Condannato per errore, esce 40 anni dopo

| L’incredibile vicenda di Craig Coley, finito in carcere per un duplice omicidio che non ha mai commesso. È stato frettolosamente incriminato per chiudere il caso, ma le nuove tecniche forensi sul Dna hanno permesso di scagionarlo

+ Miei preferiti
L’11 novembre del 1978, Rhonda Witch, 24 anni, e suo figlio Donald, di 4, vengono ritrovati ormai cadaveri nell’appartamento in cui vivevano, a Simi Valley, uno dei tanti sobborghi di Los Angeles. La donna era stata violentata, picchiata e strangolata, il piccolo soffocato. I sospetti si concentrano subito su Craig Richard Coley, classe 1947, ex militare della marina che lavorava in un ristorante, ultimo fidanzato conosciuto della donna, da cui si era allontanato un paio di mesi prima. Lo stesso giorno della macabra scoperta, Coley finisce in manette con l’accusa di duplice omicidio. Il primo processo si conclude con la condanna alla pena di morte tramite impiccagione, il secondo - nel 1980 - tramuta la pena nel carcere a vita senza libertà condizionale. L’uomo si dichiara innocente, continua a farlo presentando appelli, ma dopo l’ultimo, il giudice decide la distruzione delle prove.

Come nei film, di tutto questo non era convinto Michael Bender, un detective del dipartimento di polizia di Simi Valley, che ha continuato a indagare nuovamente sul caso della morte di Rhonda e Donald Coley, capendo che qualcosa non tornava. Fino alla loro morte, il padre e la madre di Craig Coley, un poliziotto e insegnante in pensione, avevano tentato ogni strada per far scagionare il figlio, insistendo con le forze dell’ordine perché facessero piena luce sul caso. Il capo della polizia di Simi Valley Dave Livinstone ha affidato una nuova indagine al detective Swanson, che è riuscito a individuare le prove mancanti e le ha fatte esaminare con le più moderne tecniche di indagine forense. Il test del DNA, non ancora utilizzabile al tempo del processo, ha svelato che non c’era traccia di quello di Coley sulle prove: al suo posto, al contrario, tracce genetiche di un sospetto sconosciuto. Swanson ha anche smentito le parole di un testimone che sosteneva di aver visto Coley sulla scena del crimine e quelle di tre ex agenti di polizia accusati “di aver gestito male l’indagine incastrando Greg Coley”. Dopo quasi quarant’anni di prigione, il procuratore Jerry Brown ha ritenuto che Coley fosse stato dichiarato colpevole troppo in fretta, scagionandolo da ogni accusa.

Proprio in questi giorni, Greg Coley - ormai settantenne - ha raggiunto un accordo con le autorità californiane per 21 milioni di dollari a titolo risarcitorio, 4,9 milioni a carico del comune di Simi Valley e il resto da agenzie assicurative. “Sebbene nessuna cifra potrà mai risarcire Greg Coley per quanto è stato costretto a vivere, chiudere nel migliore dei modi questo caso è la cosa più giusta per la nostra comunità”, ha commentato Eric Levitt, il sindaco della città.

Galleria fotografica
Condannato per errore, esce 40 anni dopo - immagine 1
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda