Condannato per errore, esce 40 anni dopo

| L’incredibile vicenda di Craig Coley, finito in carcere per un duplice omicidio che non ha mai commesso. È stato frettolosamente incriminato per chiudere il caso, ma le nuove tecniche forensi sul Dna hanno permesso di scagionarlo

+ Miei preferiti
L’11 novembre del 1978, Rhonda Witch, 24 anni, e suo figlio Donald, di 4, vengono ritrovati ormai cadaveri nell’appartamento in cui vivevano, a Simi Valley, uno dei tanti sobborghi di Los Angeles. La donna era stata violentata, picchiata e strangolata, il piccolo soffocato. I sospetti si concentrano subito su Craig Richard Coley, classe 1947, ex militare della marina che lavorava in un ristorante, ultimo fidanzato conosciuto della donna, da cui si era allontanato un paio di mesi prima. Lo stesso giorno della macabra scoperta, Coley finisce in manette con l’accusa di duplice omicidio. Il primo processo si conclude con la condanna alla pena di morte tramite impiccagione, il secondo - nel 1980 - tramuta la pena nel carcere a vita senza libertà condizionale. L’uomo si dichiara innocente, continua a farlo presentando appelli, ma dopo l’ultimo, il giudice decide la distruzione delle prove.

Come nei film, di tutto questo non era convinto Michael Bender, un detective del dipartimento di polizia di Simi Valley, che ha continuato a indagare nuovamente sul caso della morte di Rhonda e Donald Coley, capendo che qualcosa non tornava. Fino alla loro morte, il padre e la madre di Craig Coley, un poliziotto e insegnante in pensione, avevano tentato ogni strada per far scagionare il figlio, insistendo con le forze dell’ordine perché facessero piena luce sul caso. Il capo della polizia di Simi Valley Dave Livinstone ha affidato una nuova indagine al detective Swanson, che è riuscito a individuare le prove mancanti e le ha fatte esaminare con le più moderne tecniche di indagine forense. Il test del DNA, non ancora utilizzabile al tempo del processo, ha svelato che non c’era traccia di quello di Coley sulle prove: al suo posto, al contrario, tracce genetiche di un sospetto sconosciuto. Swanson ha anche smentito le parole di un testimone che sosteneva di aver visto Coley sulla scena del crimine e quelle di tre ex agenti di polizia accusati “di aver gestito male l’indagine incastrando Greg Coley”. Dopo quasi quarant’anni di prigione, il procuratore Jerry Brown ha ritenuto che Coley fosse stato dichiarato colpevole troppo in fretta, scagionandolo da ogni accusa.

Proprio in questi giorni, Greg Coley - ormai settantenne - ha raggiunto un accordo con le autorità californiane per 21 milioni di dollari a titolo risarcitorio, 4,9 milioni a carico del comune di Simi Valley e il resto da agenzie assicurative. “Sebbene nessuna cifra potrà mai risarcire Greg Coley per quanto è stato costretto a vivere, chiudere nel migliore dei modi questo caso è la cosa più giusta per la nostra comunità”, ha commentato Eric Levitt, il sindaco della città.

Galleria fotografica
Condannato per errore, esce 40 anni dopo - immagine 1
Stati Uniti
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia,
torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia,<br>torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle