Dentro la cella di Epstein

| “60 Minutes”, il celebre programma della rete televisiva americana “CBS”, ha mostrato per la prima volta le foto scattate all'interno della cella del miliardario pedofilo pochi istanti dopo la scoperta del corpo senza vita

+ Miei preferiti
Sono immagini forti, quelle della cella del Metropolitan Correctional Center di Manhattan dove il 10 agosto scorso si è tolto la vita il miliardario pedofilo Jeffrey Epstein.

Le ha mostrate per la prima volta “60 Minutes”, il seguitissimo programma di approfondimento giornalistico in onda sulla “CBS” dal lontano 1968: si tratta delle foto scattate dagli uomini dell’ufficio di medicina legale di New York pochi minuti dopo la scoperta del corpo senza vita del magnate.

Ufficialmente classificata come suicidio per impiccagione, la morte di Epstein ha scatenato diverse teorie cospirative, speculazioni e sospetti che il finanziere sia stato messo a tacere per le troppe cose di cui era a conoscenza.

Le foto scattate all’interno della cella mostrano diversi cappi ricavati da lenzuola, medicinali e pochi oggetti su una mensola. Il corredo fotografico include alcune immagini dell’autopsia, ma abbiamo preferito mostrarne soltanto una: quella in cui si vede il collo insanguinato di Epstein (si sconsiglia la visione della gallery a persone sensibili, ndr).

All’interno della cella è stata trovata anche una nota scritta a mano in cui Epstein si lamentava delle condizioni della prigione, compreso il racconto di essere stato rinchiuso in una doccia per un’ora da una guardia.

Il dottor Michael Baden, assunto dal fratello di Epstein per indagare sulla morte e presente durante l’autopsia, ha riferito che non esisteva alcuna immagine del miliardario 66enne all’interno della sua cella, e senza immagini era difficile determinare la causa della morte. Ma resta ancora convinto che le prove forensi rilasciate finora mostrino più i risultati di un omicidio che quelli di qualcuno che ha scelto di togliersi la vita: secondo il dottor Baden, la ferita al collo di Epstein è un indizio comune a chi stato strangolato con un filo metallico. Nella maggioranza dei casi di impiccagione è normale che il cappio scivoli verso l’osso della mandibola e non finisca per appoggiarsi al centro del collo. “In oltre mille impiccagioni avvenuti nelle carceri statali di New York negli ultimi 40-50 anni, non ho mai riscontrato la presenza di tre fratture”. Il referto dell’autopsia ha rilevato che il collo di Epstein era rotto in diversi punti, compreso lo ioide, vicino al pomo d’Adamo.

In più, sottolinea il medico dopo aver visto le immagini di 60 Minutes, sul cappio ritrovato nella cella non sembra esserci alcuna traccia di sangue, malgrado la foto mostri una vistosa ferita intorno al collo. Ancora più strane e inspiegabili apparivano altre ferite sul corpo del magnate, comprese alcune su entrambi i polsi, un vistoso ematoma sulla spalla sinistra e un’abrasione al braccio sinistro. Epstein aveva anche un taglio sul labbro e capillari rotti sul viso, sulla bocca e sugli occhi.

Le circostanze della morte di Epstein continuano a sollevare molti interrogativi sul protocollo della prigione federale di Manhattan. Le due guardie carcerarie che erano responsabili la notte in cui Epstein si è impiccato sono state accusate di falsificazione di documenti e cospirazione. Tova Noel, 31 anni, e Michael Thomas, di 41, che si sono dichiarati non colpevoli, stavano presumibilmente facendo acquisti online di mobili e schiacciando un pisolino, invece di controllare il milionario pedofilo nella sua cella, a soli 15 metri di distanza dalla loro postazione.

Dopo aver scoperto la morte di Epstein, gli agenti avrebbero detto ad un superiore di “aver fatto un casino”: Noel e Thomas sono accusati di non averlo controllato ogni mezz’ora, come previsto, e di aver falsificato i registri sostenendo di aver agito secondo regolamento.

Le due guardie erano tenute a verificare le condizioni della cella alle 16:00, alle 22:00, a mezzanotte, alle 3:00 e alle 5:00: dovevano percorrere i sei livelli del braccio per contare e verificare lo stato di ogni detenuto. Oltre a questo, gli ufficiali assegnati al braccio devono percorrere i corridoi ogni 30 minuti per verificare le celle dagli spioncini.

Secondo i procuratori, le telecamere di sorveglianza dimostrano che quella notte i due agenti non hanno fatto alcun giro di ispezione.

Epstein era stato messo sotto sorveglianza dopo essere stato trovato il 23 luglio sul pavimento della sua cella con lividi sul collo. La sua morte ha messo fine alla possibilità di un processo che avrebbe finito per coinvolgere personaggi di spicco, oltre a suscitare rabbia fra le sue vittime per aver evitato di rispondere davanti alla legge della sua condotta.

Nella cerchia di amicizie del miliardario figurano diversi ricchi e potenti, tra cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Bill Gates, l’ex presidente Bill Clinton e il principe Andrea.

Galleria fotografica
Dentro la cella di Epstein - immagine 1
Dentro la cella di Epstein - immagine 2
Dentro la cella di Epstein - immagine 3
Dentro la cella di Epstein - immagine 4
Dentro la cella di Epstein - immagine 5
Dentro la cella di Epstein - immagine 6
Dentro la cella di Epstein - immagine 7
Dentro la cella di Epstein - immagine 8
Dentro la cella di Epstein - immagine 9
Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo