Ergastolo per El Chapo

| Dopo la condanna dello scorso febbraio, per l’ex boss del cartello di Sinaloa è arrivata la pena da scontare: carcere a vita, più 30 anni aggiuntivi e 12,6 miliardi di dollari di risarcimento. Sarà rinchiuso al “Supermax”

+ Miei preferiti
Con la parola “ergastolo”, si chiude definitivamente la carriera di Joaquín Guzmán Loera, per tutti “El Chapo”, il più celebre e spietato narcotrafficante del mondo. Per l’ex boss del cartello di Sinaloa, 62 anni, è arrivata la pronuncia della corte federale di New York che a febbraio lo aveva condannato per tutti e dieci i capi di imputazione, compresi omicidio, traffico di sostanze stupefacenti, riciclaggio di denaro e uso di armi da fuoco.

Un processo “monster”, con 56 testimoni ascoltati in aula, di cui una quindicina suoi ex collaboratori, in cui è stata ricostruita la nascita e l’ascesa del cartello di Sinaloa, fra violenze, evasioni, fiumi di denaro e trovate sempre più fantasiose per eludere i controlli sempre più pressanti della polizia di frontiera americana.

Arrestato nel 2016 ed estradato negli Stati Uniti l’anno successivo con la garanzia di evitargli la pena di morte, El Chapo è stato condannato anche a 30 anni accessori e ala risarcimento di 12,6 miliardi di dollari. Poco prima della lettura della sentenza, il narcotrafficante messicano ha accusato il sistema carcerario americano di “tortura psicologica, emotiva e mentale, 24 ore su 24”. Uno degli avvocati del boss ha annunciato di voler richiedere un nuovo processo per presunti pregiudizi della giuria.

Nei prossimi giorni il trasferimento, con un imponente spiegamento di forze, al carcere di massima sicurezza ADX Florence, in Colorado, “l’Alcatraz delle Montagne Rocciose”, il più sicuro degli Stati Uniti.

Stati Uniti
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg
La discesa di Jared e Ivanka, che New York non vuole più
La discesa di Jared e Ivanka, che New York non vuole più
La scena sociale a cui erano abituati prima della parentesi politica ha già iniziato a prendere le distanze dalla “coppia reale”, in realtà mai troppo digerita