Eddie Gallagher, uno psicopatico
nei Navy Seal

| Il New York Times ha avuto accesso alle interviste dei commilitoni di “The Blade”, il loro comandante accusato di crimini di guerra e graziato da Trump, definito un pazzo, violento, tossico e cattivo

+ Miei preferiti
La vicenda di Edward Gallagher, ex ufficiale pluridecorato dei “Navy Seal” e del temutissimo “Team Seven Alpha Platoon”, ha tenuto banco per settimane: conosciuto come “The Blade”, la lama, era stato accusato di crimini di guerra per aver ucciso senza motivo un giovane prigioniero iracheno in Iraq nel 2017. A capo delle operazioni speciali durante l’offensiva americana per strappare Mosul all’Isis, Gallagher era stato denunciato da sette uomini del suo plotone, ma il processo a suo carico si era concluso con la piena assoluzione accompagnata dalla grazia del presidente Trump.

Ma adesso, suo conto di “The Blade” si addensano nuove ombre scure: il “New York Times” ha avuto accesso ad alcune videointerviste utilizzate nel corso delle indagini in cui Gallagher è descritto come “Un vero mostro”, un uomo “Tossico, malvagio e cattivo” per cui “È lecito sparare qualsiasi cosa si muova”, così lo definiscono alcuni ex uomini del suo plotone: Craig Miller, Corey Scott e Joshua Vriens.

Il caso dei crimini di guerra di Gallagher si è guadagnato l’attenzione nazionale dopo che il Presidente Trump è intervenuto in modo controverso, ignorando il parere dei vertici del Pentagono secondo cui una tale presa di posizione avrebbe potuto danneggiare l’integrità del sistema giudiziario militare.

Nei video ottenuti dal NYT, i membri del plotone accusano Gallagher di aver sparato senza motivo ad un dodicenne sospettato di far parte dell’Isis, definendo Gallagher come uno “psicopatico” che negli ultimi tempi aveva preso di mira i civili.

Le interviste erano state incluse nei fascicoli investigativi della Marina Militare per istruire il processo contro Edward Gallagher, accusato di crimini di guerra, e forniscono una rara eccezione del codice di silenzio e omertà che copre la forza d’élite della marina americana.

“La mia prima reazione ai video è stata la sorpresa e il disgusto per il fatto che hanno inventato menzogne su di me, ma mi sono subito reso conto che avevano paura che la verità venisse fuori per come vigliaccamente hanno agito in azione - ha commentato Gallagher – ma mi è dispiaciuto che abbiano ritenuto necessario infangare il mio nome, senza mai rendersi conto di quali sarebbero state le conseguenze delle loro menzogne. Per quanto fossi sconvolto, i video mi hanno anche dato fiducia, perché sapevo che le loro bugie non avrebbero retto sotto un vero interrogatorio e che la giuria avrebbe capito la verità. Le loro bugie e il rifiuto del Naval Criminal Investigative Service di fare domande difficili o di considerare per veritiere le loro storie hanno rafforzato la mia determinazione ad andare in tribunale e riabilitare il mio nome”. Secondo Timothy Parlatore, l’avvocato di Gallagher, le interviste dei SEAL contenevano falsità e incongruenze che al contrario sono state “una chiara tabella di marcia verso l’assoluzione”.

Gallagher era stato condannato nel luglio scorso per aver portato discredito alle forze armate dopo aver posato in una foto accanto al cadavere di un combattente dell’Isis morto nel 2017 in Iraq: è stato assolto dall’accusa di omicidio premeditato. Il caso ha subito una svolta quando un testimone chiave dell’accusa si è addossato la colpa di aver ucciso il prigioniero. Ma contro la testimonianza c’era quella di Corey Scott, un medico dei “Seal” che ha raccontato di aver visto Gallagher estrarre il suo coltello e pugnalare il prigioniero.

Dopo il processo, Gallagher è stato retrocesso di grado, una decisione che Trump ha ribaltato con una mossa che ha fatto arrabbiare i vertici militari e ha portato a una revisione del suo status nei Navy Seal: il 30 novembre la decisione di lasciare la Marina.

Galleria fotografica
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 1
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 2
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 3
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 4
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 5
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 6
Eddie Gallagher, uno psicopatico<br>nei Navy Seal - immagine 7
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti