Donald Trump, il signore del kitsch

| Un’artista americano ha raccolto più di 1000 oggetti che riguardano l’attività imprenditoriale e la carriera del presidente

+ Miei preferiti
Andres Serrano ha conquistato la popolarità per immagini e installazioni artistiche inquietanti e irriverenti: foto di cadaveri, uso dei fluidi corporei nei suoi scatti e opere blasfeme, come un crocifisso immerso nella sua urina. Ma da più di un anno, Serrano ha concentrato tutte le sue forze ed energie verso un’installazione multimediale in stile museale, “The Game: All Things Trump”. Una mostra, ancora una volta ironica e tagliente, dedicata all’immagine di un abile, attento e spietato businessman finito alla Casa Bianca.

Il ritratto del 45esimo Presidente degli Stati Uniti attraverso più di 1.000 oggetti acquistati principalmente su “eBay”, per una spesa complessiva di quasi 200.000 dollari. Fra i pezzi più curiosi un’insegna rotante con la parola “Ego”, decisamente appropriata a Trump, che dal “Taj Mahal’s Ego Lounge”, dov’era esposta, è finita al primo piano di un ex nightclub nel Meatpacking District di Manhattan, dove è ospitata la mostra.

Serrano ha incontrato Trump solo una volta quando lo ha fotografato nel 2004 per un progetto intitolato “America” che comprendeva più di 100 ritratti di celebrità e comuni cittadini.

“Ho sempre detto che il mio lavoro è molto semplice: si tratta di mostrare vita, morte, religione, sesso e razza, ovvero tutto ciò a cui la gente pensa. Allora, cos’è che da tre anni a questa parte occupa i pensieri di tutti gli americani? Semplice, Donald Trump”.

“Ci sono molte cose che mi preoccupano di questa amministrazione - ha confidato Serrano - in un certo senso, posso capire cosa è successo: Donald Trump ha avuto molte carte a suo favore, e la sua elezione è stata un contraccolpo alla presidenza di Barack Obama”.

Alcuni degli oggetti più affascinanti che Serrano ha raccolto sono copertine di riviste e tabloid degli ultimi tre decenni che hanno Trump in copertina, comprese alcune autografate. Ne spicca una, che fa pensare: una copia di “Esquire”, con un titolo che recita: “Hater-in-Chief” (più o meno l’odiatore capo), che potrebbe far sorridere, ma essendo stata autografata, significa che Trump si riconosce nella definizione. Fra i cimeli esposti anche un diploma della “Trump University” che un tempo alimentava i sogni capitalistici degli aspiranti imprenditori, quindi oggetti provenienti dalle sue infinite iniziative commerciali fra cui “Trump Shuttle”, “Trump Steaks”, “Trump Casinò”, “Trump Colognes”, una collezione di cravatte e cappelli “Make America Great Again” e un bambolotto parlante ispirato al programma “The Apprentice”. C’è anche un’edizione trumpiana del “Monopoli”, accompagnata da una frase sulla scatola che la dice lunga: “Non è importante che tu vinca o perda... è fondamentale che tu vinca”. 

“In realtà – assicura Serrano – non ho alcuna intenzione di inserirmi nelle dispute politiche: dopo tre anni di presidenza, la maggior parte degli americani si è ormai fatta un’opinione a favore o contro Trump. Quindi la mostra non è una celebrazione del presidente e neanche una critica nei suoi confronti: ognuno ci veda quel che vuole”.

Galleria fotografica
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 1
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 2
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 3
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 4
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 5
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 6
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 7
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 8
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 9
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 10
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 11
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg