Dentro la cella di Epstein

| “60 Minutes”, il celebre programma della rete televisiva americana “CBS”, ha mostrato per la prima volta le foto scattate all'interno della cella del miliardario pedofilo pochi istanti dopo la scoperta del corpo senza vita

+ Miei preferiti
Sono immagini forti, quelle della cella del Metropolitan Correctional Center di Manhattan dove il 10 agosto scorso si è tolto la vita il miliardario pedofilo Jeffrey Epstein.

Le ha mostrate per la prima volta “60 Minutes”, il seguitissimo programma di approfondimento giornalistico in onda sulla “CBS” dal lontano 1968: si tratta delle foto scattate dagli uomini dell’ufficio di medicina legale di New York pochi minuti dopo la scoperta del corpo senza vita del magnate.

Ufficialmente classificata come suicidio per impiccagione, la morte di Epstein ha scatenato diverse teorie cospirative, speculazioni e sospetti che il finanziere sia stato messo a tacere per le troppe cose di cui era a conoscenza.

Le foto scattate all’interno della cella mostrano diversi cappi ricavati da lenzuola, medicinali e pochi oggetti su una mensola. Il corredo fotografico include alcune immagini dell’autopsia, ma abbiamo preferito mostrarne soltanto una: quella in cui si vede il collo insanguinato di Epstein (si sconsiglia la visione della gallery a persone sensibili, ndr).

All’interno della cella è stata trovata anche una nota scritta a mano in cui Epstein si lamentava delle condizioni della prigione, compreso il racconto di essere stato rinchiuso in una doccia per un’ora da una guardia.

Il dottor Michael Baden, assunto dal fratello di Epstein per indagare sulla morte e presente durante l’autopsia, ha riferito che non esisteva alcuna immagine del miliardario 66enne all’interno della sua cella, e senza immagini era difficile determinare la causa della morte. Ma resta ancora convinto che le prove forensi rilasciate finora mostrino più i risultati di un omicidio che quelli di qualcuno che ha scelto di togliersi la vita: secondo il dottor Baden, la ferita al collo di Epstein è un indizio comune a chi stato strangolato con un filo metallico. Nella maggioranza dei casi di impiccagione è normale che il cappio scivoli verso l’osso della mandibola e non finisca per appoggiarsi al centro del collo. “In oltre mille impiccagioni avvenuti nelle carceri statali di New York negli ultimi 40-50 anni, non ho mai riscontrato la presenza di tre fratture”. Il referto dell’autopsia ha rilevato che il collo di Epstein era rotto in diversi punti, compreso lo ioide, vicino al pomo d’Adamo.

In più, sottolinea il medico dopo aver visto le immagini di 60 Minutes, sul cappio ritrovato nella cella non sembra esserci alcuna traccia di sangue, malgrado la foto mostri una vistosa ferita intorno al collo. Ancora più strane e inspiegabili apparivano altre ferite sul corpo del magnate, comprese alcune su entrambi i polsi, un vistoso ematoma sulla spalla sinistra e un’abrasione al braccio sinistro. Epstein aveva anche un taglio sul labbro e capillari rotti sul viso, sulla bocca e sugli occhi.

Le circostanze della morte di Epstein continuano a sollevare molti interrogativi sul protocollo della prigione federale di Manhattan. Le due guardie carcerarie che erano responsabili la notte in cui Epstein si è impiccato sono state accusate di falsificazione di documenti e cospirazione. Tova Noel, 31 anni, e Michael Thomas, di 41, che si sono dichiarati non colpevoli, stavano presumibilmente facendo acquisti online di mobili e schiacciando un pisolino, invece di controllare il milionario pedofilo nella sua cella, a soli 15 metri di distanza dalla loro postazione.

Dopo aver scoperto la morte di Epstein, gli agenti avrebbero detto ad un superiore di “aver fatto un casino”: Noel e Thomas sono accusati di non averlo controllato ogni mezz’ora, come previsto, e di aver falsificato i registri sostenendo di aver agito secondo regolamento.

Le due guardie erano tenute a verificare le condizioni della cella alle 16:00, alle 22:00, a mezzanotte, alle 3:00 e alle 5:00: dovevano percorrere i sei livelli del braccio per contare e verificare lo stato di ogni detenuto. Oltre a questo, gli ufficiali assegnati al braccio devono percorrere i corridoi ogni 30 minuti per verificare le celle dagli spioncini.

Secondo i procuratori, le telecamere di sorveglianza dimostrano che quella notte i due agenti non hanno fatto alcun giro di ispezione.

Epstein era stato messo sotto sorveglianza dopo essere stato trovato il 23 luglio sul pavimento della sua cella con lividi sul collo. La sua morte ha messo fine alla possibilità di un processo che avrebbe finito per coinvolgere personaggi di spicco, oltre a suscitare rabbia fra le sue vittime per aver evitato di rispondere davanti alla legge della sua condotta.

Nella cerchia di amicizie del miliardario figurano diversi ricchi e potenti, tra cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Bill Gates, l’ex presidente Bill Clinton e il principe Andrea.

Galleria fotografica
Dentro la cella di Epstein - immagine 1
Dentro la cella di Epstein - immagine 2
Dentro la cella di Epstein - immagine 3
Dentro la cella di Epstein - immagine 4
Dentro la cella di Epstein - immagine 5
Dentro la cella di Epstein - immagine 6
Dentro la cella di Epstein - immagine 7
Dentro la cella di Epstein - immagine 8
Dentro la cella di Epstein - immagine 9
Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare