El Chapo nell’inferno dell’ADX Florence

| Il giudice aveva accordato altri 60 giorni nel carcere di Brooklyn per permettere al legale di preparare l’appello, ma le autorità carcerarie hanno voluto trasferirlo nell’Alcatraz on the Rocks, prigione da cui non è mai evaso nessuno

+ Miei preferiti
Nessuno è mai riuscito a fuggire dall’ADX Florence, penitenziario maschile di massica sicurezza, di livello “Supermax” nella contea di Fremont, in Colorado. È la nuova “casa di Joaquín “El Chapo” Guzmán, uno dei più famosi trafficanti di droga del pianeta, che da venerdì è rinchiuso fino alla fine dei suoi giorni nell’Alcatraz ton the Rockies, com’è conosciuto. L’ADX Florence può contenere 490 detenuti, i peggiori criminali della storia recente d’America, tutti detenuti in regime di totale isolamento, che passano 22 ore e mezza al giorno in una cella di cemento e acciaio di 2,1 per 3,6 metri, dalla quale possono uscire solo con manette ai piedi e alle mani.



Per spiegare il senso di questa fortezza inviolabile basta aggiungere che l’obiettivo non è il recupero sociale dei detenuti, ma “la protezione della società dalla loro presenza.

El Chapo, che possiede ranch in ogni stato messicano, compresi uno zoo con pantere e leoni, un treno personale e uno yacht chiamato “Chapito”, deve aver capito che è letteralmente impossibile fuggire da questa struttura circondata da torri di guardia e uomini pesantemente armati. Un’impresa impossibile anche per lui, per due volte fuggito dalle prigioni messicane, nel 2001 e nel 2015. 

Tra i suoi compagni di prigionia “Unabomber” Ted Kaczynski, Terry Nichols, uno degli attentatori di Oklahoma City, il britannico Richard Reid, che voleva far saltare un aereo con dell’esplosivo nascosto in una scarpa, e Dzhokhar Tsarnaev, l’attentatore della maratona di Boston, in attesa di essere giustiziato.

Secondo Robert Hood, ex guardia di Florence, la prigione è “una versione dell’inferno, solo un po’ più pulita, ma molto peggio della morte”.

Dopo un processo mediatico di tre mesi nel tribunale federale di Brooklyn, El Chapo è stato giudicato colpevole di 10 capi d'accusa tra cui traffico di droga, riciclaggio di denaro e possesso e uso di armi da fuoco.

Il governo degli Stati Uniti sostiene che nei 25 anni della sua carriera criminale, El Chapo sia riuscito  riuscito a introdurre 1.213 tonnellate di droga, 1,44 tonnellate di cocaina di base, 222 kg di eroina, quasi 50 tonnellate di marijuana e una quantità imprecisata di metamfetamine.

È stato estradato negli Stati Uniti nel gennaio 2017, e da allora è stato imprigionato in un isolamento quasi totale nella prigione di MCC, senza luce naturale o aria fresca e senza alcuna possibilità di fare esercizi all’aperto.

“L’ADX sarà come una passeggiata nel parco” per El Chapo, dopo quello che ha vissuto nella prigione di New York”, ha detto il suo avvocato, Jeffrey Lichtman, ai giornalisti. Tuttavia, Lichtman aveva chiesto al giudice Brian Cogan di non trasferire El Chapo per poter preparare l’appello alla sua sentenza: il giudice ha concesso 60 giorni in più a New York, ma le autorità carcerarie hanno deciso di trasferirlo immediatamente in Colorado.

Essere rinchiuso al MCC per 30 mesi “è stata una tortura continua emotiva, psicologica e mentale”, ha detto El Chapo al giudice Cogan poco prima della sentenza. “È la cosa più disumana che abbia mai sperimentato in vita mia”, ha aggiunto, lamentando di dover bere acqua sporca e di essersi costruito con carta igienica dei tappi per le orecchie per attenuare il rumore dei condotti di ventilazione. Ha fatto anche presente che non gli è stato permesso di abbracciare le figlie e che ad Emma, la giovane moglie, non è mai stato concesso di fargli visita.

Galleria fotografica
El Chapo nell’inferno dell’ADX Florence - immagine 1
Stati Uniti
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari