Deepfake, allarme per le presidenziali 2020

| Un programmatore californiano posta su youtube e social, video dove volti di celebrità interagiscono su corpi di persone note o sconosciute. Sembra che facciano qualcosa ma è tutto falso. Già clonati Kardashian, Musk e Trump

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

I leader politici e e l’apparato di sicurezza del governo USA  sono preoccupati per la possibilità che i deepfake (video abilmente sofisticati) vengano usati per ingannare gli elettori nelle elezioni del 2020. E' una tecnica che si raffinando sempre più, con programmi sempre più efficati anche se circolano da pochi anni; i primi video conosciuti, pubblicati su Reddit nel 2017, presentavano volti di celebrità inseriti, per non sbagliarsi, su video di pornostar.

E Paul Shales, un programmatore di computer che si occupa di pubblicità per le banche, di San Francisco, è un vero specialista di deepfake. Il tema è un umorismo venato di ironia e su YouTube ha già 100 mila followers. Trasforma Elon Musk come un bambino dall'aspetto inquietante e ridicolo; il presidente Donald Trump come un pupazzo tv o Kardashian come una rapper estrema. I suoi video usano l'intelligenza artificiale per mostrare realisticamente le persone che fanno cose che in realtà non hanno fatto, sono divertenti e a volte anche politicamente satirici. Shales li pubblica su YouTube e Instagram dove,  firmati da TheFakening e The_Fakening, rispettivamente, ha accumulato un pubblico fedele di 100.000 persone che spesso rispondono con l'equivalente emoji di un volto che ride, tanto si divertono.

Alcuni video sono geniali e tecnicamente perfetti: quello con il  volto del comico Pete Davidson sul corpo della pop star Ariana Grande (l'ex fidanzata di Davidson), mentre il neonato Musk si scatena con risultati incredibilmente comici. Ora sta lavorando a un deepfake per un video musicale e per lo show televisivo "Full Frontal with Samantha Bee. ”Non farei mai un deepfake con l'intenzione di danneggiare qualcuno, attaccare qualcuno o calunniare qualcuno", ha detto Shales alla CNN Business. Per creare un deepfake, come quello di Kardashian Shales ha bisogno di un video di base (in questo caso, un'attrice di nome Natalie Friedma), e migliaia di foto del volto di Kim. Un computer passa abbina il volto di Kardashian con quello di Friedman, un fotogramma alla volta. Non e' cosi' semplice. Shales utilizza programmi gratuiti di apprendimento profondo come FaceSwap e DeepFaceLab per sostituire i volti nei video, ma richiede anche un sacco di lavoro per ottenere un buon risultato finale. Per esempio, ha dovuto raccogliere un sacco di clip di Kardashian dal suo reality show, "Keeping Up with the Kardashians", usare un software per computer per ottenere le immagini valide, e poi eliminare manualmente quelle inutili. Ore di lavoro, risultato molto comico.

 
Video
Stati Uniti
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica