Donald Trump, il signore del kitsch

| Un’artista americano ha raccolto più di 1000 oggetti che riguardano l’attività imprenditoriale e la carriera del presidente

+ Miei preferiti
Andres Serrano ha conquistato la popolarità per immagini e installazioni artistiche inquietanti e irriverenti: foto di cadaveri, uso dei fluidi corporei nei suoi scatti e opere blasfeme, come un crocifisso immerso nella sua urina. Ma da più di un anno, Serrano ha concentrato tutte le sue forze ed energie verso un’installazione multimediale in stile museale, “The Game: All Things Trump”. Una mostra, ancora una volta ironica e tagliente, dedicata all’immagine di un abile, attento e spietato businessman finito alla Casa Bianca.

Il ritratto del 45esimo Presidente degli Stati Uniti attraverso più di 1.000 oggetti acquistati principalmente su “eBay”, per una spesa complessiva di quasi 200.000 dollari. Fra i pezzi più curiosi un’insegna rotante con la parola “Ego”, decisamente appropriata a Trump, che dal “Taj Mahal’s Ego Lounge”, dov’era esposta, è finita al primo piano di un ex nightclub nel Meatpacking District di Manhattan, dove è ospitata la mostra.

Serrano ha incontrato Trump solo una volta quando lo ha fotografato nel 2004 per un progetto intitolato “America” che comprendeva più di 100 ritratti di celebrità e comuni cittadini.

“Ho sempre detto che il mio lavoro è molto semplice: si tratta di mostrare vita, morte, religione, sesso e razza, ovvero tutto ciò a cui la gente pensa. Allora, cos’è che da tre anni a questa parte occupa i pensieri di tutti gli americani? Semplice, Donald Trump”.

“Ci sono molte cose che mi preoccupano di questa amministrazione - ha confidato Serrano - in un certo senso, posso capire cosa è successo: Donald Trump ha avuto molte carte a suo favore, e la sua elezione è stata un contraccolpo alla presidenza di Barack Obama”.

Alcuni degli oggetti più affascinanti che Serrano ha raccolto sono copertine di riviste e tabloid degli ultimi tre decenni che hanno Trump in copertina, comprese alcune autografate. Ne spicca una, che fa pensare: una copia di “Esquire”, con un titolo che recita: “Hater-in-Chief” (più o meno l’odiatore capo), che potrebbe far sorridere, ma essendo stata autografata, significa che Trump si riconosce nella definizione. Fra i cimeli esposti anche un diploma della “Trump University” che un tempo alimentava i sogni capitalistici degli aspiranti imprenditori, quindi oggetti provenienti dalle sue infinite iniziative commerciali fra cui “Trump Shuttle”, “Trump Steaks”, “Trump Casinò”, “Trump Colognes”, una collezione di cravatte e cappelli “Make America Great Again” e un bambolotto parlante ispirato al programma “The Apprentice”. C’è anche un’edizione trumpiana del “Monopoli”, accompagnata da una frase sulla scatola che la dice lunga: “Non è importante che tu vinca o perda... è fondamentale che tu vinca”. 

“In realtà – assicura Serrano – non ho alcuna intenzione di inserirmi nelle dispute politiche: dopo tre anni di presidenza, la maggior parte degli americani si è ormai fatta un’opinione a favore o contro Trump. Quindi la mostra non è una celebrazione del presidente e neanche una critica nei suoi confronti: ognuno ci veda quel che vuole”.

Galleria fotografica
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 1
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 2
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 3
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 4
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 5
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 6
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 7
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 8
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 9
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 10
Donald Trump, il signore del kitsch - immagine 11
Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”