Deepfake, allarme per le presidenziali 2020

| Un programmatore californiano posta su youtube e social, video dove volti di celebrità interagiscono su corpi di persone note o sconosciute. Sembra che facciano qualcosa ma è tutto falso. Già clonati Kardashian, Musk e Trump

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

I leader politici e e l’apparato di sicurezza del governo USA  sono preoccupati per la possibilità che i deepfake (video abilmente sofisticati) vengano usati per ingannare gli elettori nelle elezioni del 2020. E' una tecnica che si raffinando sempre più, con programmi sempre più efficati anche se circolano da pochi anni; i primi video conosciuti, pubblicati su Reddit nel 2017, presentavano volti di celebrità inseriti, per non sbagliarsi, su video di pornostar.

E Paul Shales, un programmatore di computer che si occupa di pubblicità per le banche, di San Francisco, è un vero specialista di deepfake. Il tema è un umorismo venato di ironia e su YouTube ha già 100 mila followers. Trasforma Elon Musk come un bambino dall'aspetto inquietante e ridicolo; il presidente Donald Trump come un pupazzo tv o Kardashian come una rapper estrema. I suoi video usano l'intelligenza artificiale per mostrare realisticamente le persone che fanno cose che in realtà non hanno fatto, sono divertenti e a volte anche politicamente satirici. Shales li pubblica su YouTube e Instagram dove,  firmati da TheFakening e The_Fakening, rispettivamente, ha accumulato un pubblico fedele di 100.000 persone che spesso rispondono con l'equivalente emoji di un volto che ride, tanto si divertono.

Alcuni video sono geniali e tecnicamente perfetti: quello con il  volto del comico Pete Davidson sul corpo della pop star Ariana Grande (l'ex fidanzata di Davidson), mentre il neonato Musk si scatena con risultati incredibilmente comici. Ora sta lavorando a un deepfake per un video musicale e per lo show televisivo "Full Frontal with Samantha Bee. ”Non farei mai un deepfake con l'intenzione di danneggiare qualcuno, attaccare qualcuno o calunniare qualcuno", ha detto Shales alla CNN Business. Per creare un deepfake, come quello di Kardashian Shales ha bisogno di un video di base (in questo caso, un'attrice di nome Natalie Friedma), e migliaia di foto del volto di Kim. Un computer passa abbina il volto di Kardashian con quello di Friedman, un fotogramma alla volta. Non e' cosi' semplice. Shales utilizza programmi gratuiti di apprendimento profondo come FaceSwap e DeepFaceLab per sostituire i volti nei video, ma richiede anche un sacco di lavoro per ottenere un buon risultato finale. Per esempio, ha dovuto raccogliere un sacco di clip di Kardashian dal suo reality show, "Keeping Up with the Kardashians", usare un software per computer per ottenere le immagini valide, e poi eliminare manualmente quelle inutili. Ore di lavoro, risultato molto comico.

 
Video
Stati Uniti
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni