Dorian colpisce anche Trump

| L’uragano che sta flagellando la costa est degli Stati Uniti è stato protagonista di una serie di tweet del presidente pieni di errori e leggerezze

+ Miei preferiti
L’uragano Dorian prosegue la corsa seminando morte e distruzione, ma anche magre figure. Queste ultime sono quelle che inanellato Donald Trump, così colpito dalla violenza del “mostro” Dorian da dedicargli ben 122 tweet nel solo weekend, intercalati da altri destinati alla battaglia con la Cina per i dazi commerciali, all’indirizzo dell’ormai ex direttore dell’FBI James Comey e ad una fresca polemica con Debra Messing, l’attrice di “Will and Grace” che aveva stuzzicato il presidente chiedendogli di rendere pubblici i nomi di coloro che si dichiaravano pronti a sostenere finanziariamente la sua campagna elettorale del prossimo anno.

Tutto questo mentre calpestava i prati di un club di golf in Virginia, vista l’impossibilità di raggiungere il suo Mar-a-Lago, in Florida, causa appunto la minaccia di Dorian. Peccato però che nella foga qualche tweet fosse del tutto sbagliato, ma così tanto da costringere le autorità a rettificare prima che si scatenasse il panico. Per essere più precisi, alle 7:45 del mattino di domenica, dopo aver ricevuto gli aggiornamenti meteo, Trump scrive che “Oltre alla Florida, la Georgia, la Carolina del Nord e quella del Sud, anche l’Alabama sarà pesantemente colpita in modo molto più duro del previsto”.



Inevitabile: fra i cittadini dell’Alabama, che nessuno aveva chiamato in causa fino a quel momento, si scatena il panico. A prendere provvedimenti è stato il “National Weather Service”, costretto a rettificare il contenuto del tweet ripetendo più e più volte che l’Alabama non è sul percorso distruttivo di Dorian.



La correzione ha stizzito Trump, che ha bacchettato un giornalista della “ABC” che il giorno dopo ha osato ironizzare sull’errore. Neanche il tempo di assorbire il colpo, e il ditino veloce di Trump è tornato all’attacco con un nuovo tweet che questa volta ha lasciato gli americani ancora più perplessi: “Sembra che Mar-a-Lago si trovi in un punto sicuro. Ma quello è un posto che sa gestirsi da solo”. In tanti gli hanno fatto notare che la sua amata tenuta era forse il problema minore, visto quello che stava succedendo in altre parti del paese.

Per finire in bellezza con un tweet di autoignoranza: “Una categoria 5 è qualcosa di cui so a malapena l’esistenza”. Questa volta, contro la twittata si è schierata compatta la “Capital Weather Gang”, il gruppo di metereologi del Washington Post, che al di là della facile ironia ha fatto notare quanto l’ignoranza del presidente “potrebbe rallentare la risposta del governo di fronte ai disastri o contribuire a creare confusione e caos ai massimi livelli”.

La vicenda è stata riportata in queste ore dal New York Times, che ha chiuso l’ampio servizio sui tweet di Trump con un articolo dello storico Julian E. Zelizer, che ha ricordato la reazione di alcuni predecessori dell’attuale presidente di fronte alle catastrofi naturali. Nel 1965, Lyndon B. Johnson reagì all’uragano “Betsy” supervisionando di persona le operazioni di soccorso e salvataggio della popolazione di New Orleans. L’esatto contrario di George W. Bush, la cui risposta lentissima alla violenza dell’uragano Katrina costò la vita a quasi 2mila persone. “Trump non ricorda nessuno dei suoi due predecessori: fa così tanta confusione da aver inaugurato una terza categoria”.

Galleria fotografica
Dorian colpisce anche Trump - immagine 1
Dorian colpisce anche Trump - immagine 2
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”