Dorian colpisce anche Trump

| L’uragano che sta flagellando la costa est degli Stati Uniti è stato protagonista di una serie di tweet del presidente pieni di errori e leggerezze

+ Miei preferiti
L’uragano Dorian prosegue la corsa seminando morte e distruzione, ma anche magre figure. Queste ultime sono quelle che inanellato Donald Trump, così colpito dalla violenza del “mostro” Dorian da dedicargli ben 122 tweet nel solo weekend, intercalati da altri destinati alla battaglia con la Cina per i dazi commerciali, all’indirizzo dell’ormai ex direttore dell’FBI James Comey e ad una fresca polemica con Debra Messing, l’attrice di “Will and Grace” che aveva stuzzicato il presidente chiedendogli di rendere pubblici i nomi di coloro che si dichiaravano pronti a sostenere finanziariamente la sua campagna elettorale del prossimo anno.

Tutto questo mentre calpestava i prati di un club di golf in Virginia, vista l’impossibilità di raggiungere il suo Mar-a-Lago, in Florida, causa appunto la minaccia di Dorian. Peccato però che nella foga qualche tweet fosse del tutto sbagliato, ma così tanto da costringere le autorità a rettificare prima che si scatenasse il panico. Per essere più precisi, alle 7:45 del mattino di domenica, dopo aver ricevuto gli aggiornamenti meteo, Trump scrive che “Oltre alla Florida, la Georgia, la Carolina del Nord e quella del Sud, anche l’Alabama sarà pesantemente colpita in modo molto più duro del previsto”.



Inevitabile: fra i cittadini dell’Alabama, che nessuno aveva chiamato in causa fino a quel momento, si scatena il panico. A prendere provvedimenti è stato il “National Weather Service”, costretto a rettificare il contenuto del tweet ripetendo più e più volte che l’Alabama non è sul percorso distruttivo di Dorian.



La correzione ha stizzito Trump, che ha bacchettato un giornalista della “ABC” che il giorno dopo ha osato ironizzare sull’errore. Neanche il tempo di assorbire il colpo, e il ditino veloce di Trump è tornato all’attacco con un nuovo tweet che questa volta ha lasciato gli americani ancora più perplessi: “Sembra che Mar-a-Lago si trovi in un punto sicuro. Ma quello è un posto che sa gestirsi da solo”. In tanti gli hanno fatto notare che la sua amata tenuta era forse il problema minore, visto quello che stava succedendo in altre parti del paese.

Per finire in bellezza con un tweet di autoignoranza: “Una categoria 5 è qualcosa di cui so a malapena l’esistenza”. Questa volta, contro la twittata si è schierata compatta la “Capital Weather Gang”, il gruppo di metereologi del Washington Post, che al di là della facile ironia ha fatto notare quanto l’ignoranza del presidente “potrebbe rallentare la risposta del governo di fronte ai disastri o contribuire a creare confusione e caos ai massimi livelli”.

La vicenda è stata riportata in queste ore dal New York Times, che ha chiuso l’ampio servizio sui tweet di Trump con un articolo dello storico Julian E. Zelizer, che ha ricordato la reazione di alcuni predecessori dell’attuale presidente di fronte alle catastrofi naturali. Nel 1965, Lyndon B. Johnson reagì all’uragano “Betsy” supervisionando di persona le operazioni di soccorso e salvataggio della popolazione di New Orleans. L’esatto contrario di George W. Bush, la cui risposta lentissima alla violenza dell’uragano Katrina costò la vita a quasi 2mila persone. “Trump non ricorda nessuno dei suoi due predecessori: fa così tanta confusione da aver inaugurato una terza categoria”.

Galleria fotografica
Dorian colpisce anche Trump - immagine 1
Dorian colpisce anche Trump - immagine 2
Stati Uniti
Si torna a scuola, pronti a morire
Si torna a scuola, pronti a morire
Un video shock circola in America nei giorni in cui riaprono le scuole. L’hanno voluto i parenti delle piccole vittime della Sandy School per alzare il livello di attenzione e ricordare che se non si agisce, le armi uccideranno ancora
Due sparatorie a Washington DC: 4 morti
Due sparatorie a Washington DC: 4 morti
A mezzora di distanza una dall’altra, due scontri a fuoco in altrettanti complessi residenziali nelle vicinanze della Casa Bianca: il bilancio delle vittime è ancora provvisorio
Morta la pornostar Jessica Jaymes
Morta la pornostar Jessica Jaymes
È stata trovata senza vita nel suo appartamento in California: l’ennesima fine prematura di una professionista del mondo del porno americano
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer
Uno dei più potenti colossi fra i “Bigpharma”, messo sotto accusa per aver taciuto sulle conseguenze dell’OxyContin, ha raggiunto un accordo con provvisorio con diversi Stati e 2.000 fra città e contee americane. Ma qualcuno si oppone
Felicity Huffman condannata per frode
Felicity Huffman condannata per frode
Il nome dell’attrice di Desperate Housewife era finito nell’inchiesta del giro di corruzione per ammettere i figli nelle più prestigiose università americane. Un giro d'affari milionario
Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie
Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie
Definiti “senza senso” dalla polizia, i tre episodi sono scoppiati nell'arco di 90 minuti in parti diverse della città. Non è ancora chiaro se ci siano collegamenti
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione
Sono i dati di un ex detective della omicidi, che aumentano il numero indicato dall’algoritmo creato dall’ex giornalista Thomas K. Hargrove, in grado di individuare la serialità degli omicidi
USA: 15esima esecuzione dall’inizio dell’anno
USA: 15esima esecuzione dall’inizio dell’anno
Mark Anthony Soliz è morto per iniezione letale: insieme ad un complice condannato all’ergastolo, era accusato di essere l’esecutore materiale di un duplice omicidio del 2010
Il falco Bolton: cacciato o auto-dimissionario?
Il falco Bolton: cacciato o auto-dimissionario?
L'ex consigliere della sicurezza precisa che è stato lui a presentare le dimissioni, Trump racconta il contrario. "L'ho allontanato per divergenze sulla questioni internazionali"
Trump, Dorian e l'Alabama
Trump, Dorian e l
Un’inchiesta del New York Times ha svelato le pressioni della Casa Bianca sul servizio meteorologico nazionale perché smentisse le proprie previsioni dando per buone quelle del presidente (sbagliate)