Due sparatorie a Washington DC: 4 morti

| A mezzora di distanza una dall’altra, due scontri a fuoco in altrettanti complessi residenziali nelle vicinanze della Casa Bianca: il bilancio delle vittime è ancora provvisorio

+ Miei preferiti
La polizia ha confermato 4 morti e nove feriti: è il bilancio provvisorio dell’ennesima notte di follia sulle strade americane, culminata in due diverse sparatorie sulle strade di Washington DC. Il primo conflitto a fuoco si sarebbe consumato intorno alle 22 ora locale (le 4 del mattino in Italia) nel cortile di un complesso residenziale al numero 1300 di Columbia Heights, una zona popolare nella parte nord di Washington, a circa tre km dalla Casa Bianca.

Stuart Emerman, comandante del terzo distretto di polizia ha aggiunto che le vittime sono cinque uomini e una donna: i feriti sono stati ricoverati in ospedale, ma non sarebbero in pericolo di vita. Mentre si stanno visionando i filmati delle telecamere di sorveglianza, la polizia è sulle tracce di due “Uomini armati di fucile stile AK”, avvistati nella parte posteriore del complesso.

La seconda sparatoria è stata segnalata circa mezzora dopo nel blocco residenziale al numero 1400 di Rhode Island NE. Il bilancio sarebbe più pesante: tre persone sono state uccise e altre due sono ferite in modo grave.

Non è ancora chiaro se le due sparatorie siano collegate fra loro, e neanche è dato sapere la sorte degli attentatori: la polizia aveva diramato la segnalazione di una berlina Nissan di colore chiaro, ma l’allarme era poi rientrato.

Stati Uniti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo
Trump contro il Pentagono
Trump contro il Pentagono
“Non mi amano, perché pensano solo a fare la guerra”: durissimo affondo del Presidente contro il Dipartimento della Difesa. L’ultimo atto di una guerra di nervi che va avanti da tempo