Dorian colpisce anche Trump

| L’uragano che sta flagellando la costa est degli Stati Uniti è stato protagonista di una serie di tweet del presidente pieni di errori e leggerezze

+ Miei preferiti
L’uragano Dorian prosegue la corsa seminando morte e distruzione, ma anche magre figure. Queste ultime sono quelle che inanellato Donald Trump, così colpito dalla violenza del “mostro” Dorian da dedicargli ben 122 tweet nel solo weekend, intercalati da altri destinati alla battaglia con la Cina per i dazi commerciali, all’indirizzo dell’ormai ex direttore dell’FBI James Comey e ad una fresca polemica con Debra Messing, l’attrice di “Will and Grace” che aveva stuzzicato il presidente chiedendogli di rendere pubblici i nomi di coloro che si dichiaravano pronti a sostenere finanziariamente la sua campagna elettorale del prossimo anno.

Tutto questo mentre calpestava i prati di un club di golf in Virginia, vista l’impossibilità di raggiungere il suo Mar-a-Lago, in Florida, causa appunto la minaccia di Dorian. Peccato però che nella foga qualche tweet fosse del tutto sbagliato, ma così tanto da costringere le autorità a rettificare prima che si scatenasse il panico. Per essere più precisi, alle 7:45 del mattino di domenica, dopo aver ricevuto gli aggiornamenti meteo, Trump scrive che “Oltre alla Florida, la Georgia, la Carolina del Nord e quella del Sud, anche l’Alabama sarà pesantemente colpita in modo molto più duro del previsto”.



Inevitabile: fra i cittadini dell’Alabama, che nessuno aveva chiamato in causa fino a quel momento, si scatena il panico. A prendere provvedimenti è stato il “National Weather Service”, costretto a rettificare il contenuto del tweet ripetendo più e più volte che l’Alabama non è sul percorso distruttivo di Dorian.



La correzione ha stizzito Trump, che ha bacchettato un giornalista della “ABC” che il giorno dopo ha osato ironizzare sull’errore. Neanche il tempo di assorbire il colpo, e il ditino veloce di Trump è tornato all’attacco con un nuovo tweet che questa volta ha lasciato gli americani ancora più perplessi: “Sembra che Mar-a-Lago si trovi in un punto sicuro. Ma quello è un posto che sa gestirsi da solo”. In tanti gli hanno fatto notare che la sua amata tenuta era forse il problema minore, visto quello che stava succedendo in altre parti del paese.

Per finire in bellezza con un tweet di autoignoranza: “Una categoria 5 è qualcosa di cui so a malapena l’esistenza”. Questa volta, contro la twittata si è schierata compatta la “Capital Weather Gang”, il gruppo di metereologi del Washington Post, che al di là della facile ironia ha fatto notare quanto l’ignoranza del presidente “potrebbe rallentare la risposta del governo di fronte ai disastri o contribuire a creare confusione e caos ai massimi livelli”.

La vicenda è stata riportata in queste ore dal New York Times, che ha chiuso l’ampio servizio sui tweet di Trump con un articolo dello storico Julian E. Zelizer, che ha ricordato la reazione di alcuni predecessori dell’attuale presidente di fronte alle catastrofi naturali. Nel 1965, Lyndon B. Johnson reagì all’uragano “Betsy” supervisionando di persona le operazioni di soccorso e salvataggio della popolazione di New Orleans. L’esatto contrario di George W. Bush, la cui risposta lentissima alla violenza dell’uragano Katrina costò la vita a quasi 2mila persone. “Trump non ricorda nessuno dei suoi due predecessori: fa così tanta confusione da aver inaugurato una terza categoria”.

Galleria fotografica
Dorian colpisce anche Trump - immagine 1
Dorian colpisce anche Trump - immagine 2
Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare