Chiuse le indagini
sulla strage di Las Vegas

| Stephen Paddock agì da solo, pianificando il massacro in ogni dettaglio. Ma la parte peggiore è che non è stato possibile trovare uno straccio di movente

+ Miei preferiti
Punto e a capo. A 16 mesi di distanza dal massacro di Las Vegas, l’FBI ha chiuso l’inchiesta sulla folle sparatoria di Stephen Paddock, l’uomo di 64 anni che dalla sua camera, al 32esimo piano dell’hotel “Mandalay Bay Resort”, la sera del 1° ottobre 2017 ha falciato la vita di 58 persone, ferendone altre 851, prima di spararsi alla tempia senza lasciare neanche una riga o un frammento video che spiegasse il perché.

E la conclusione delle indagini, se possibile, è altrettanto agghiacciante: “Non si trattava di colpire un albergo, un casinò o un evento in un luogo preciso: l’intento era di fare il massimo dei danni possibili per avere in cambio una forma di infamia e arrivare alla morte”. Le parole di Aaron Rouse, l’agente speciale dell’FBI che da 16 mesi scandaglia l’esistenza di Stephen Paddock, sono una sorta di resa: “Non c’è alcun movente: banalmente e tristemente, è tutto qua”. Follia pura, innescata non si saprà forse mai da cosa, il corto circuito della mente di un ex uomo d’affari benestante, assiduo frequentatore dei casinò di Las Vegas, astemio, nessun contatto con gruppi terroristici e nessun fanatismo, ma in compenso una lucidità che dimostra lo studio e la premeditazione di un solo, possibile obiettivo: lasciare questo mondo portandosi dietro quanti più innocenti possibili. Le vittime erano fra i 22mila spettatori che stavano assistendo ad un concerto di musica country di Jason Aldean: qualcuno scambia i primi colpi per fuochi d’artificio, poi il sangue inizia a bagnare il prato di fronte al grattacielo del Mandalay Bay, e si scatena il panico. Per sette lunghissimi minuti, Paddock scarica verso il prato oltre 1.000 proiettili sparando a casaccio.

“Ha agito da solo in tutto, dalla pianificazione all’esecuzione dell’attacco”, aggiunge l’agente Rouse. Gli unici buchi neri emersi dalle indagini sono la figura del padre di Paddock, rapinatore di banche e nella lista dei “Most Wanted” dell’FBI, e le parole del fratello – Eric – che lo definisce narcisista, annoiato e con una gran voglia di diventare celebre per qualcosa. C’è anche il racconto di un venditore d’auto di Reno, a cui Paddock aveva confidato una forma di depressione che stava tentando di curare con dei farmaci. Nei due anni precedenti al massacro, Paddock arriva a spendere 1,5 milioni di dollari togliendosi ogni sfizio e capriccio, compreso l’acquisto di un vero arsenale, fra cui le 23 fra pistole e fucili che quella sera si porta nella stanza del Mandalay Bay per uccidere senza motivo. Forse, voleva esattamente quello che ha ottenuto: essere ricordato per la più grave e sanguinosa sparatoria nella storia degli Stati Uniti.

Galleria fotografica
Chiuse le indagini<br>sulla strage di Las Vegas - immagine 1
Stati Uniti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
Si tratta di un’installazione artistica creata dal regista Eugene Jarecki: mostra in tempo reale quante vite umane si sarebbero potute salvare con una risposta più tempestiva
Saturday Night Virus
Saturday Night Virus
L’ultima follia americana sono i “Covid-party” delle feste in cui persone sane si mescolano ad altre infette, nella speranza di essere contagiate e sviluppare volontariamente l’immunità di gregge
NY: vacanze gratis per 4.000 dipendenti di un ospedale
NY: vacanze gratis per 4.000 dipendenti di un ospedale
Migliaia di medici, infermieri e assistenti dell’ospedale epicentro della lotta dell’America contro il coronavirus premiati per il duro lavoro