Deepfake, allarme per le presidenziali 2020

| Un programmatore californiano posta su youtube e social, video dove volti di celebrità interagiscono su corpi di persone note o sconosciute. Sembra che facciano qualcosa ma è tutto falso. Già clonati Kardashian, Musk e Trump

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

I leader politici e e l’apparato di sicurezza del governo USA  sono preoccupati per la possibilità che i deepfake (video abilmente sofisticati) vengano usati per ingannare gli elettori nelle elezioni del 2020. E' una tecnica che si raffinando sempre più, con programmi sempre più efficati anche se circolano da pochi anni; i primi video conosciuti, pubblicati su Reddit nel 2017, presentavano volti di celebrità inseriti, per non sbagliarsi, su video di pornostar.

E Paul Shales, un programmatore di computer che si occupa di pubblicità per le banche, di San Francisco, è un vero specialista di deepfake. Il tema è un umorismo venato di ironia e su YouTube ha già 100 mila followers. Trasforma Elon Musk come un bambino dall'aspetto inquietante e ridicolo; il presidente Donald Trump come un pupazzo tv o Kardashian come una rapper estrema. I suoi video usano l'intelligenza artificiale per mostrare realisticamente le persone che fanno cose che in realtà non hanno fatto, sono divertenti e a volte anche politicamente satirici. Shales li pubblica su YouTube e Instagram dove,  firmati da TheFakening e The_Fakening, rispettivamente, ha accumulato un pubblico fedele di 100.000 persone che spesso rispondono con l'equivalente emoji di un volto che ride, tanto si divertono.

Alcuni video sono geniali e tecnicamente perfetti: quello con il  volto del comico Pete Davidson sul corpo della pop star Ariana Grande (l'ex fidanzata di Davidson), mentre il neonato Musk si scatena con risultati incredibilmente comici. Ora sta lavorando a un deepfake per un video musicale e per lo show televisivo "Full Frontal with Samantha Bee. ”Non farei mai un deepfake con l'intenzione di danneggiare qualcuno, attaccare qualcuno o calunniare qualcuno", ha detto Shales alla CNN Business. Per creare un deepfake, come quello di Kardashian Shales ha bisogno di un video di base (in questo caso, un'attrice di nome Natalie Friedma), e migliaia di foto del volto di Kim. Un computer passa abbina il volto di Kardashian con quello di Friedman, un fotogramma alla volta. Non e' cosi' semplice. Shales utilizza programmi gratuiti di apprendimento profondo come FaceSwap e DeepFaceLab per sostituire i volti nei video, ma richiede anche un sacco di lavoro per ottenere un buon risultato finale. Per esempio, ha dovuto raccogliere un sacco di clip di Kardashian dal suo reality show, "Keeping Up with the Kardashians", usare un software per computer per ottenere le immagini valide, e poi eliminare manualmente quelle inutili. Ore di lavoro, risultato molto comico.

 
Video
Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia