El Chapo si era comprato il Messico

| Alex Cifuentes, ex braccio destro del boss del cartello di Sinaloa, accusa l’ex presidente messicano Enrique Peña Nieto di aver ricevuto una tangente da 100 milioni di dollari. Diversi i politici e funzionari pagati

+ Miei preferiti
Alex Cifuentes, uno dei testimoni al processo in corso a New York contro Joaquín Guzmán, “El Chapo”, ha ammesso di essere stato per anni uno stretto collaboratore del boss del cartello di Sinaloa, raccontando di una tangente da 100 milioni di dollari pagata all’ex presidente messicano Enrique Peña Nieto, in carica dal 2012 al 2018.

Guzmán, 61 anni, è sotto processo a Brooklyn dallo scorso novembre dopo essere stato estradato dal Messico per affrontare l’accusa di traffico di droga come leader di quello che gli Stati Uniti hanno definito il più grande cartello della droga del mondo. Secondo quanto riportato dai media americani che assistono alle varie fasi del processo, Peña Nieto aveva chiesto 250 milioni di dollari prima di “accontentarsi” di 100. Cifuentes ha raccontato che la consegna del denaro è avvenuta a Città del Messico nell’ottobre del 2012 da un amico di El Chapo.

Cifuentes, che si è definito il “braccio destro” di El Chapo, ha lavorato come suo segretario passando due anni a nascondersi sulle montagne messicane. È stato arrestato in Messico nel 2013 e successivamente estradato negli Stati Uniti, dove si è dichiarato colpevole di traffico di droga. Peña Nieto ha respinto le accuse di corruzione emerse dall’inizio del processo.

Il processo presso il Tribunale distrettuale federale di Brooklyn è un mostruoso meccanismo di imponenti misure di sicurezza, con guardie armate ovunque e metal detector installati in diverse aree dell’edificio che conduce all’aula del tribunale, all’ottavo piano. All’esterno, parte della strada è totalmente bloccata. Il processo ha offerto macabri dettagli sugli omicidi perpetrati dai trafficanti di droga e accuse sorprendenti sulla rete di corruzione di funzionari statali.

L’avvocato di Guzmán, Jeffrey Lichtman, ha sostenuto che il vero leader del cartello di Sinaloa è Ismael “El Mayo” Zambada. Nella sua tesi, sostiene che Zambada è sopravvissuto all’azione penale corrompendo l’intero governo messicano, compresi Peña Nieto e l’ex presidente Felipe Calderón. Accuse che i due hanno immediatamente respinto, definendole “assolutamente false e sconsiderate”.

Lo scorso novembre un altro membro del cartello ha riferito che un collaboratore dell’attuale presidente messicano Andrés Manuel López Obrador sarebbe stato corrotto nel 2005. Secondo Cifuentes El Chapo aveva ordinato anche il pagamento di una tangente di 10 milioni di dollari a un generale, ma in seguito ha deciso di farlo uccidere.

Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare