsa estate per la morte di George Floyd