El Chapo si era comprato il Messico

| Alex Cifuentes, ex braccio destro del boss del cartello di Sinaloa, accusa l’ex presidente messicano Enrique Peña Nieto di aver ricevuto una tangente da 100 milioni di dollari. Diversi i politici e funzionari pagati

+ Miei preferiti
Alex Cifuentes, uno dei testimoni al processo in corso a New York contro Joaquín Guzmán, “El Chapo”, ha ammesso di essere stato per anni uno stretto collaboratore del boss del cartello di Sinaloa, raccontando di una tangente da 100 milioni di dollari pagata all’ex presidente messicano Enrique Peña Nieto, in carica dal 2012 al 2018.

Guzmán, 61 anni, è sotto processo a Brooklyn dallo scorso novembre dopo essere stato estradato dal Messico per affrontare l’accusa di traffico di droga come leader di quello che gli Stati Uniti hanno definito il più grande cartello della droga del mondo. Secondo quanto riportato dai media americani che assistono alle varie fasi del processo, Peña Nieto aveva chiesto 250 milioni di dollari prima di “accontentarsi” di 100. Cifuentes ha raccontato che la consegna del denaro è avvenuta a Città del Messico nell’ottobre del 2012 da un amico di El Chapo.

Cifuentes, che si è definito il “braccio destro” di El Chapo, ha lavorato come suo segretario passando due anni a nascondersi sulle montagne messicane. È stato arrestato in Messico nel 2013 e successivamente estradato negli Stati Uniti, dove si è dichiarato colpevole di traffico di droga. Peña Nieto ha respinto le accuse di corruzione emerse dall’inizio del processo.

Il processo presso il Tribunale distrettuale federale di Brooklyn è un mostruoso meccanismo di imponenti misure di sicurezza, con guardie armate ovunque e metal detector installati in diverse aree dell’edificio che conduce all’aula del tribunale, all’ottavo piano. All’esterno, parte della strada è totalmente bloccata. Il processo ha offerto macabri dettagli sugli omicidi perpetrati dai trafficanti di droga e accuse sorprendenti sulla rete di corruzione di funzionari statali.

L’avvocato di Guzmán, Jeffrey Lichtman, ha sostenuto che il vero leader del cartello di Sinaloa è Ismael “El Mayo” Zambada. Nella sua tesi, sostiene che Zambada è sopravvissuto all’azione penale corrompendo l’intero governo messicano, compresi Peña Nieto e l’ex presidente Felipe Calderón. Accuse che i due hanno immediatamente respinto, definendole “assolutamente false e sconsiderate”.

Lo scorso novembre un altro membro del cartello ha riferito che un collaboratore dell’attuale presidente messicano Andrés Manuel López Obrador sarebbe stato corrotto nel 2005. Secondo Cifuentes El Chapo aveva ordinato anche il pagamento di una tangente di 10 milioni di dollari a un generale, ma in seguito ha deciso di farlo uccidere.

Stati Uniti
Trump pretende pugno duro
contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro<br>contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti