El Chapo, ultimo indirizzo conosciuto

| L’ADX di Florence, “Alcatraz on the Rockies”, un carcere di massima sicurezza da cui non è mai evaso nessuno. Fra i detenuti alcuni dei peggiori criminali della storia recente americana: è il posto a cui è destinato l’ex narcotrafficante

+ Miei preferiti
Hahi Bagcho, afgano, condannato a 20 ergastoli per traffico di droga, Theodore Kaczynski, 8 ergastoli, l’Unabomber americano, Terry Nichols, uno degli attentatori di Oklahoma City, 161 ergastoli, Zakariya Musawi, membro di Al-Qaeda, 6 ergastoli. Sono alcuni dei prossimi amici di Joaquin Archivaldo Guzman Loera, “El Chapo”, il boss del cartello di Sinaloa che attende di conoscere la pena da scontare dopo la condanna del tribunale di Brooklyn del 12 febbraio scorso. Ma una certezza, El Chapo, ce l’ha già: è probabilmente destinato allo “United States Penitentiary Administrative Maximum Facility” della Contea di Fremont, in Colorado, a sud di Florence, sulla Highway 67.

In America, e nel mondo intero, è conosciuto come il “Supermax” o peggio ancora, “Alcatraz in the Rockies”: è un carcere maschile di massima sicurezza che può contenere fino a 490 detenuti, molti dei quali resi tristemente celebri da attentati terroristici o atti di spionaggio che hanno messo a rischio la sicurezza nazionale. Un posto descritto come durissimo, più volte finito sotto accusa da “Amnesty International”, che in realtà non ha mai nascosto il motivo per cui è nato: nessuna intenzione di riabilitare i detenuti, bensì “proteggere la società dalla loro presenza”. In un’intervista, Robert Hood, direttore dal 2002 al 2005, lo descrisse come un posto che “Non è fatto per l’umanità: è come l’inferno, solo più pulito”.

I detenuti vivono in regime di isolamento per 23 ore al giorno, con monitoraggio continuo attraverso telecamere a infrarossi in celle tre metri e pezzo per due con una finestra di pochi centimetri da cui vedere all’esterno e armadi in cemento armato. Nessun contatto fra detenuti, nessuna attività fisica, nessuna possibilità di partecipare neanche alla messa: un’ora d’aria al giorno in una gabbia circondata da agenti armati. Intorno al carcere, il nulla. Una strada dritta per km, controllatissima dalle telecamere e dove superare le 55 miglia orarie significa vedersi piombare addosso le pattuglie della polizia con le armi spianate. La cittadina, Florence, a quasi 200 km da Denver, 3.653 anime, il 92,77% bianchi, è uno degli ultimi avamposti di umanità prima degli sconfinati boschi del Colorado.

Per El Chapo, l’ADX di Florence rappresenta un bel problema: difficile che gli riescano le rocambolesche evasioni che era riuscito ad architettare nelle prigioni messicane: la prima nascondendosi nel cesto della biancheria, la seconda scavando un tunnel partendo dalla doccia. Difficile anche perché dal 1994, anno dell’apertura, nessuno è mai riuscito a evadere. È dello stesso avviso Thomas Kucharski, professore al “John Jay College of Criminal Justice” di New York: “Possibilità di fuga pari a zero”.

Tante le testimonianze di detenuti che hanno raccontato un’esistenza sfinente. Mahmud Abouhalima, uno degli attentatoti del World Trade Center del 1993: “Passo le giornate seduto in una stanza di tre metri: è il mio mondo, la mia sala da pranzo, il posto in lui leggo, scrivo, dormo, cammino, faccio i bisogni”. Ma diversi anche i casi di detenuti finiti con l’accusare problemi mentali, come Jake Powers, rapinatore di banche che arrivò ad amputarsi un dito e i lobi delle orecchie.

Galleria fotografica
El Chapo, ultimo indirizzo conosciuto - immagine 1
El Chapo, ultimo indirizzo conosciuto - immagine 2
El Chapo, ultimo indirizzo conosciuto - immagine 3
El Chapo, ultimo indirizzo conosciuto - immagine 4
Stati Uniti
Troppo caldo, la polizia chiede una tregua ai delinquenti
Troppo caldo, la polizia chiede una tregua ai delinquenti
Il dipartimento di polizia di Braintree, nel Massachusetts, ha chiesto ai propri concittadini di non commettere reati fino al ritorno dell’aria più fresca
Due giovani turisti trovati morti in Canada
Due giovani turisti trovati morti in Canada
Fidanzati, lui australiano e lei americana, erano partiti con l’idea di esplorare i parchi canadesi. La polizia, anche se cautamente, sospetta siano vittime di un duplice omicidio
Preti e suore arrestati per proteste contro Trump
Preti e suore arrestati per proteste contro Trump
Diversi gruppi cattolici hanno improvvisato un pacifico sit-in di protesta all’interno del senato americano: decine di persone sono state arrestate
Guarda un film porno, uccide un operaio
Guarda un film porno, uccide un operaio
È iniziato il processo a carico di un camionista del Minnesota che guardava video porno mentre guidava: una distrazione che è costata la vita a un uomo di 59 anni
Trump evita l’impeachment
Trump evita l’impeachment
La camera boccia la richiesta di messa in stato d’accusa per i tweet contro le quattro deputate di colore. Entusiasmo del presidente, ma i Dem replicano: è solo rinviata
Ergastolo per El Chapo
Ergastolo per El Chapo
Dopo la condanna dello scorso febbraio, per l’ex boss del cartello di Sinaloa è arrivata la pena da scontare: carcere a vita, più 30 anni aggiuntivi e 12,6 miliardi di dollari di risarcimento. Sarà rinchiuso al “Supermax”
USA: 130 morti al giorno per overdose
USA: 130 morti al giorno per overdose
Una strage quotidiana dovuta agli oppioidi, la nuova frontiera della tossicodipendenza, che sta iniziando a mietere vittime anche in Europa. Alla Scozia il primato peggiore dell’UE
USA: influencer decapitata dal fidanzato
USA: influencer decapitata dal fidanzato
Bianca Devins, 17 anni, è stata uccisa in modo orribile da Brandon Clark, il suo fidanzato 21nne, a sua volta fermato poco prima di togliersi la vita
Trovata morta un’attivista nera
Trovata morta un’attivista nera
Il cadavere di una donna, nota per le sue battaglie civili, ritrovato nel bagagliaio di un’auto. La polizia indaga per omicidio
Vogliono espugnare l’Area 51
Vogliono espugnare l’Area 51
Per scherzo, un runner australiano ha dato appuntamento il 20 settembre prossimo davanti ai cancelli dell’area segreta nel deserto del Nevada