Condannato a morte si uccide in cella

| Scott Raymond Dozier, omicida condannato alla pena capitale, aveva rinunciato ai suoi diritti chiedendo di morire. Ma la burocrazia continuava a rinviare più volte l’esecuzione e lui ha deciso di fare da solo

+ Miei preferiti
“Sono stato chiaro sul mio desiderio di essere giustiziato, anche se è impossibile evitare la sofferenza. Fatelo rapidamente e smettetela di litigare”. Dopo l’ennesimo rinvio della sua esecuzione, Scott Raymond Dozier, 48 anni, ha scelto di fare da solo, togliendosi la vita nella sua cella nel carcere di Ely, in Nevada.

È il drammatico epilogo di una vicenda che colpito nel profondo l’America, ma soprattutto la fine della storia di un omicida che si era stancato di vivere e aveva più volte chiesto di essere giustiziato. Nato nel novembre del 1970 a Boulder City, in Nevada, Dozier aveva prestato servizio nell’esercito, si era sposato e aveva avuto un figlio. Ma per guadagnarsi da vivere aveva scelto di produrre metanfetamina che poi spacciava fra Arizona e Nevada. Il 18 aprile del 2002 incontra a La Concha, un motel di Las Vegas, uno dei suoi pusher, Jeremiah Miller: al suo arrivo, Dozier lo uccide con un colpo di pistola per poi sezionare il corpo e chiuderlo all’interno di una valigia. A fare la macabra scoperta era stato un operaio: di Miller mancavano la testa e le braccia, che non sono mai state più ritrovate.

Scott Raymond Dozier fu arrestato il 25 giugno dello stesso anno a Phoenix, Arizona. Estradato in Nevada, nel settembre del 2007 è stato condannato a morte e un mese dopo la corte suprema del Nevada ha confermato la pena. Il 31 ottobre 2016, Dozier scrive una lettera al giudice distrettuale Jennifer Togliatti in cui annuncia di rinunciare volontariamente ai suoi diritti e chiede di accelerare l’esecuzione. Dieci giorni dopo il dipartimento di correzione del Nevada annuncia il completamento della nuova camera della morte all’interno della prigione di Stato di Ely. Il 27 luglio del 2017, il giudice firma la condanna a morte fissando l’esecuzione “nella settimana del 16 ottobre”. Dopo il rinvio di un mese richiesto dal dipartimento, il 9 novembre il giudice Togliatti sospende l’esecuzione su mandato dei legali di Dozier, che impugnano l’iniezione letale proposta dallo stato del Nevada perché il mix di farmaci non garantisce che il condannato non provi dolore. Sarebbe stata la prima esecuzione in Nevada da quella di Tamir Hamilton del 16 agosto 2010.

Il 19 giugno dello scorso anno, Jennifer Togliatti firma un nuovo ordine di esecuzione per Dozier, fissata alle 20 dell’11 luglio 2018. La mattina stessa Elizabeth Gonzales, giudice distrettuale della contea di Clark, sospende l’esecuzione poiché i legali della “Avolgen”, una ditta farmaceutica del New Jersey, annunciano che temendo ripercussioni sulla propria immagine, l’azienda si rifiuta di fornire il “Midazolam”, il farmaco scelto per la pena capitale. Stanco di tutto questo, Scott Raymond Dozier non ha più voluto rinviare: si impiccato nella sua cella.

Galleria fotografica
Condannato a morte si uccide in cella - immagine 1
Condannato a morte si uccide in cella - immagine 2
Stati Uniti
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Dal 2010 al 2014, secondo uno studio, la polizia ha ucciso 375 persone ed altre 400 dal 2012 a oggi. Ma le denunce dei familiari delle vittime sono finite in archivio, comprese le inchieste promosse dalla polizia contro i suoi agenti
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Il governatore della California le ha sospese ma la procura generale ha chiesto e ottenuto 22 condanne alla pena capitale, più che in ogni altro Stato dell'Unione. Ma nel braccio della morte solo neri, asiatici e latini
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
A Phoenix, Arizona, una pattuglia della polizia ha avuto una reazione spropositata di fronte al furto di un bambolina di una bimba di 4 anni. I genitori non si erano accorti di nulla
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Pamela, 24 anni, è stata colpita al petto ed è spirata qualche ora dopo: il fidanzato Andrew giura si sia trattato di un incidente. Ma la polizia non sembra credere alla sua versione
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Duro editoriale sul Guardian: "S'è prestata a nascondere la misoginia di Trump, chiunque la sostituirà non può fare peggio di lei". "Disprezza i giornalisti, da 90 giorni neanche una conferenza stampa".
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Brandon Webber, un giovane di colore di 20 anni, crivellato di colpi dalla polizia. La folla è scesa in piazza per protestare, ma la situazione è degenerata in scontri con le forze dell’ordine
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia
Esorcismo per via orale
Esorcismo per via orale
Padre Bill, prete di una chiesa presbiteriana in New Jersey, avrebbe praticato sesso orale a tre uomini che gli avevano chiesto aiuto, spacciandolo per un esorcismo
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla
Alabama: la castrazione chimica è legge
Alabama: la castrazione chimica è legge
I condannati per reati sessuali saranno obbligati a sottoporsi al trattamento un mese prima della scarcerazione. Un provvedimento che fa esultare la governatrice Kay Ivey ma divide gli Stati Uniti, come la recente legge sull’aborto