El Chapo progetta la fuga, nessuna concessione

| I suoi legali hanno chiesto due ore d’aria, ma la procura distrettuale di New York ha negato ogni privilegio nel timore che possa progettare una nuova evasione. Il 25 giugno è prevista la sentenza definitiva

+ Miei preferiti
Joaquín Archi Guzmán Loera, per il mondo “El Chapo”, attende dal 12 febbraio scorso, data in cui il tribunale di New York l’ha dichiarato colpevole di 10 capi d’imputazione, l’ammontare della pena da scontare. È rinchiuso in regime di detenzione solitaria in una cella senza finestre di tre metri per 2,5 nell’ala di massima sicurezza del “Metropolitan Correctional Center” di Manhattan, a pochi passi dal ponte di Brooklyn. Da allora, i suoi avvocati fanno di tutto per rendergli più confortevole il soggiorno nelle patrie galere americane, ma senza molta fortuna. Di recente, El Chapo ha fatto domanda alla procura distrettuale di New York per ottenere il diritto a due ore settimanali di esercizio all’aria aperta, tappi per le orecchie e la possibilità di acquistare una confezione di sei bottiglie d’acqua naturale. Richieste che con un minimo di umanità, sarebbero state quasi certamente concesse a qualsiasi prigioniero, ma non ad uno come l’ex signore del cartello messicano di Sinaloa.

La risposta è stata un secco “No” su tutta la linea, ampiamente motivata dal tribunale con il sospetto che la richiesta nasconda i privilegi per riuscire a organizzare una nuova, clamorosa fuga. Nella carriera da detenuto di El Chapo se ne contano ben due: la prima nel 2001, quando con l’aiuto di complici si infila in un carrello della lavanderia ed esce tranquillamente dal centro federale di reintegrazione sociale “La Palma”, dove trova ad attenderlo un’auto con il motore caldo e le portiere aperte. Lo riacciuffano chiudendolo nel più sicuro “Centro Federal de Readaptation Social no. 1”, ma un anno dopo El Chapo si cala nel foro nel pavimento della zona delle docce: 1,5 km di tunnel, con tanto di luce, condotti di aerazione e addirittura una motocicletta per fare più in fretta. Ma per i legali di El Chapo, si tratta di una plateale violazione del trattamento equo e umano previsto dall’ottavo emendamento della costituzione americana. Il detenuto, hanno fatto presente nella richiesta, “soffre per la privazione di contatto con l’aria aperta e 27 mesi di reclusione hanno inciso su psiche e salute”.

La sentenza è prevista per il prossimo 25 giugno: il giudice Brian Cogan ha suggerito tre ergastoli, senza sospensione della pena e scarcerazione anticipata.

Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi