Due sparatorie a Washington DC: 4 morti

| A mezzora di distanza una dall’altra, due scontri a fuoco in altrettanti complessi residenziali nelle vicinanze della Casa Bianca: il bilancio delle vittime è ancora provvisorio

+ Miei preferiti
La polizia ha confermato 4 morti e nove feriti: è il bilancio provvisorio dell’ennesima notte di follia sulle strade americane, culminata in due diverse sparatorie sulle strade di Washington DC. Il primo conflitto a fuoco si sarebbe consumato intorno alle 22 ora locale (le 4 del mattino in Italia) nel cortile di un complesso residenziale al numero 1300 di Columbia Heights, una zona popolare nella parte nord di Washington, a circa tre km dalla Casa Bianca.

Stuart Emerman, comandante del terzo distretto di polizia ha aggiunto che le vittime sono cinque uomini e una donna: i feriti sono stati ricoverati in ospedale, ma non sarebbero in pericolo di vita. Mentre si stanno visionando i filmati delle telecamere di sorveglianza, la polizia è sulle tracce di due “Uomini armati di fucile stile AK”, avvistati nella parte posteriore del complesso.

La seconda sparatoria è stata segnalata circa mezzora dopo nel blocco residenziale al numero 1400 di Rhode Island NE. Il bilancio sarebbe più pesante: tre persone sono state uccise e altre due sono ferite in modo grave.

Non è ancora chiaro se le due sparatorie siano collegate fra loro, e neanche è dato sapere la sorte degli attentatori: la polizia aveva diramato la segnalazione di una berlina Nissan di colore chiaro, ma l’allarme era poi rientrato.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa